Green Hill, storia di Nora prigioniera di un incubo

| La Cassazione conferma le condanne ai gestori e ai responsabili dell'allevamento di Montichiari

+ Miei preferiti
Non si è mai ripresa dallo choc del Green Hill. Cinque anni dopo il sequestro dell'allevamento di Montichiari (Brescia), Nora, una beagle ora di sette anni, ha ancora crisi di panico e una forma di sostanziale incapacità di adattarsi alla vita di un cane accolto da una famiglia che la adora, in una bella e grande casa, e che cerca, ogni giorno, di fargli dimenticare i traumi vissuti nei capannoni-prigione. "Ha paura degli estranei e vuole dormire, anche d'inverno, all'esterno, abbiamo dovuto mettere un cuccia sul terrazzo, di notte ha incubi, trema e guaisce, nella sua memoria saranno rimasti impressi momenti terribili. Per potere utilizzare il guinzaglio ci abbiamo impiegato anni di tentativi, si rifiutava di camminare e rifugiandosi alla disperata sotto i mobili. Dovevamo portarla in braccio e ogni cambiamento era un trauma: anche portarla dal veterinario, perché appena avvertiva la presenza di disinfettanti o medicine cercava disperatamente di scappare… Aveva vissuto in una gabbia per mesi, in condizioni igieniche indescrivibili, in attesa di essere sottoposta a qualche esperimento e poi uccisa. Aveva le zampe atrofizzate, la massa muscolare ridotta ai minimi termini, l'abbiamo presa noi per un caso, in cambio di un'offerta di 100 euro". La signora torinese che ha adottata "Nora" commenta in modo amaro la sentenza della Cassazione che ha confermato le condanne di primo e secondo grado per i responsabili dell'allevamento: "Francamente mi sembrano troppo miti, i cani sono esseri senzienti e hanno inflitto loro, nel corso di anni, sofferenze indicibili, anche quando non servivano a niente, ammesso che davvero servissero a qualcosa. Vorrei che vedessero anche ora come hanno ridotto questi animali indifesi".

La Cassazione ha confermato le condanne per i vertici di Green Hill, l'allevamento di cani beagle chiuso a Montichiari, nel bresciano, nell'estate del 2012. Un anno e sei mesi per Ghislaine Rondot, co-gestore, il veterinario Renzo Graziosi (un anno e sei mesi) e un anno per il direttore dell'allevamento Roberto Bravi. All'inter nell'allevamento si praticava "l'eutanasia in modo disinvolto, preferendo sopprimere i cani piuttosto che curarli… La politica andava in senso diametralmente opposto alle norme comunitarie e nazionali".
L'allevamento Green Hill era stato posto sotto sequestro nell'estate del 2012, pochi mesi dopo il blitz degli animalisti (alcuni poi condannati per l'azione) che avevano liberato molti cuccioli e non solo. E' in corso il processo parallelo ad altri veterinari e dipendenti implicati nel maltrattamento e uccisione dei beagle. E' stata così confermata la sentenza emessa dalla Corte di Appello di Brescia il 23 febbraio 2016.
Nel 2012 l'allevamento venne denunciato e i 2.636 cani furono sequestrati. L'impianto accusatorio, dopo i due processi in Tribunale a Brescia, parla di "maltrattamenti e uccisioni senza necessità": sia in primo grado che in Appello, il veterinario Graziosi e il co-gestore di "Green Hill 2001" Rondot sono stati condannati a 1 anno e 6 mesi di reclusione, mentre un anno la pena inflitta al direttore dell'allevamento, Roberto Bravi, più il risarcimento delle spese. Per i condannati, inoltre, attività sospesa per due anni e confisca dei cani.

Animalia
Nepal, la più grande strage di animali al mondo
Nepal, la più grande strage di animali al mondo
Si svolge in questi giorni la Gadhimai, un’antichissima festa del popolo Madheshi in cui decine di migliaia di animali vengono sacrificati ad una dea
Si divertono a torturare squalo, condannati
Si divertono a torturare squalo, condannati
Accade in Florida. Il video della barbara uccisione era diventato virale, polizia e Guaerdia Costiera hanno identificato i tre uomini a bordo della barca. Carcere, mila e vigilanza speciale
USA: uccisa da un branco di cani
USA: uccisa da un branco di cani
Una 19enne del Tennesse aggredita dai cinque cani dei vicini di casa. È morta dopo una settimana di agonia
Florida, guerra contro i pitoni invasori
Florida, guerra contro i pitoni invasori
Decine di migliaia di rettili, privi di un predatore naturale, stanno infliggendo gravissimi danni all'ecosistema della Florida. Falcidiati i piccoli mammiferi, attaccati persino gli alligatori
Florida, è allarme alligatori
Florida, è allarme alligatori
Numerose segnalazioni parlano di rettili avvistati nei giardini e nelle piscine di abitazioni private, mentre alcuni video mostrano l’abilità con cui riescono a superare ostacoli che si pensava per loro fossero invalicabili
Milizia armata contro l'invasione delle scimmie
Milizia armata contro l
Giappone, una trentina di guardie, armate di fucili ad aria compressa, proteggono campi e raccolti dagli attacchi dei primati dopo un corso di addestramento nella prefettura di Nagano
Hanno ucciso il coniglio Roger così, per divertirsi
Hanno ucciso il coniglio Roger così, per divertirsi
Un gruppo di ragazzi ha lapidato a morte un coniglietto adottato dai bambini della spiaggia di Lacco Ameno a Ischia. Scommettevano su chi lo avesse ucciso per primo. Appello ai testimoni: "Aiutateci a identificare gli autori"
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Le autorità mettono in guardia: gettare negli scarichi droghe come la metanfetamina può provocare danni ad animali molto pericolosi come gli alligatori
Australia, strage di uccelli
Australia, strage di uccelli
Precipitano al suolo perdendo sangue: inspiegabili i motivi, ma per le ong ambientaliste si tratta di avvelenamento
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Una biologa marina si è imbattuta in un esemplare lungo quanto lei stessa. È allarme su tutta la costa della Cornovaglia