Centinaia di cani uccisi nel canile-modello

| Scandalo in Corea nel centro-rifugio di cani che prometteva di mantenere in vita tutti i randagi accolti, senza mai ricorrere all'eutanasia. Invece sono stati eliminati centinaia di quattro zampe. Dipendenti in lacrime

+ Miei preferiti

Uno dei più importanti rifugi per animali della Corea del Sud è scosso da uno scandalo per centinaia di cani uccisi segretamente con dosi di psicofarmaci nonostante all’interno venisse predicato esattamente il contrario. Questa settimana, una dozzina di dipendenti di "Coexistence of Animal Rights on Earth" (CARE) hanno chiesto le dimissioni del direttore, Park So-yeon, dopo che un informatore si è fatto avanti per affermare che il rifugio aveva eliminato segretamente più di 230 cani negli ultimi tre anni. In una dichiarazione pubblicata online, la direzione del parco ha ammesso di avere praticato l’eutanasia solo per alcuni animali presso il rifugio, un numero limitato e fatto solo come ultima risorsa per i cani malati. CARE ha da tempo condotto campagne per salvare gli animali dal commercio di carne di cane sudcoreano. Il rifugio ha guadagnato l'attenzione nazionale nel 2017 dopo che il presidente Moon Jae-in ha adottato il "primo cane" del paese, chiamato Tory, dal rifugio. Moon, da tempo sostenitore dei diritti degli animali, ha posato per le foto con lo staff di CARE, compreso il suo direttore. La settimana scorsa, un senior manager della struttura, Lim Hee-jin, ha riferito al sito web investigativo sudcoreano "Newstapa" che Park aveva segretamente ucciso i cani per anni, mentre promuoveva il rifugio come un santuario "no kill”. "Solo pochi dirigenti ne erano a conoscenza. Le ho chiesto di confessare: dite che li tenevamo in braccio, ma abbiamo dovuto ucciderli”.

Lo standard generalmente adottato per i rifugi "no kill" è quello di salvare più del 90% degli animali, e per la maggior parte di essi viene applicata un'eutanasia limitata ad animali molto malati o anziani, o a causa del sovraffollamento. Secondo Lim, la politica di CARE, con un tasso di salvataggio del 100%, ha portato rapidamente al sovraffollamento. Come risultato, il parco ha cominciato a praticare l’eutanasia, a cominciare dai cani malati e aggressivi, ma anche esemplari sani. Lim ha fornito a Newstapa una fattura - poi pubblicata online - presumibilmente da una società di raccolta di carcasse animali, che ha fatturato CARE per la raccolta di 5,7 tonnellate di resti tra il 2015 e il 2018. Un impiegato di CARE ha riferito alla CNN di aver visto il documento e confermato la cifra, ma non è chiaro quante delle carcasse fossero il risultato dell'eutanasia o di morti naturali.

Il caso di Park è stato ulteriormente rafforzato dalla registrazione di una conversazione, presumibilmente tra Park e Lim, che sembrava sostenere le affermazioni relative all’eutanasia praticata su cani sani. Ma quando i membri dei media hanno chiesto a Park di fornire una versione sulle accuse, non ci sono state risposte convincenti. In una recente conferenza stampa, trasmessa online, i dipendenti CARE hanno sollevato cartelli con la scritta "Il direttore deve dimettersi" e "Il personale CARE è stato ingannato”. Molti dei manifestanti sono stati sopraffatti dall'emozione, in lacrime mentre i loro colleghi raccontavano cosa accadeva nel canile-modello. “Mi vergogno molto e sono terribilmente dispiaciuto per gli animali che sono morti senza motivo", ha detto Lee Mi-hee, che ha lavorato a CARE per due anni e mezzo.

 
Animalia
Bennie, il mostro del Garda
Bennie, il mostro del Garda
Un esemplare di pesce siluro di m120 kg catturato nelle acque del Lago di Garda da Jeremy Wade, star di “River Monster”
Minnesota: il gattile degli orrori
Minnesota: il gattile degli orrori
All’interno del “Minnesota Animal Rescue” di Farmington, la polizia e i veterinari hanno rivenuto un vero cimitero di gatti, quasi certamente morti di fame. Gli altri animali erano in stato di completo abbandono
Muore dissanguato per un morso del suo cane
Muore dissanguato per un morso del suo cane
Tiago, un cane di razza Corso, ha morso all’avambraccio il padrone recidendogli l’arteria omerale. Poco dopo ha tentato di aggredire anche la moglie dell'uomo, che è riuscita a difendersi
Un memory day per l'amato coccodrillo
Un memory day per l
Un bracconiere ha ucciso Bismark, un coccodrillo 80enne mansueto e mascotte della comunità australiana di Cardwell, in Australia. "Un'uccisione inutile e stupida", dicono gli etologi. Il dolore dei residenti
Traffico di migliaia di cuccioli
Traffico di migliaia di cuccioli
Continua l'import illegale di cani di razza dall'Est, gli ultimi arresti a Rimini. Sgominata una gang collegata ad allevamenti in Slovacchia. Enci: "Ci costituiremo parte civile contro i responsabili"
Attaccato da un puma, lo strangola
Attaccato da un puma, lo strangola
Paurosa avventura di un runner in Colorado. Aggredito alle spalle da un giovane esemplare di leone di montagna che lo ha ferito, s'è difeso con le sole mani e lo ha soffocato. I responsabili del parco: "Fatta la cosa giusta"
Wimbledon, il serial killer dei cani
Wimbledon, il serial killer dei cani
È caccia aperta al misterioso avvelenatore che semina pezzi di carne infetta nei giardini del sobborgo londinese. Diverse vittime
Mare di plastica, collare-frisbee per foche
Mare di plastica, collare-frisbee per foche
Le foche fotografate a Norfolk e altrove con strani collari, anche un frisbee fucsia, sono simbolo del degrado ambientale. Molti esemplari sono morti soffocati o feriti dai rifiuti abbandonati in mare
Abbaiava troppo, cane seviziato e ucciso
Abbaiava troppo, cane seviziato e ucciso
Un 22enne argentino ha appeso il suo cane a un albero e lo ha finito con pugni, calci e un bastone. Scena ripresa da alcuni ragazzini che l'hanno diffusa sulle chat. La polizia lo ha arrestato
"Senti cane, vuoi un altro schiaffo?"
"Senti cane, vuoi un altro schiaffo?"
Dog sitter inglese condannata da un giudice: non potrà più occuparsi di cani per 3 anni. I proprietari di un boxer l'hanno ripresa mentre lo picchiava senza motivo. Lei: "Ho sbagliato, sono pentita, non mi ubbidiva"