Si cerca il Dna della madre

| Chieri: taglia di 300 euro a chi darà informazioni per identificare chi ha annegato quattro cagnolini

+ Miei preferiti
"E' un gesto disumano, un episodio terribile che non ha giustificazioni. Noi ci offriamo sempre di trovare una sistemazione ai cuccioli per chi è in difficoltà. Diamo anche una mano a chi non ha i soldi per sterilizzare le femmine. Per questo azioni del genere sono, a maggior ragione, esempio di una crudeltà inaudita". Alessia Pirruccio, del canile di Chieri, in provincia di Torino, non riesce ancora a capacitarsi di quanto accaduto. Un uomo si è liberato a modo suo di quella cucciolata di troppo. Avevano appena 20 giorni quei fagottini quando li ha gettati come fossero spazzatura nelle acque ghiacciate del rio Vallero, nella campagne di Chieri. In pochi istanti si sono trovati a lottare in un metro e mezzo d'acqua per sopravvivere. Ma erano troppo piccoli, ancora così deboli e fragili. Due ragazzi che erano andati a correre lì vicino li hanno notati che annaspavano nell'acqua: uno a uno hanno portato quei sette fagottini a riva, ma era già troppo tardi. L'acqua gelida non ha lasciato loro scampo: sono tutti morti assiderati in pochi minuti. Impotenti, i due giovani hanno subito chiamato i carabinieri e i volontari dell'Enpa. La caccia al responsabile è quasi finita. Servirà l'esame del dna - grazie a dei testimoni è stata individuata quella che potrebbe essere la mamma – per scrivere la parola fine su una vicenda tristissima. Il canile di Chieri ha offerto una ricompensa di 300 euro a chiunque dia indicazioni che aiutino a rintracciare il colpevole. "I nostri volontari si sono autotassati e hanno raccolto la cifra da offrire come premio. Vogliamo che venga rintracciato il responsabile e che paghi per quello che ha fatto. Episodi del genere non devono più succedere. Chiediamo a chiunque abiti in quella zona di segnalare l'eventuale colpevole: si faccia avanti e aiuti i carabinieri nelle indagini". Il responsabile di questo gesto abominevole rischia una denuncia penale per abbandono, maltrattamento e uccisione di animali. I carabinieri hanno già individuato quella che potrebbe essere la mamma. E' una cagnetta giovane, dal pelo chiaro, lo sguardo triste. E viene naturale pensare se quei suoi occhi rimandino ai suoi piccoli che non ci sono più, che le hanno strappato quasi dal grembo ad appena venti giorni di vita. La bestiola, che viveva in una cascina nella campagne di Chieri, è stata subito sequestrata e portata in canile. Un veterinario che l'ha visitata ha accertato che avrebbe partorito proprio una ventina di giorni fa, l'età dei cuccioli morti. Adesso i militati dell'Arma hanno inviato alla Procura la richiesta per il Dna. L'ultimo tassello delle indagini: se risulterà positivo, il proprietario della cagnolina sarà automaticamente denunciato. 
Non è la prima volta che l'Enpa si trova davanti a un caso simile sempre in quella zona. "Era già successo tre o quattro anni fa, ma allora i cani si erano salvati. Li avevamo allevati a biberon e trovato loro una famiglia".
Animalia
Fa uccide il cane per seppellirlo con lei
Fa uccide il cane per seppellirlo con lei
Una donna ha lasciato precise indicazioni testamentarie sulle sorte della propria cagnetta: dev’essere soppressa, cremata e le ceneri sistemate nella bara
Bennie, il mostro del Garda
Bennie, il mostro del Garda
Un esemplare di pesce siluro di m120 kg catturato nelle acque del Lago di Garda da Jeremy Wade, star di “River Monster”
Minnesota: il gattile degli orrori
Minnesota: il gattile degli orrori
All’interno del “Minnesota Animal Rescue” di Farmington, la polizia e i veterinari hanno rivenuto un vero cimitero di gatti, quasi certamente morti di fame. Gli altri animali erano in stato di completo abbandono
Muore dissanguato per un morso del suo cane
Muore dissanguato per un morso del suo cane
Tiago, un cane di razza Corso, ha morso all’avambraccio il padrone recidendogli l’arteria omerale. Poco dopo ha tentato di aggredire anche la moglie dell'uomo, che è riuscita a difendersi
Un memory day per l'amato coccodrillo
Un memory day per l
Un bracconiere ha ucciso Bismark, un coccodrillo 80enne mansueto e mascotte della comunità australiana di Cardwell, in Australia. "Un'uccisione inutile e stupida", dicono gli etologi. Il dolore dei residenti
Traffico di migliaia di cuccioli
Traffico di migliaia di cuccioli
Continua l'import illegale di cani di razza dall'Est, gli ultimi arresti a Rimini. Sgominata una gang collegata ad allevamenti in Slovacchia. Enci: "Ci costituiremo parte civile contro i responsabili"
Attaccato da un puma, lo strangola
Attaccato da un puma, lo strangola
Paurosa avventura di un runner in Colorado. Aggredito alle spalle da un giovane esemplare di leone di montagna che lo ha ferito, s'è difeso con le sole mani e lo ha soffocato. I responsabili del parco: "Fatta la cosa giusta"
Wimbledon, il serial killer dei cani
Wimbledon, il serial killer dei cani
È caccia aperta al misterioso avvelenatore che semina pezzi di carne infetta nei giardini del sobborgo londinese. Diverse vittime
Centinaia di cani uccisi nel canile-modello
Centinaia di cani uccisi nel canile-modello
Scandalo in Corea nel centro-rifugio di cani che prometteva di mantenere in vita tutti i randagi accolti, senza mai ricorrere all'eutanasia. Invece sono stati eliminati centinaia di quattro zampe. Dipendenti in lacrime
Mare di plastica, collare-frisbee per foche
Mare di plastica, collare-frisbee per foche
Le foche fotografate a Norfolk e altrove con strani collari, anche un frisbee fucsia, sono simbolo del degrado ambientale. Molti esemplari sono morti soffocati o feriti dai rifiuti abbandonati in mare