USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile

| Lo dice o “State of the Air”, un report che illustra chiaramente quanto il cambiamento climatico e le politiche ambientali non efficaci stiano minando l’esistenza di milioni di americani

+ Miei preferiti
A Donald Trump, che ha sempre negato le conseguenze del cambiamento climatico e dato nuovo impulso alle industrie del carbone, leggere lo “State of the Air” non piacerà.

Secondo il report, diffuso dall’American Lung Association, la qualità dell’aria negli Stati Uniti è drammaticamente peggiorata rispetto agli anni precedenti, costringendo circa 150 milioni di persone - quasi la metà della popolazione - a respirare aria malsana e fortemente inquinata.

“Ci stiamo muovendo nella direzione sbagliata, con quasi 21 milioni di persone in più che respirano aria sporca rispetto al rapporto dello scorso anno”, ha commentato Paul Billings, vice presidente dell’ALA.

Quest’anno ricorre il 50esimo anniversario del “Clean Air Act”, che mezzo secolo fa ha incaricato l’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti di regolamentare tutte le fonti di emissione nell’aria. L’obiettivo era quello di ridurre l’inquinamento atmosferico e le piogge acide, aumentare la qualità dell’aria, rallentare il cambiamento climatico e proteggere lo strato di ozono. Secondo l’EPA, grazie alla legge si è assistito ad un calo del 50% delle emissioni dei principali inquinanti atmosferici a partire dal 1990, anno in cui è stata approvata una serie di nuovi emendamenti.

Sotto l’amministrazione Trump, tuttavia, alcune di queste norme sono state ritirate o non regolamentate, e la mancanza di applicazione - insieme al peggioramento del cambiamento climatico - ha portato alla recente inversione dei guadagni in termini di qualità dell’aria. “Se non c’è qualcuno che vigila, sappiamo bene che chi inquina aggira le regole, imbroglia e aumenta le emissioni. E l’inquinamento aumenterà, è già aumentato”.

Altrettanto critiche le associazioni in difesa dell’ambiente: “In tutto il mondo, l’inquinamento uccide 5 milioni di persone ogni anno e, come chiarisce il rapporto, gli Stati Uniti hanno molta strada da fare per proteggere meglio le proprie comunità - ha commentato Sarah Vogel, vice presidente per la salute del Fondo per la difesa ambientale - purtroppo, l’amministrazione Trump sta ancora cercando di indebolire le salvaguardie esistenti permettendo un inquinamento ancora più pericoloso nella qualità della nostra aria”.

Il 21esimo rapporto annuale “State of the Air” ha analizzato i dati del triennio 2016-2018, tre dei cinque anni più caldi della storia. Le temperature più calde hanno contribuito all’aumento dei livelli di ozono in molte aree degli Stati Uniti, influendo negativamente sulla vita di 137 milioni di persone.

Il calore generato dal cambiamento climatico ha contribuito agli incendi, soprattutto negli stati occidentali, che hanno aumentato l’inquinamento da particolato fino a livelli molto pericolosi. “Secondo il rapporto, la qualità dell’aria in alcune comunità è migliorata, ma lo ‘Stato dell’aria’ ritiene che troppe persone respirino ancora aria malsana - ha dichiarato Harold Wimmer, Presidente e CEO dell’American Lung Association - il cambiamento climatico continua a degradare la qualità dell’aria e ad aumentare il rischio che l’inquinamento atmosferico danneggi la salute”.

Anche l’esposizione a breve termine all’inquinamento da particolato può scatenare problemi cardiovascolari, ictus e attacchi d’asma, oltre a contribuire allo sviluppo della demenza, come dimostrano diversi studi. E l’inquinamento atmosferico aumenta anche il rischio di morte a causa di Covid-19: una recente indagine di Harvard ha rilevato che le contee americane con i più alti livelli di inquinamento atmosferico hanno avuto tassi di mortalità significativamente più alti per COVID-19 rispetto alle contee con livelli molto più bassi.

Galleria fotografica
USA, dove l’aria è sempre più irrespirabile - immagine 1
Ambiente
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Cala l’inquinamento, ma durerà poco
Il lockdown di quest’anno sarà come 10 secondi di rubinetti chiusi in una vasca piena d’acqua, avvertono gli esperti, che si aspettano un ritorno alla normalità pericoloso per il riscaldamento globale
Il pianeta respira
Il pianeta respira
Durante il blocco del coronavirus, l’inquinamento atmosferico è sceso a livelli senza precedenti nelle principali città del mondo
Coronavirus Vs. inquinamento
Coronavirus Vs. inquinamento
Conclusa la prima ondata di infezioni in Cina. Il nostro governo blocca gli spostamenti privati al di fuori dei comuni di residenza. Forse esiste un legame tra il virus e i gruppi sanguigni. Il lockdown sta migliorando la qualità dell’aria
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Dalla Germania arriva l’anti Greta
Praticamente sconosciuta fino a due settimane fa, la Youtuber Naomi Seibt è oggetto di un’intensa copertura mediatica
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Entro il 2100 diremo addio alle barriere coralline
Le simulazioni di un team di scienziati lascia poche speranze e lancia l’allarme: il vero nemico è il cambiamento climatico, o agiamo subito, o ci saranno conseguenze pesantissime
L’ipocrisia del Forum di Davos
L’ipocrisia del Forum di Davos
Un documento di Greenpeace ha messo in imbarazzo i partecipanti al World Economic Forum: sotto accusa banche, fondi pensioni e assicurazioni, che continuano a investire nei combustibili fossili in nome del profitto
Australia, arrestati 183 piromani
Australia, arrestati 183 piromani
Per il 70% sarebbero ragazzini: sono considerati responsabili dei 29 roghi che continuano a devastare diverse regioni. Polemiche anche sulle stime degli animali perduti, che qualcuno ipotizza possano essere 480 milioni di capi
L’Australia brucia
L’Australia brucia
Centinaia di roghi, favoriti da temperature elevatissime, sono ormai troppo estesi per sperare di essere domati. Si attendono le piogge, che non arriveranno prima di fine gennaio. Per gli esperti avranno un grane impatto sulla biodiversità
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
La California vieta l’acquisto di auto inquinanti
Con una norma che suona come una battaglia politica, il Golden State annuncia che non acquisterà auto dai marchi che si sono schierati con Trump sulle emissioni
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Amazzonia, persi 10mila km di foresta
Il tasso di deforestazione è salito al livello più alto in 11 anni, secondo i dati del governo brasiliano. Bolsonaro criticato per non aver difeso il polmone verde del mondo