Un memory day per l'amato coccodrillo

| Un bracconiere ha ucciso Bismark, un coccodrillo 80enne mansueto e mascotte della comunità australiana di Cardwell, in Australia. "Un'uccisione inutile e stupida", dicono gli etologi. Il dolore dei residenti

+ Miei preferiti

Una città nel nord dell'Australia è in lutto questa settimana dopo che  “l’amato coccodrillo”, mascotte della comunità amato è stato ucciso con un proiettile in testa. E’ stato un un pescatore ha scoprire il corpo di Bismarck, un coccodrillo marino di 80 anni, popolare tra residenti e turisti, nella Cardwell's Meunga Creek alla fine della scorsa settimana.

"Cardwell dice addio a una delle attrazioni turistiche più grandi," l'etologo Ryan Moody ha detto in un video postato su Facebook. "Questo coccodrillo non è mai stato una minaccia per gli umani”. Moody ha detto che ora c'è il rischio che un coccodrillo più aggressivo si sposti nel territorio di Bismarck."Incredibile come gli esseri umani possono semplicemente rendere le situazioni più pericolose attraverso atti di pura stupidità", ha detto. Riferendosi al bracconiere, ha aggiunto: "Mi chiedo se gli piacerebbe che gli piacessi se lo prendessi a botte. Probabilmente no".

Secondo l'ABC, per Bismarck è in programma una "giornata della memoria", con un servizio pubblico che si terrà in una data futura. "Bismarck faceva parte della nostra comunità, era un'anima così gentile per quanto possono esserlo i coccodrilli", ha detto Thea Ormonde, residente a Cardwell. "Vogliamo ricordare il gigante gentile perché non ha mai causato problemi a nessuno".

Però, nelle stesse ore, due pescatori sono stati portati in ospedale mercoledì dopo aver trascorso due giorni bloccati in un albero sopra l'acqua infestata dai coccodrilli sul fiume South Alligator River, circa 200 chilometri ad est di Darwin. I due si sono salvati arrampicandosi su un albero dopo che la loro barca è affondata. Li ha salvati l’equipaggio di un elicottero. Sono entrambi  disidratati e pieni di punture. Sono fuori pericolo.

Animalia
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Le autorità mettono in guardia: gettare negli scarichi droghe come la metanfetamina può provocare danni ad animali molto pericolosi come gli alligatori
Australia, strage di uccelli
Australia, strage di uccelli
Precipitano al suolo perdendo sangue: inspiegabili i motivi, ma per le ong ambientaliste si tratta di avvelenamento
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Una biologa marina si è imbattuta in un esemplare lungo quanto lei stessa. È allarme su tutta la costa della Cornovaglia
Olanda, suicidio di massa dei topi
Olanda, suicidio di massa dei topi
Centinaia di ratti si lanciano nel vuoto dal ponte dell’acquedotto di un piccolo villaggio rurale olandese. Un fenomeno al momento inspiegabile
Uomo-mummia prigioniero dell'orso
Uomo-mummia prigioniero dell
Un russo è rimasto un mese, con la spina dorsale spezzata, nella tana di un orso che voleva mangiarlo durante il letargo. E' accaduto nella regione di Tuva. E' in condizioni critiche, salvato dai cani dei cacciatori
Strage di cavalli, corse sotto accusa
Strage di cavalli, corse sotto accusa
30 cavalli morti in pochi mesi in un circuito di Santa Ana, Sud California, ora indaga la procura di Los Angeles. Sottoposti a sforzi massacranti, gli animali si feriscono e vengono uccisi. In pericolo uno degli sport più seguiti
Cani, 'occhi tristi' per farsi amici con gli umani
Cani,
Gli studiosi hanno scoperto l'esistenza di alcuni musei facciali, non presenti nel lupo, frutto di un'evoluzione di miglaia di anni. Servono a creare un effetto per sollecitare gli uomini a prendersi cura di loro
Il grande lupo di 40mila anni fa
Il grande lupo di 40mila anni fa
La teste perfettamente conservata è emersa dagli ghiacci siberiani, nella regione di Yakituia. Rispetto al lupo attuale, era grande più del doppio
La cacciatrice e la giraffa
La cacciatrice e la giraffa
Le foto di una delle sue prede più recenti sono diventate virali, trasformandola nell’epicentro di insulti e maledizioni. Ma lei non ha alcuna intenzione di mollare: “Adoro andare a caccia”
Primati accecati e uccisi in nome della scienza
Primati accecati e uccisi in nome della scienza
Fa discutere il progetto Lightup delle Università di Torino e Parma. Per studiare la cecità da trauma, 4 o 6 macachi accecati e, dopo 5 anni, finite le sperimentazioni, uccisi. Appello Lav: "Ministra Grillo, ferma i ricercatori"