Mare di plastica, collare-frisbee per foche

| Le foche fotografate a Norfolk e altrove con strani collari, anche un frisbee fucsia, sono simbolo del degrado ambientale. Molti esemplari sono morti soffocati o feriti dai rifiuti abbandonati in mare

+ Miei preferiti
Una foca fotografata con uno strano collare, un frisbee attaccato al collo, è il simbolo dell'invasione di rifiuti plastici sulle spiagge non solo inglesi. Molti esemplari sono morti e feriti, un numero record nel 2018 rispetto ai 15 anni precedenti in cui erano stati compiuti i monitoraggi. Colpa di giocattoli buttati in mare, rifiuti di ogni genere e residui della pesca, secondo l'organizzazione The Friends of Horsey Seals, che controlla le colonie nel Norfolk, sono responsabili di una vera e propria strage. L'area è una delle principali zone di riproduzione delle foche comuni e grigie nel Regno Unito. Ma molte fanno morti orribili, poiché anelli di plastica e corde di nylon producono tagli al collo e causano infezioni mortali che si aggiungono a tanti esemplari che muoiono di fame. David Wyse di FHS ha denunciato che gli ultimi 12 mesi sono stati "i peggiori di sempre", nel sito di Blakeney Point del National Trust ha scritto: "Non sappiamo da dove vengano tutti questi frisbee. È l'apice della stagione della riproduzione, quindi abbiamo bisogno delle condizioni ideali per catturare gli esemplari feriti in modo che possano essere curati. Le foche vengono improgionate anche nelle reti da pesca e nelle corde di nylon. Le ferite possono essere davvero molto gravi". Alison Charles, manager dell'East Winch Wildlife Centre dell'RSPCA, ha dichiarato che non erano mai avvenuti così tanti casi di animali feriti o soffocati dal 2008. La stagione dei cuccioli inizia in ottobre e prosegue in gennaio e febbraio. Più di 1.600 cuccioli nati l'anno scorso sul tratto di tre miglia sono in grave pericolo.
 
Animalia
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Le autorità mettono in guardia: gettare negli scarichi droghe come la metanfetamina può provocare danni ad animali molto pericolosi come gli alligatori
Australia, strage di uccelli
Australia, strage di uccelli
Precipitano al suolo perdendo sangue: inspiegabili i motivi, ma per le ong ambientaliste si tratta di avvelenamento
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Una biologa marina si è imbattuta in un esemplare lungo quanto lei stessa. È allarme su tutta la costa della Cornovaglia
Olanda, suicidio di massa dei topi
Olanda, suicidio di massa dei topi
Centinaia di ratti si lanciano nel vuoto dal ponte dell’acquedotto di un piccolo villaggio rurale olandese. Un fenomeno al momento inspiegabile
Uomo-mummia prigioniero dell'orso
Uomo-mummia prigioniero dell
Un russo è rimasto un mese, con la spina dorsale spezzata, nella tana di un orso che voleva mangiarlo durante il letargo. E' accaduto nella regione di Tuva. E' in condizioni critiche, salvato dai cani dei cacciatori
Strage di cavalli, corse sotto accusa
Strage di cavalli, corse sotto accusa
30 cavalli morti in pochi mesi in un circuito di Santa Ana, Sud California, ora indaga la procura di Los Angeles. Sottoposti a sforzi massacranti, gli animali si feriscono e vengono uccisi. In pericolo uno degli sport più seguiti
Cani, 'occhi tristi' per farsi amici con gli umani
Cani,
Gli studiosi hanno scoperto l'esistenza di alcuni musei facciali, non presenti nel lupo, frutto di un'evoluzione di miglaia di anni. Servono a creare un effetto per sollecitare gli uomini a prendersi cura di loro
Il grande lupo di 40mila anni fa
Il grande lupo di 40mila anni fa
La teste perfettamente conservata è emersa dagli ghiacci siberiani, nella regione di Yakituia. Rispetto al lupo attuale, era grande più del doppio
La cacciatrice e la giraffa
La cacciatrice e la giraffa
Le foto di una delle sue prede più recenti sono diventate virali, trasformandola nell’epicentro di insulti e maledizioni. Ma lei non ha alcuna intenzione di mollare: “Adoro andare a caccia”
Primati accecati e uccisi in nome della scienza
Primati accecati e uccisi in nome della scienza
Fa discutere il progetto Lightup delle Università di Torino e Parma. Per studiare la cecità da trauma, 4 o 6 macachi accecati e, dopo 5 anni, finite le sperimentazioni, uccisi. Appello Lav: "Ministra Grillo, ferma i ricercatori"