Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino

| Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata

+ Miei preferiti

Il celebre dipinto di Basquiat, “L'angelo maledetto”, potrà tornare al suo legittimo proprietario. Valutato tra i 20 e i 25 milioni e certificato da un perito del tribunale di Roma come autentico, realizzato da Jean-Michel Basquiat, graffitista americano di origini portoricane, amico di Andy Warhol. Il proprietario dell'Angelo, Sergio Rossi, aveva presentato denuncia in procura dopo che nel corso di una mediazione ne aveva perso le tracce. Le ultime portavano a New York, ma “L'angelo maledetto sembrava davvero svanito nel nulla".

Skipper di fama internazionale che per tutta la vita ha accompagnato i vip di mezzo mondo in mare, Sergio Rossi, 67 anni, aveva sognato di sistemarsi per il resto dei suoi giorni riuscendo a venderlo. Quel quadro gli era stato donato da un'amica di famiglia. Al tempo però, forse perché ne ignorava il reale valore, era finito in cantina. Quando finalmente si è reso conto del tesoro che aveva in casa, ha cercato di venderlo. I mediatori – che lo avevano agganciato grazie a un amico – hanno iniziato a fargli una serie di richieste: in primis aprire un conto in una banca croata, la “Addiko Bank” di Opatija - per movimentare il denaro di una futura vendita. Quindi lo hanno disorientato, portandolo in giro per l'Europa. Lo hanno hanno fatto soggiornare in un hotel a cinque stelle a Salisburgo, dietro la casa di Mozart: lui e i due mediatori italiani, un tal Luca e una certa Silvia, di cui nessuno però conosceva il cognome. Proprio qui Sergio Rossi ha conosciuto un gallerista che si è fatto carico di fargli avere un'expertise dalla sorella di Basquiat, che vive in America. Ed è stato allora che il quadro è svanito nel nulla.

A smuovere le cose, almeno così era sembrato, era stata la denuncia presentata in procura a Torino e a cui aveva fatto seguito una telefonata dei mediatori: “Te lo portiamo, tranquillo. Adesso la sorella dell'autore farà una perizia sulla tela per verificare che sia originale e nel caso procederemo con la vendita”. Fino a qualche tempo fa però del dipinto non si avevano più avuto notizie. Il fascicolo era stato affidato al pm Giuseppe Riccaboni. Ed è stata proprio la pg della procura di Torino a individuare il quadro e a portarlo a casa. Per sincerarsi della sua autenticità è stata richiesta una perizia al Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Torino, guidato dal tenente colonnello Silvio Mele. Una volta accertata il quadro potrà tornare nelle mani del suo legittimo proprietario. Una truffa architetta ad hoc, uno scenario che ricorda molto da vicino il film “La migliore offerta”.

Arte News
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Una mostra ospitata alla Villa Reale di Monza ripercorre la vita, la carriera e i tormenti dell’artista che più di ogni altro è riuscito a diventare il simbolo della Parigi di fine Ottocento
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Erano comparsi nel giro di poche ore e solo ora, dopo la "confessione" su Instagram è arrivata la conferma, la firma è quella del grande street-artist, Bansky. Tema, l'immigrazione. La storia e l'analisi