Green Hill, storia di Nora prigioniera di un incubo

| La Cassazione conferma le condanne ai gestori e ai responsabili dell'allevamento di Montichiari

+ Miei preferiti
Non si è mai ripresa dallo choc del Green Hill. Cinque anni dopo il sequestro dell'allevamento di Montichiari (Brescia), Nora, una beagle ora di sette anni, ha ancora crisi di panico e una forma di sostanziale incapacità di adattarsi alla vita di un cane accolto da una famiglia che la adora, in una bella e grande casa, e che cerca, ogni giorno, di fargli dimenticare i traumi vissuti nei capannoni-prigione. "Ha paura degli estranei e vuole dormire, anche d'inverno, all'esterno, abbiamo dovuto mettere un cuccia sul terrazzo, di notte ha incubi, trema e guaisce, nella sua memoria saranno rimasti impressi momenti terribili. Per potere utilizzare il guinzaglio ci abbiamo impiegato anni di tentativi, si rifiutava di camminare e rifugiandosi alla disperata sotto i mobili. Dovevamo portarla in braccio e ogni cambiamento era un trauma: anche portarla dal veterinario, perché appena avvertiva la presenza di disinfettanti o medicine cercava disperatamente di scappare… Aveva vissuto in una gabbia per mesi, in condizioni igieniche indescrivibili, in attesa di essere sottoposta a qualche esperimento e poi uccisa. Aveva le zampe atrofizzate, la massa muscolare ridotta ai minimi termini, l'abbiamo presa noi per un caso, in cambio di un'offerta di 100 euro". La signora torinese che ha adottata "Nora" commenta in modo amaro la sentenza della Cassazione che ha confermato le condanne di primo e secondo grado per i responsabili dell'allevamento: "Francamente mi sembrano troppo miti, i cani sono esseri senzienti e hanno inflitto loro, nel corso di anni, sofferenze indicibili, anche quando non servivano a niente, ammesso che davvero servissero a qualcosa. Vorrei che vedessero anche ora come hanno ridotto questi animali indifesi".

La Cassazione ha confermato le condanne per i vertici di Green Hill, l'allevamento di cani beagle chiuso a Montichiari, nel bresciano, nell'estate del 2012. Un anno e sei mesi per Ghislaine Rondot, co-gestore, il veterinario Renzo Graziosi (un anno e sei mesi) e un anno per il direttore dell'allevamento Roberto Bravi. All'inter nell'allevamento si praticava "l'eutanasia in modo disinvolto, preferendo sopprimere i cani piuttosto che curarli… La politica andava in senso diametralmente opposto alle norme comunitarie e nazionali".
L'allevamento Green Hill era stato posto sotto sequestro nell'estate del 2012, pochi mesi dopo il blitz degli animalisti (alcuni poi condannati per l'azione) che avevano liberato molti cuccioli e non solo. E' in corso il processo parallelo ad altri veterinari e dipendenti implicati nel maltrattamento e uccisione dei beagle. E' stata così confermata la sentenza emessa dalla Corte di Appello di Brescia il 23 febbraio 2016.
Nel 2012 l'allevamento venne denunciato e i 2.636 cani furono sequestrati. L'impianto accusatorio, dopo i due processi in Tribunale a Brescia, parla di "maltrattamenti e uccisioni senza necessità": sia in primo grado che in Appello, il veterinario Graziosi e il co-gestore di "Green Hill 2001" Rondot sono stati condannati a 1 anno e 6 mesi di reclusione, mentre un anno la pena inflitta al direttore dell'allevamento, Roberto Bravi, più il risarcimento delle spese. Per i condannati, inoltre, attività sospesa per due anni e confisca dei cani.

Animalia
Bennie, il mostro del Garda
Bennie, il mostro del Garda
Un esemplare di pesce siluro di m120 kg catturato nelle acque del Lago di Garda da Jeremy Wade, star di “River Monster”
Minnesota: il gattile degli orrori
Minnesota: il gattile degli orrori
All’interno del “Minnesota Animal Rescue” di Farmington, la polizia e i veterinari hanno rivenuto un vero cimitero di gatti, quasi certamente morti di fame. Gli altri animali erano in stato di completo abbandono
Muore dissanguato per un morso del suo cane
Muore dissanguato per un morso del suo cane
Tiago, un cane di razza Corso, ha morso all’avambraccio il padrone recidendogli l’arteria omerale. Poco dopo ha tentato di aggredire anche la moglie dell'uomo, che è riuscita a difendersi
Un memory day per l'amato coccodrillo
Un memory day per l
Un bracconiere ha ucciso Bismark, un coccodrillo 80enne mansueto e mascotte della comunità australiana di Cardwell, in Australia. "Un'uccisione inutile e stupida", dicono gli etologi. Il dolore dei residenti
Traffico di migliaia di cuccioli
Traffico di migliaia di cuccioli
Continua l'import illegale di cani di razza dall'Est, gli ultimi arresti a Rimini. Sgominata una gang collegata ad allevamenti in Slovacchia. Enci: "Ci costituiremo parte civile contro i responsabili"
Attaccato da un puma, lo strangola
Attaccato da un puma, lo strangola
Paurosa avventura di un runner in Colorado. Aggredito alle spalle da un giovane esemplare di leone di montagna che lo ha ferito, s'è difeso con le sole mani e lo ha soffocato. I responsabili del parco: "Fatta la cosa giusta"
Wimbledon, il serial killer dei cani
Wimbledon, il serial killer dei cani
È caccia aperta al misterioso avvelenatore che semina pezzi di carne infetta nei giardini del sobborgo londinese. Diverse vittime
Centinaia di cani uccisi nel canile-modello
Centinaia di cani uccisi nel canile-modello
Scandalo in Corea nel centro-rifugio di cani che prometteva di mantenere in vita tutti i randagi accolti, senza mai ricorrere all'eutanasia. Invece sono stati eliminati centinaia di quattro zampe. Dipendenti in lacrime
Mare di plastica, collare-frisbee per foche
Mare di plastica, collare-frisbee per foche
Le foche fotografate a Norfolk e altrove con strani collari, anche un frisbee fucsia, sono simbolo del degrado ambientale. Molti esemplari sono morti soffocati o feriti dai rifiuti abbandonati in mare
Abbaiava troppo, cane seviziato e ucciso
Abbaiava troppo, cane seviziato e ucciso
Un 22enne argentino ha appeso il suo cane a un albero e lo ha finito con pugni, calci e un bastone. Scena ripresa da alcuni ragazzini che l'hanno diffusa sulle chat. La polizia lo ha arrestato