Il caso del senatore negazionista che vive in una villa protetta

| Il senatore della Georgia David Perdue è da sempre convinto che il cambiamento climatico sia una bufala, ma la comunità in cui vive spende ogni anno milioni di dollari per proteggere gli abitanti dai rischi che lui non vede

+ Miei preferiti
David Perdue ha sempre vantato la capacità di avere una visione generale che spesso lo porta a vedere più in là, dove gli occhi e la fantasia di chi gli sta intorno non riescono ad arrivare. Senza quella dote – afferma sicuro - non gli sarebbe stato possibile creare nel giro di poco 2.200 nuovi punti vendita della catena discount “Dollar General”, di cui era uno dei manager più influenti, dando lavoro ad oltre 20mila persone.

Ma la stessa capacità, il senatore in corsa per un seggio in Georgia non riesce ad applicarla verso altri argomenti, dove al contrario dimostra una discreta cecità. Il caso del senatore è diventato uno dei più discussi in America nel periodo del dopo elezioni che precede i ballottaggi del prossimo gennaio. Classe 1949, una laurea in ingegneria industriale, una moglie, due figli e una passione politica esplosa per dare il proprio contributo per fermare il debito pubblico nazionale, se David Perdue vincesse il ballottaggio in Georgia, il Partito Repubblicano manterrà quasi certamente la maggioranza al Senato.

Sembra una minaccia da poco, ma non è così, perché Perdue è un convinto negazionista dei cambiamenti climatici ed è colui che ha esortato il presidente Trump a ritirarsi dagli Accordi sul clima di Parigi, votando contro una risoluzione del Senato secondo cui il cambiamento climatico è reale e le attività umane vi contribuiscono non poco. Cugino di primo grado del Segretario all'Agricoltura Sonny Perdue e assiduo frequentatore dei campi di golf accanto a Trump, Perdue ha promesso di proteggere ad ogni costo l’industria del carbone: se vincesse, il potenziale dell’amministrazione Biden di rispondere alla crisi climatica globale potrebbe ridursi notevolmente.

Ma c’è un’altra questione che lo tocca da vicino, e ricorda la famosa regola dei due pesi e le due misure. Malgrado si ostini a rifiutare gli allarmi degli esperti, il senatore della Georgia vive all’interno di una comunità che al contrario ha preso molto sul serio il fenomeno e le sue conseguenze. Perdue, il cui patrimonio netto si aggira tra i 13,7 e i 39,8 milioni di dollari, possiede una sontuosa villa di più di 9.000 metri quadrati con piscina a Sea Island, una gated community sull’isola di St. Simons, il più ricco codice di avviamento postale della Georgia. Negli ultimi anni, con l’accelerazione dell’innalzamento del livello del mare, la “Sea Island Company”, proprietaria del resort, ha costruito un elaborato e costoso sistema di moli e paratie nel tentativo di proteggere le lussuose residenze.

Sebbene si trovi a pochi passi dall’acqua, in una zona di Sea Island conosciuta come Ocean Forest, la casa di Perdue - e l’intera comunità - è stata protetta dalle devastazioni del clima in rapido mutamento, dando al senatore il privilegio di respingere il fenomeno, anche se la sua casa è accuratamente protetta dai dispetti del clima. La Sea Island Company ha costruito una sorta di muraglia sommersa, oltre a tre moli, che scongiurano l’erosione della spiaggia.

“Il senatore Perdue è un uomo fortunato”, commenta Megan Desrosiers, presidente e amministratore delegato di “One Hundred Miles”, un gruppo ambientalista con sede in Georgia che ha fatto causa senza successo nel 2016 per impedire alla Sea Island Company di pianificare lo sviluppo di altre otto residenze multimilionarie su un terreno protetto, considerato l’habitat di tartarughe e uccelli marini. “La filosofia della Sea Island Company è che con i soldi si può trovare una soluzione a tutto: che riconoscano o meno il cambiamento climatico, ogni anno stanziano enormi quantità di denaro per proteggere i ricchi residenti. Nessun altro posto nella Georgia costiera dispone di tanti soldi”.

La stragrande maggioranza delle 40.000 abitazioni della Georgia che devono affrontare le inondazioni dovute alle maree dispongono di scarse risorse per mitigare i rischi. A Brunswick, a soli 20 minuti di macchina da Sea Island, il 99% delle proprietà si trova in zone alluvionali e durante le recenti tempeste i residenti di Brunswick, il cui reddito medio annuo è di poco superiore ai 25.000 dollari, hanno visto il flusso di acque reflue invadere le strade e le loro abitazioni. Poiché il vecchio sistema fognario non è stato ancora aggiornato per adattarsi ai cambiamenti climatici, gli abitanti di Brunswick, più della metà dei quali sono neri, non hanno potuto fare la doccia o tirare lo sciacquone dei bagni per giorni e giorni dopo alcuni temporali.

l livello del mare in costante aumento, che ora sale di quasi due centimetri ogni anno, è chiaramente parte della crisi costiera dello Stato. “Il livello dell’acqua racconta solo una parte della storia - commenta Jason Lee, dipendente del Dipartimento delle Risorse Naturali della Georgia per la protezione delle specie costiere e del territorio – è anche aumentata notevolmente l’attività degli uragani e delle tempeste che generano onde sempre più alte e violente. La Georgia si sta lentamente inabissando”.

Lo sfidante dem di Perdue, l’ex giornalista Jon Ossoff, non si è sottratto di fronte al cambiamento climatico, impegnandosi a fare politica ambientale “sulla base di prove scientifiche e non delle lobby”, a lavorare per invertire la transizione dai carburanti alle energie alternative, a rientrare negli Accordi sul clima di Parigi e a negoziare per un “trattato sul clima ancora più ambizioso”.

Dato che il 66% dei georgiani crede nel cambiamento climatico, e la maggior parte ritiene che il governo dovrebbe fare di più per affrontare il problema, la negazione del fenomeno da parte dei repubblicani sta causando un particolare caos in Georgia.

Ma, mentre i progressi sul clima in tutti gli Stati Uniti e nel mondo intero dipendono anche dall’esito del ballottaggio, il destino della residenza di Perdue è al sicuro: il senatore può permettersi di guardare al futuro, qualsiasi esso sia, con una certa tranquillità.

Galleria fotografica
Il caso del senatore negazionista che vive in una villa protetta - immagine 1
Animalia
I gatti dell’Ermitage fra gli eredi di un ricco francese
I gatti dell’Ermitage fra gli eredi di un ricco francese
La direzione del museo di San Pietroburgo, il sontuoso ex Palazzo degli Zar, ha lasciato una somma ai gatti che da secoli proteggono le opere d’arte da topi e ratti
La Nuova Zelanda vota l’uccello dell’anno
La Nuova Zelanda vota l’uccello dell’anno
Nato 15 anni fa come un concorso naturalistico per salvaguardare le specie in via di estinzione, si è trasformato in una questione che divide il Paese in modo netto
Inghilterra: 5 pappagalli molto maleducati
Inghilterra: 5 pappagalli molto maleducati
Avevano preso l’abitudine di offendere i visitatori di passaggio: la direzione del “Lincolnshire Wildlife Park” ha deciso di dividerli, anche se nessuno si è mai lamentato
Australia, corsa contro il tempo per salvare 270 balene
Australia, corsa contro il tempo per salvare 270 balene
Si sono arenate su due spiagge della Tasmania, zona dove il fenomeno è abituale, ma mai in numero così alto. Le operazioni di salvataggio dureranno diversi giorni
Spagna, le orche attaccano le imbarcazioni
Spagna, le orche attaccano le imbarcazioni
Sono ormai diversi, i casi di barche aggredite da gruppi di grandi mammiferi marini: il fenomeno si concentra nelle acque fra Spagna e Portogallo. Per gli esperti sono agguati assai anomali
Florida, in arrivo 750 milioni di zanzare geneticamente modificate
Florida, in arrivo 750 milioni di zanzare geneticamente modificate
Saranno distribuite nelle Keys, al sud del Paese, per tentare di controllare la diffusione dell’aegypti Aedes, la zanzara della febbre gialla
Botswana, la misteriosa strage di elefanti
Botswana, la misteriosa strage di elefanti
Oltre 360 esemplari trovati senza vita, e altri che vagavano in apparente stato confusionale. Mentre sono in corso le analisi sui campioni, sembra esclusa l’ipotesi bracconaggio e quella di un avvelenamento dei pozzi d’acqua
Toronto, strage di cuccioli in aeroporto
Toronto, strage di cuccioli in aeroporto
Circa 500 cuccioli di boxer francesi stivati nella stiva di un aereo ucraino: 38 erano morti, gli altri presentavano segni di disidratazione e debolezza
Ucciso Rafiki, la star dei gorilla ugandesi
Ucciso Rafiki, la star dei gorilla ugandesi
Abituato al contatto con l’uomo, guidava un branco di 17 esemplari di cui ora si teme la sorte. I bracconieri catturati dopo una lunga indagine, rischiano l'ergastolo
UK, dove uccidere Bambi costa 80 euro
UK, dove uccidere Bambi costa 80 euro
A prezzi stracciatissimi, i cacciatori inglesi possono scegliere l’animale da uccidere per pochi euro. In rete è un fiorire di agenzie che offrono tour e pacchetti per tutte le tasche, e nel Regno Unito è polemica