USA, la rivolta di 'Cancer City'

| Gli abitanti di Reserve, Lousiana, la città con il più alto tasso di tumori e malattie per l'inquinamento di un'azienda chimica di proprietà giapponese, a Tokyo dai dirigenti dell'azienda. E il governatore è con loro

+ Miei preferiti

"Abbiamo cominciato ad andare giù con malattie strane, tumori, problemi respiratori, malattie della pelle, problemi cardiaci. Queste malattie erano così prevalenti che persino mia figlia, che lavorava come infermiera e si prendeva cura di noi quando ci ammalavamo, sta sviluppando una grave ammalttiai”. Così un residente di Reserve “Cancer City”, la città della Louisiana più a rischio cancro - e altre gravi malattie . d’America. "I medici hanno detto che si trattava di una rara condizione del sistema immunitario, causata dall’inquinamento. Altre tre donne della comunità hanno sviluppato la stessa patologia".

Il gigante dei prodotti chimici DuPont aveva gestito l'impianto per quasi mezzo secolo, prima di venderlo alla giapponese Denka poco prima che un rapporto dell'EPA lo indicasse come la causa principale del più alto rischio di cancro di qualsiasi fabbrica negli Stati Uniti, 50 volte la media nazionale.

All'inizio del mese il governo dello stato della Louisiana ha annunciato l'intenzione di citare in giudizio sia Denka che DuPont per presunte violazioni del Clean Air Act presso lo stabilimento, una mossa significativa e rara in uno stato noto per la scarsa applicazione delle norme ambientali.

Gli abitanti hanno deciso una mossa radicale e forse unica:  sono partiti in massa dalla Louisiana, hanno viaggiato sino a Tokyo per confrontarsi con i dirigenti e gli azionisti della società giapponese che gestisce l’impianto chimico responsabile di un picco di tumori e una serie di altre malattie nella loro città natale - la città a più alto rischio di cancro a causa della tossicità per via aerea ovunque negli Stati Uniti, secondo l'agenzia per la protezione dell'ambiente (EPA). Ci sono stati incontri pubblici e privati con gruppi ambientalisti e stakeholder del gigante chimico Denka, che gestisce lo stabilimento di Pontchartrain Works.

Lo stabilimento di Pontchartrain Works, inaugurato nel 1968 dal gigante chimico DuPont e venduto nel 2015 alla giapponese Denka. È l'unico sito negli Stati Uniti a produrre il neoprene di gomma sintetica, che è costituito dal composto cloroprene, classificato dal governo federale come probabile cancerogeno. Nel 2015, l'EPA ha rilevato che le emissioni dell'impianto hanno posto i residenti al più alto rischio di cancro a causa della tossicità per via aerea in tutti gli Stati Uniti.

 

Ambiente
Cinque giorni nella foresta, salvato da bacche e insetti
Cinque giorni nella foresta, salvato da bacche e insetti
L'avventura di un trekker 25enne che si è perso al confine tra Idaho e Montana. "Stavo per morire di freddo, ho scritto un messaggio sul telefono a mia moglie: 'Ti amo'"
Rapito da un grizzly, ucciso e divorato
Rapito da un grizzly, ucciso e divorato
Tragica fine di un tecnico del suono 44enne francese, cercava ispirazione per un documento-film sulla natura selvaggio del fiume Mackenzie. L'attacco mentre era in tenda, illesa la sua amica
A che ora è la fine del mondo?
A che ora è la fine del mondo?
Chi avrà ragione, l’ONU che considera i prossimi anni cruciali per la sopravvivenza del genere umano, o chi invece ritiene che il riscaldamento globale sia solo una fase transitoria vissuta dal nostro pianeta? Intanto il 2050 si avvicina…
Trump, cianuro per uccidere gli animali selvatici
Trump, cianuro per uccidere gli animali selvatici
L'amministrazione Usa autorizza di nuovo gli M-44, le "bombe al cianuro" per eliminare i selvatici che danneggiano le colture o si avvicinano troppo a case ed allevamenti. Ambientalisti sdegnati
Brucia Siberia brucia
Brucia Siberia brucia
Milioni di ettari di bosco in cenere, intossicati gli abitanti di Novosibirsk. Roghi innescati da fulmini e dal caldo eccezionale di giugno. Stato d'emergenza, arriva l'Esercito. Ma la colpa può essere anche dei cambiamenti climatici
Clima: un disastro a settimana
Clima: un disastro a settimana
Il cambiamento climatico in atto è il più grave e globale nella storia dell’umanità. Lo sanno bene alle Nazioni Unite che registrano un sempre maggior numero di disastri naturali. E come se non bastasse, altre minacce arrivano dallo spazio
Greta: niente aereo, meglio la barca a vela
Greta: niente aereo, meglio la barca a vela
L'ambientalista-simbolo va a New York sulla barca a vela di Pierre Casiraghi, con pannelli solari e nessuna "fonte inquinante" per partecipare al vertice mondiale sul clima
Rimini, divieto di balneazione
Rimini, divieto di balneazione
Tegola nel pieno della stagione per la presenza di escherizia coli. Colpa delle piogge intense dei giorni scorsi che hanno costretto l'apertura degli scarichi fognari in mare. Attesa per i prossimi prelievi
Overshoot Day: finite le risorse naturali
Overshoot Day: finite le risorse naturali
Una data che ogni anno si anticipa di qualche settimana: dopo il record negativo del 2018, quest’anno il pianeta riesce a fare ancora peggio. Gli Stati Uniti il Paese più sprecone, ma l’Italia non è da meno
I bounty killer dell’anidride carbonica
I bounty killer dell’anidride carbonica
Oltre a ridurre la produzione di CO2, le ultime tecnologie stanno sviluppando metodi per catturare i gas già prodotti e imprigionarli nelle profondità della Terra. E qualcuno sta già pensando di trasportarla nello spazio