USA, la rivolta di 'Cancer City'

| Gli abitanti di Reserve, Lousiana, la città con il più alto tasso di tumori e malattie per l'inquinamento di un'azienda chimica di proprietà giapponese, a Tokyo dai dirigenti dell'azienda. E il governatore è con loro

+ Miei preferiti

"Abbiamo cominciato ad andare giù con malattie strane, tumori, problemi respiratori, malattie della pelle, problemi cardiaci. Queste malattie erano così prevalenti che persino mia figlia, che lavorava come infermiera e si prendeva cura di noi quando ci ammalavamo, sta sviluppando una grave ammalttiai”. Così un residente di Reserve “Cancer City”, la città della Louisiana più a rischio cancro - e altre gravi malattie . d’America. "I medici hanno detto che si trattava di una rara condizione del sistema immunitario, causata dall’inquinamento. Altre tre donne della comunità hanno sviluppato la stessa patologia".

Il gigante dei prodotti chimici DuPont aveva gestito l'impianto per quasi mezzo secolo, prima di venderlo alla giapponese Denka poco prima che un rapporto dell'EPA lo indicasse come la causa principale del più alto rischio di cancro di qualsiasi fabbrica negli Stati Uniti, 50 volte la media nazionale.

All'inizio del mese il governo dello stato della Louisiana ha annunciato l'intenzione di citare in giudizio sia Denka che DuPont per presunte violazioni del Clean Air Act presso lo stabilimento, una mossa significativa e rara in uno stato noto per la scarsa applicazione delle norme ambientali.

Gli abitanti hanno deciso una mossa radicale e forse unica:  sono partiti in massa dalla Louisiana, hanno viaggiato sino a Tokyo per confrontarsi con i dirigenti e gli azionisti della società giapponese che gestisce l’impianto chimico responsabile di un picco di tumori e una serie di altre malattie nella loro città natale - la città a più alto rischio di cancro a causa della tossicità per via aerea ovunque negli Stati Uniti, secondo l'agenzia per la protezione dell'ambiente (EPA). Ci sono stati incontri pubblici e privati con gruppi ambientalisti e stakeholder del gigante chimico Denka, che gestisce lo stabilimento di Pontchartrain Works.

Lo stabilimento di Pontchartrain Works, inaugurato nel 1968 dal gigante chimico DuPont e venduto nel 2015 alla giapponese Denka. È l'unico sito negli Stati Uniti a produrre il neoprene di gomma sintetica, che è costituito dal composto cloroprene, classificato dal governo federale come probabile cancerogeno. Nel 2015, l'EPA ha rilevato che le emissioni dell'impianto hanno posto i residenti al più alto rischio di cancro a causa della tossicità per via aerea in tutti gli Stati Uniti.

 

Ambiente
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
Singapore, via libera alla carne creata in laboratorio
È il primo Paese al mondo ad autorizzare un prodotto nato dalla coltivazione in vitro di cellule animali. Secondo gli esperti, un settore che nei prossimi anni vivrà una crescita esponenziale
Australia, il novembre più caldo di sempre
Australia, il novembre più caldo di sempre
La colonnina di mercurio è salita ad oltre 40° di giorno scendendo a 30 di notte. La preoccupazione delle autorità, che temono nuovi e devastanti incendi
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
Il fiume sotto il ghiaccio della Groenlandia
La più grande isola del mondo perde una quantità di ghiaccio enorme e ogni anno la situazione peggiora. Lungo una valle nel nord dell’isola dovrebbe scorrere un fiume il cui studio consentirà valutazioni più precise sul clima terrestre
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Bezos: un fiume di denaro contro i cambiamenti climatici
Il fondatore di “Amazon” ha stanziato 791 milioni di dollari attraverso il “Bezos Hearth Found”, destinati a 16 Ong, scienziati e organizzazioni che si battono per proteggere il nostro pianeta
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
«L’Australia si prepari ad un futuro allarmante»
L’inchiesta scattata dopo la devastante stagione degli incendi spiega i motivi del disastro e raccomanda un’azione incisiva del Paese, soprattutto nella lotta ai cambiamenti climatici
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
14 milioni di tonnellate di microplastiche sul fondo dell’oceano
È la stima – per difetto - di uno studio realizzato da un’equipe scientifica che ha individuato nelle profondità degli oceani quantità enormi di residui plastici che stanno uccidendo flora e fauna
La guerra mondiale della monnezza
La guerra mondiale della monnezza
È quella in corso fra Oriente e Occidente, puntellata da Paesi che rispediscono al mittente mercantili carichi di rifiuti pericolosi mescolati alla plastica da riciclare
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
L’inquietante verità sul riciclaggio della plastica
Una bugia creata 50 anni fa dall’industria della plastica con il solo scopo di produrne di più. L’unica alternativa per fermare il soffocamento di mari e oceani è che chi ha invaso il pianeta, ci ripensi
Il pianeta tradito
Il pianeta tradito
Neanche uno degli obiettivi decennali della convenzione di Aichi del 2010 è stato raggiunto. È la denuncia di un rapporto delle Nazioni Unite, che lancia l’allarme: di questo passo, la nostra Terra non reggerà a lungo
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
Cinque cicloni tropicali si aggirano nell’Oceano Atlantico
È la seconda volta nella storia che si registrano contemporaneamente così tanti fenomeni climatici di forte intensità, e almeno tre preoccupano le coste americane