Primati accecati e uccisi in nome della scienza

| Fa discutere il progetto Lightup delle Università di Torino e Parma. Per studiare la cecità da trauma, 4 o 6 macachi accecati e, dopo 5 anni, finite le sperimentazioni, uccisi. Appello Lav: "Ministra Grillo, ferma i ricercatori"

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

L’università di Torino in questo esperimento che ricorda i film noir della Repubblica di Weimar, non si nasconde. I ricercatori cogliono accecare 4 o 6 macachi che poi saranno uccisi. Lo spiega Marco Tamietto del dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino, responsabile scientifico del progetto Lightup al Corriere: “La sperimentazione animale su primati non umani ha bisogno di una procedura molto rigorosa e selettiva per essere approvata e Il progetto LIGHTUP è stato finanziato dallo European Research Council, l’ente di ricerca più prestigioso e rigoroso a livello europeo. La valutazione scientifica, avvenuta in più fasi, ha coinvolto oltre 20 scienziati esperti in materia. Gli aspetti etici e tutte le procedure proposte sono state vagliate e autorizzate prima dal comitato etico Ue, poi dai comitati etici degli Atenei coinvolti, e infine da quello del ministero della Salute. Per ottenere il via libera si devono specificare non solo le procedure scientifiche a cui vengono sottoposti i macachi ma anche il monitoraggio fisico e psicologico e quindi le condizioni in cattività degli animali. E nessun progetto viene autorizzato se non ha una chiara ed evidente ricaduta sulla salute pubblica, e se la necessità di impiego di animali, il loro numero, e la scelta della specie non è adeguatamente motivata».

Si può stabilire il livello di sofferenze anche gli animali dovranno sopportare? «Il cervello non ha recettori del dolore - dice il ricercatore - di per sé non è un organo sensibile. Lo sforzo è massimo per minimizzare qualsiasi tipo di sofferenza. Per questo una parte dei finanziamenti ricevuti è dedicato agli arricchimenti nelle gabbie e al monitoraggio della loro salute fisica e psicologica. Inoltre i macachi coinvolti non sono stati catturati in natura ma provengono da allevamenti autorizzati. Non hanno idea della vita fuori da questo contesto e con ogni probabilità non sopravvivrebbero liberi». Presto il Ministero (grillino) della Salute renderà notai il protocollo della sperimentazione e i documenti di autorizzazione da parte di tutti gli enti coinvolti (come prevedono le norme), Tamietto in nome della trasparenza ha diffuso un documento che spiega tutto: "Gli animali coinvolti nella sperimentazione saranno al massimo 6, anche se verrà fatto ogni sforzo per limitare a 4 il numero) e siccome il progetto prevede una lesione unilaterale della corteccia visiva primaria, si ritiene cautelativamente opportuno stimare il livello di sofferenza atteso come grave. Il progetto dura 5 anni, al termine, gli animali coinvolti verranno eutanasizzati da personale specializzato e con le metodologie indolori previste dalla legge per questa specie».

LAV: PROGETTO CRUDELE E INUTILE

Michela Kuan, responsabile Lav Area Ricerca senza Animali replica ai ricercatori: «Alle giustificazioni avanzate da alcuni ricercatori dell’Università di Parma e di Torino e riportante da alcuni organi di stampa, rispondiamo chiedendo al Ministro della Salute l’immediata attivazione di una commissione d’inchiesta di ricercatori indipendenti e specializzati in metodi sostitutivi, al fine di verificare in maniera indipendente il fondamento scientifico del progetto contestato e la corrispondenza con le prescrizioni di Legge: un atto doveroso e atteso, per garantire reale “trasparenza” in un ambito che riguarda la salute e le aspettative dei malati, la vita o la morte del gruppo di macachi, e l’impiego di ben 2 milioni di euro di finanziamenti europei. Informazioni che finora sono state negate alla LAV, nelle sue richieste di accesso agli atti, e per le quali l’Associazione è in attesa dell’esito del ricorso amministrativo.

 

Facciamo obiezione alle dichiarazioni pubblicate a mezzo stampa dai ricercatori Luca Bonini (per l’Università di Parma) e Marco Tamietto (per l’Ateneo di Torino), secondo i quali gli animali non verranno accecati: affermazioni contraddittorie, visto che i macachi subiranno una lesione chirurgica nel cervello con asportazione delle aree della corteccia visiva con danno a livello della V1 proprio per simulare la perdita della vista in persone affette da blindsight, titolo dello stesso esperimento. Secondo quanto leggiamo su alcuni organi d’informazione, uno dei ricercatori si è affrettato a dichiarare che il cervello non ha recettori del dolore, di per sé non è un organo sensibile. “Allora perché mai anestetizzare i pazienti negli interventi al cervello? Se fosse indolore avremmo volontari che si sottopongono a operazioni a cranio aperto completamente svegli! In ogni caso, la procedura è stata classificata come grave, come ammette lo stesso ricercatore, quindi se è stata classificata come una sperimentazione col più alto grado di dolore, come si può dire che non soffrono?”Gli esperimenti prevedono una fase preparatoria con i macachi che vengono bloccati, non possono muoversi, e vengono resi ciechi subire questi condizionamenti fortissimi è stress e dolore per gli animali»

Ma è davvero necessario, per il bene dell’umanità, infliggere agli animali indifesi questo tipo di torture, in questo caso ai 4 o 6 primati? Nelle gabbie delle università italiane, gli animali vivono rinchiusi in un’immobilizzazione forzata, i «contatti» con i ricercatori sono solo attraverso gli strumenti chirurgici.«Questi macachi vivono in piccole gabbie metalliche completamente spoglie - dicono da Essere Animali -, inseriti nel cranio e nelle tempie hanno degli elettrodi, necessari per gli esperimenti di neuroscienze a cui sono sottoposti. Una vita di totali privazioni porta molti di loro a comportamenti stereotipati: si muovono avanti e indietro nella gabbia, leccano compulsivamente le pareti e mordono lucchetti e sbarre. Non abbiamo documentato esperimenti particolarmente dolorosi, ma l’infinita tristezza in cui vivono questi macachi per lunghi anni di ricerche. Non vogliamo che la nostra indagine venga strumentalizzata - concludono - per fagocitare uno scontro fra due opposte fazioni, tra chi è pro e chi è contro la sperimentazione di questo tipo. Non vi devono essere due gruppi distinti, ma un solo grande obiettivo: superare l’utilizzo di animali nella ricerca scientifica».

Immolati in nome della ricerca sulla “cecità da trauma”.  Verranno resi ciechi clinicamente con un intervento al cervello, addestrati e tenuti in vita  per cinque anni, infine uccisi. La ricerca è dell’Università di Torino, dipartimento di Psicologia, in collaborazione con l’ateneo di Parma ed è stata finanziata con 2 milioni di euro. «Si tratta di una sperimentazione invasiva, crudele che deve essere fermata, abbiamo ancora tempo per farlo, per questo è importante mobilitarci tutti», dice la Lav che lancia una petizione online al Ministero della Salute per chiedere lo stop di questa sperimentazione.

Concludono: «L’Università di Torino ha ricevuto il finanziamento di oltre 2 milioni di euro da fondi pubblici per la sperimentazione e l’autorizzazione dal Ministero della Salute per procedere a una ricerca invasiva su primati non umani, dalle conseguenze irreversibili. Gli esperimenti comportano la lesione della corteccia visiva attuata presso lo stabulario dell’Università di Parma. Il ricorso in parallelo a persone fa decadere ogni giustificazione addotta al ricorso a scimmie. Dobbiamo fermarli».

Animalia
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Le autorità mettono in guardia: gettare negli scarichi droghe come la metanfetamina può provocare danni ad animali molto pericolosi come gli alligatori
Australia, strage di uccelli
Australia, strage di uccelli
Precipitano al suolo perdendo sangue: inspiegabili i motivi, ma per le ong ambientaliste si tratta di avvelenamento
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Una biologa marina si è imbattuta in un esemplare lungo quanto lei stessa. È allarme su tutta la costa della Cornovaglia
Olanda, suicidio di massa dei topi
Olanda, suicidio di massa dei topi
Centinaia di ratti si lanciano nel vuoto dal ponte dell’acquedotto di un piccolo villaggio rurale olandese. Un fenomeno al momento inspiegabile
Uomo-mummia prigioniero dell'orso
Uomo-mummia prigioniero dell
Un russo è rimasto un mese, con la spina dorsale spezzata, nella tana di un orso che voleva mangiarlo durante il letargo. E' accaduto nella regione di Tuva. E' in condizioni critiche, salvato dai cani dei cacciatori
Strage di cavalli, corse sotto accusa
Strage di cavalli, corse sotto accusa
30 cavalli morti in pochi mesi in un circuito di Santa Ana, Sud California, ora indaga la procura di Los Angeles. Sottoposti a sforzi massacranti, gli animali si feriscono e vengono uccisi. In pericolo uno degli sport più seguiti
Cani, 'occhi tristi' per farsi amici con gli umani
Cani,
Gli studiosi hanno scoperto l'esistenza di alcuni musei facciali, non presenti nel lupo, frutto di un'evoluzione di miglaia di anni. Servono a creare un effetto per sollecitare gli uomini a prendersi cura di loro
Il grande lupo di 40mila anni fa
Il grande lupo di 40mila anni fa
La teste perfettamente conservata è emersa dagli ghiacci siberiani, nella regione di Yakituia. Rispetto al lupo attuale, era grande più del doppio
La cacciatrice e la giraffa
La cacciatrice e la giraffa
Le foto di una delle sue prede più recenti sono diventate virali, trasformandola nell’epicentro di insulti e maledizioni. Ma lei non ha alcuna intenzione di mollare: “Adoro andare a caccia”
Dipinge il cane di rosso, rapper sotto accusa
Dipinge il cane di rosso, rapper sotto accusa
Valee, artista della scena hip-hop di Chicago, ha diffuso delle immagini del suo Chihuahua dipinto di rosso, scatenando le reazioni degli animalisti