Centinaia di cani uccisi nel canile-modello

| Scandalo in Corea nel centro-rifugio di cani che prometteva di mantenere in vita tutti i randagi accolti, senza mai ricorrere all'eutanasia. Invece sono stati eliminati centinaia di quattro zampe. Dipendenti in lacrime

+ Miei preferiti

Uno dei più importanti rifugi per animali della Corea del Sud è scosso da uno scandalo per centinaia di cani uccisi segretamente con dosi di psicofarmaci nonostante all’interno venisse predicato esattamente il contrario. Questa settimana, una dozzina di dipendenti di "Coexistence of Animal Rights on Earth" (CARE) hanno chiesto le dimissioni del direttore, Park So-yeon, dopo che un informatore si è fatto avanti per affermare che il rifugio aveva eliminato segretamente più di 230 cani negli ultimi tre anni. In una dichiarazione pubblicata online, la direzione del parco ha ammesso di avere praticato l’eutanasia solo per alcuni animali presso il rifugio, un numero limitato e fatto solo come ultima risorsa per i cani malati. CARE ha da tempo condotto campagne per salvare gli animali dal commercio di carne di cane sudcoreano. Il rifugio ha guadagnato l'attenzione nazionale nel 2017 dopo che il presidente Moon Jae-in ha adottato il "primo cane" del paese, chiamato Tory, dal rifugio. Moon, da tempo sostenitore dei diritti degli animali, ha posato per le foto con lo staff di CARE, compreso il suo direttore. La settimana scorsa, un senior manager della struttura, Lim Hee-jin, ha riferito al sito web investigativo sudcoreano "Newstapa" che Park aveva segretamente ucciso i cani per anni, mentre promuoveva il rifugio come un santuario "no kill”. "Solo pochi dirigenti ne erano a conoscenza. Le ho chiesto di confessare: dite che li tenevamo in braccio, ma abbiamo dovuto ucciderli”.

Lo standard generalmente adottato per i rifugi "no kill" è quello di salvare più del 90% degli animali, e per la maggior parte di essi viene applicata un'eutanasia limitata ad animali molto malati o anziani, o a causa del sovraffollamento. Secondo Lim, la politica di CARE, con un tasso di salvataggio del 100%, ha portato rapidamente al sovraffollamento. Come risultato, il parco ha cominciato a praticare l’eutanasia, a cominciare dai cani malati e aggressivi, ma anche esemplari sani. Lim ha fornito a Newstapa una fattura - poi pubblicata online - presumibilmente da una società di raccolta di carcasse animali, che ha fatturato CARE per la raccolta di 5,7 tonnellate di resti tra il 2015 e il 2018. Un impiegato di CARE ha riferito alla CNN di aver visto il documento e confermato la cifra, ma non è chiaro quante delle carcasse fossero il risultato dell'eutanasia o di morti naturali.

Il caso di Park è stato ulteriormente rafforzato dalla registrazione di una conversazione, presumibilmente tra Park e Lim, che sembrava sostenere le affermazioni relative all’eutanasia praticata su cani sani. Ma quando i membri dei media hanno chiesto a Park di fornire una versione sulle accuse, non ci sono state risposte convincenti. In una recente conferenza stampa, trasmessa online, i dipendenti CARE hanno sollevato cartelli con la scritta "Il direttore deve dimettersi" e "Il personale CARE è stato ingannato”. Molti dei manifestanti sono stati sopraffatti dall'emozione, in lacrime mentre i loro colleghi raccontavano cosa accadeva nel canile-modello. “Mi vergogno molto e sono terribilmente dispiaciuto per gli animali che sono morti senza motivo", ha detto Lee Mi-hee, che ha lavorato a CARE per due anni e mezzo.

 
Animalia
Botswana, la misteriosa strage di elefanti
Botswana, la misteriosa strage di elefanti
Oltre 360 esemplari trovati senza vita, e altri che vagavano in apparente stato confusionale. Mentre sono in corso le analisi sui campioni, sembra esclusa l’ipotesi bracconaggio e quella di un avvelenamento dei pozzi d’acqua
Toronto, strage di cuccioli in aeroporto
Toronto, strage di cuccioli in aeroporto
Circa 500 cuccioli di boxer francesi stivati nella stiva di un aereo ucraino: 38 erano morti, gli altri presentavano segni di disidratazione e debolezza
Ucciso Rafiki, la star dei gorilla ugandesi
Ucciso Rafiki, la star dei gorilla ugandesi
Abituato al contatto con l’uomo, guidava un branco di 17 esemplari di cui ora si teme la sorte. I bracconieri catturati dopo una lunga indagine, rischiano l'ergastolo
UK, dove uccidere Bambi costa 80 euro
UK, dove uccidere Bambi costa 80 euro
A prezzi stracciatissimi, i cacciatori inglesi possono scegliere l’animale da uccidere per pochi euro. In rete è un fiorire di agenzie che offrono tour e pacchetti per tutte le tasche, e nel Regno Unito è polemica
Hudson, il falco che spiava la CIA
Hudson, il falco che spiava la CIA
Una strana vicenda mai chiarita: un falco si è piazzato per mesi nello stesso punto nel quartier generale dei servizi segreti americani. Poi è svanito
Uccisi tre puma: hanno mangiato resti umani
Uccisi tre puma: hanno mangiato resti umani
In un percorso escursionistico in Arizona, tre leoni di montagna hanno fatto scempio del cadavere di un turista. Gli animali sono stati abbattuti: “Potevano attaccare di nuovo”
Nepal, la più grande strage di animali al mondo
Nepal, la più grande strage di animali al mondo
Si svolge in questi giorni la Gadhimai, un’antichissima festa del popolo Madheshi in cui decine di migliaia di animali vengono sacrificati ad una dea
Si divertono a torturare squalo, condannati
Si divertono a torturare squalo, condannati
Accade in Florida. Il video della barbara uccisione era diventato virale, polizia e Guaerdia Costiera hanno identificato i tre uomini a bordo della barca. Carcere, mila e vigilanza speciale
USA: uccisa da un branco di cani
USA: uccisa da un branco di cani
Una 19enne del Tennesse aggredita dai cinque cani dei vicini di casa. È morta dopo una settimana di agonia
Florida, guerra contro i pitoni invasori
Florida, guerra contro i pitoni invasori
Decine di migliaia di rettili, privi di un predatore naturale, stanno infliggendo gravissimi danni all'ecosistema della Florida. Falcidiati i piccoli mammiferi, attaccati persino gli alligatori