Si cerca il Dna della madre

| Chieri: taglia di 300 euro a chi darà informazioni per identificare chi ha annegato quattro cagnolini

+ Miei preferiti
"E' un gesto disumano, un episodio terribile che non ha giustificazioni. Noi ci offriamo sempre di trovare una sistemazione ai cuccioli per chi è in difficoltà. Diamo anche una mano a chi non ha i soldi per sterilizzare le femmine. Per questo azioni del genere sono, a maggior ragione, esempio di una crudeltà inaudita". Alessia Pirruccio, del canile di Chieri, in provincia di Torino, non riesce ancora a capacitarsi di quanto accaduto. Un uomo si è liberato a modo suo di quella cucciolata di troppo. Avevano appena 20 giorni quei fagottini quando li ha gettati come fossero spazzatura nelle acque ghiacciate del rio Vallero, nella campagne di Chieri. In pochi istanti si sono trovati a lottare in un metro e mezzo d'acqua per sopravvivere. Ma erano troppo piccoli, ancora così deboli e fragili. Due ragazzi che erano andati a correre lì vicino li hanno notati che annaspavano nell'acqua: uno a uno hanno portato quei sette fagottini a riva, ma era già troppo tardi. L'acqua gelida non ha lasciato loro scampo: sono tutti morti assiderati in pochi minuti. Impotenti, i due giovani hanno subito chiamato i carabinieri e i volontari dell'Enpa. La caccia al responsabile è quasi finita. Servirà l'esame del dna - grazie a dei testimoni è stata individuata quella che potrebbe essere la mamma – per scrivere la parola fine su una vicenda tristissima. Il canile di Chieri ha offerto una ricompensa di 300 euro a chiunque dia indicazioni che aiutino a rintracciare il colpevole. "I nostri volontari si sono autotassati e hanno raccolto la cifra da offrire come premio. Vogliamo che venga rintracciato il responsabile e che paghi per quello che ha fatto. Episodi del genere non devono più succedere. Chiediamo a chiunque abiti in quella zona di segnalare l'eventuale colpevole: si faccia avanti e aiuti i carabinieri nelle indagini". Il responsabile di questo gesto abominevole rischia una denuncia penale per abbandono, maltrattamento e uccisione di animali. I carabinieri hanno già individuato quella che potrebbe essere la mamma. E' una cagnetta giovane, dal pelo chiaro, lo sguardo triste. E viene naturale pensare se quei suoi occhi rimandino ai suoi piccoli che non ci sono più, che le hanno strappato quasi dal grembo ad appena venti giorni di vita. La bestiola, che viveva in una cascina nella campagne di Chieri, è stata subito sequestrata e portata in canile. Un veterinario che l'ha visitata ha accertato che avrebbe partorito proprio una ventina di giorni fa, l'età dei cuccioli morti. Adesso i militati dell'Arma hanno inviato alla Procura la richiesta per il Dna. L'ultimo tassello delle indagini: se risulterà positivo, il proprietario della cagnolina sarà automaticamente denunciato. 
Non è la prima volta che l'Enpa si trova davanti a un caso simile sempre in quella zona. "Era già successo tre o quattro anni fa, ma allora i cani si erano salvati. Li avevamo allevati a biberon e trovato loro una famiglia".
Animalia
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Le autorità mettono in guardia: gettare negli scarichi droghe come la metanfetamina può provocare danni ad animali molto pericolosi come gli alligatori
Australia, strage di uccelli
Australia, strage di uccelli
Precipitano al suolo perdendo sangue: inspiegabili i motivi, ma per le ong ambientaliste si tratta di avvelenamento
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Una biologa marina si è imbattuta in un esemplare lungo quanto lei stessa. È allarme su tutta la costa della Cornovaglia
Olanda, suicidio di massa dei topi
Olanda, suicidio di massa dei topi
Centinaia di ratti si lanciano nel vuoto dal ponte dell’acquedotto di un piccolo villaggio rurale olandese. Un fenomeno al momento inspiegabile
Uomo-mummia prigioniero dell'orso
Uomo-mummia prigioniero dell
Un russo è rimasto un mese, con la spina dorsale spezzata, nella tana di un orso che voleva mangiarlo durante il letargo. E' accaduto nella regione di Tuva. E' in condizioni critiche, salvato dai cani dei cacciatori
Strage di cavalli, corse sotto accusa
Strage di cavalli, corse sotto accusa
30 cavalli morti in pochi mesi in un circuito di Santa Ana, Sud California, ora indaga la procura di Los Angeles. Sottoposti a sforzi massacranti, gli animali si feriscono e vengono uccisi. In pericolo uno degli sport più seguiti
Cani, 'occhi tristi' per farsi amici con gli umani
Cani,
Gli studiosi hanno scoperto l'esistenza di alcuni musei facciali, non presenti nel lupo, frutto di un'evoluzione di miglaia di anni. Servono a creare un effetto per sollecitare gli uomini a prendersi cura di loro
Il grande lupo di 40mila anni fa
Il grande lupo di 40mila anni fa
La teste perfettamente conservata è emersa dagli ghiacci siberiani, nella regione di Yakituia. Rispetto al lupo attuale, era grande più del doppio
La cacciatrice e la giraffa
La cacciatrice e la giraffa
Le foto di una delle sue prede più recenti sono diventate virali, trasformandola nell’epicentro di insulti e maledizioni. Ma lei non ha alcuna intenzione di mollare: “Adoro andare a caccia”
Primati accecati e uccisi in nome della scienza
Primati accecati e uccisi in nome della scienza
Fa discutere il progetto Lightup delle Università di Torino e Parma. Per studiare la cecità da trauma, 4 o 6 macachi accecati e, dopo 5 anni, finite le sperimentazioni, uccisi. Appello Lav: "Ministra Grillo, ferma i ricercatori"