Uomo-mummia prigioniero dell'orso

| Un russo è rimasto un mese, con la spina dorsale spezzata, nella tana di un orso che voleva mangiarlo durante il letargo. E' accaduto nella regione di Tuva. E' in condizioni critiche, salvato dai cani dei cacciatori

+ Miei preferiti

Un uomo-mummia sarebbe sopravvissuto un mese nella tana di un orso che lo aveva catturato senza ucciderlo poiché voleva conservare la sua carne come riserva alimentare durante il letargo. I media russi ne hanno rivelato solo il nome, Alexander: è gravemente ferito e con la spina dorsale rotta. Lo hanno salvato i cani da caccia di una squadra di cacciatoril nella remota regione russa di Tuva. Un miracolo che sia sopravvisuto. Ridotto a una scheletro, ha bevuto la sua urina per impedire la disdratazione. "L'orso mi ha conservato come cibo”, ha spiegato. Ha gravi lesioni e tessuti già in decomposizione, dopo essere rimasto sdraiato e immobile per giorni e giorni.

Gli orsi bruni nascondono le prede durante il periodo del letargo. Ma la Louise Gentle, docente alla Nottingham Trent University, ha raccontato al Sun che si tratta di un caso molto raro: raramente un plantigrado sceglie un essere umano. “E' possibile che l'uomo in qualche modo si sia opposto all’animale, forse aveva dei cuccioli nelle vicinanze e li proteggeva”. Tuva si trova nella Siberia meridionale, a circa 2.500 km a est di Mosca, al confine con la Mongolia.

Oltre all'accoppiamento e alla cura della prole, gli orsi bruni conducono una vita relativamente solitaria, trascorrendo la maggior parte del loro tempo a caccia di cibo: conosciuti anche come "grizzly", sono onnivori: mangiano un mix di piante, bacche, pesci e mammiferi. Il letargo inizia a dicembre, l'orso bruno entra nella sua tana e vi resta per sei mesi, vivendo delle sue riserve di grasso e del cibo che ha raccolto e sistemato nelle vicinanze della sua tana.

Animalia
Hanno ucciso il coniglio Roger così, per divertirsi
Hanno ucciso il coniglio Roger così, per divertirsi
Un gruppo di ragazzi ha lapidato a morte un coniglietto adottato dai bambini della spiaggia di Lacco Ameno a Ischia. Scommettevano su chi lo avesse ucciso per primo. Appello ai testimoni: "Aiutateci a identificare gli autori"
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Tennessee, arrivano i “meth-gator”
Le autorità mettono in guardia: gettare negli scarichi droghe come la metanfetamina può provocare danni ad animali molto pericolosi come gli alligatori
Australia, strage di uccelli
Australia, strage di uccelli
Precipitano al suolo perdendo sangue: inspiegabili i motivi, ma per le ong ambientaliste si tratta di avvelenamento
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Medusa gigante al largo della Cornovaglia
Una biologa marina si è imbattuta in un esemplare lungo quanto lei stessa. È allarme su tutta la costa della Cornovaglia
Olanda, suicidio di massa dei topi
Olanda, suicidio di massa dei topi
Centinaia di ratti si lanciano nel vuoto dal ponte dell’acquedotto di un piccolo villaggio rurale olandese. Un fenomeno al momento inspiegabile
Strage di cavalli, corse sotto accusa
Strage di cavalli, corse sotto accusa
30 cavalli morti in pochi mesi in un circuito di Santa Ana, Sud California, ora indaga la procura di Los Angeles. Sottoposti a sforzi massacranti, gli animali si feriscono e vengono uccisi. In pericolo uno degli sport più seguiti
Cani, 'occhi tristi' per farsi amici con gli umani
Cani,
Gli studiosi hanno scoperto l'esistenza di alcuni musei facciali, non presenti nel lupo, frutto di un'evoluzione di miglaia di anni. Servono a creare un effetto per sollecitare gli uomini a prendersi cura di loro
Il grande lupo di 40mila anni fa
Il grande lupo di 40mila anni fa
La teste perfettamente conservata è emersa dagli ghiacci siberiani, nella regione di Yakituia. Rispetto al lupo attuale, era grande più del doppio
La cacciatrice e la giraffa
La cacciatrice e la giraffa
Le foto di una delle sue prede più recenti sono diventate virali, trasformandola nell’epicentro di insulti e maledizioni. Ma lei non ha alcuna intenzione di mollare: “Adoro andare a caccia”
Primati accecati e uccisi in nome della scienza
Primati accecati e uccisi in nome della scienza
Fa discutere il progetto Lightup delle Università di Torino e Parma. Per studiare la cecità da trauma, 4 o 6 macachi accecati e, dopo 5 anni, finite le sperimentazioni, uccisi. Appello Lav: "Ministra Grillo, ferma i ricercatori"