BOOMing: quando l’arte diventa “green”

| Con il progetto Paint Green la nuova fiera di arte contemporanea di Bologna si candida a diventare un modello replicabile di buona gestione ambientale

+ Miei preferiti
Di che colore è un’esplosione? Secondo “BOOMing Contemporary Art Show” è verde: il colore del mondo vegetale che propaga la vita intorno a sé, germogliando e riappropriandosi dello spazio urbano. La nuova fiera d’arte contemporanea che si svolgerà a Bologna durante l’Art Week (23-26 gennaio 2020) ha ideato il progetto Paint Green per rispondere all’urgenza di creare un ambiente fertile, di idee e non solo. 

BOOMing ricorda che “non abbiamo un altro pianeta” e che è necessario ripensare radicalmente la nostra azione per contrastare l’emergenza climatica. E lo fa dando il buon esempio: Paint Green identifica una serie di azioni che renderanno l’evento realmente sostenibile, in tutti i suoi aspetti, dalla gestione della raccolta differenziata alla mobilità, dall’educazione ambientale al cibo, fino alla riduzione della plastica. 

Un’attenzione che parte dalla scelta della sede, lo Spazio DumBo, ex scalo ferroviario diretto da Simona Gavioli ora modello di rigenerazione urbana, ecosistema vitale in cui cittadini, associazioni e istituzioni convivono, collaborano e si contaminano. All’interno dei suoi 40mila metri quadrati saranno allestiti degli “ecopunti” presidiati da uno staff di volontari appositamente formato, che gestirà tutto il processo legato alla raccolta differenziata in collaborazione con i partner tecnici della fiera. Al termine della manifestazione, grazie alle misurazioni effettuate, sarà valutato l’effettivo impatto di questa azione, che sarà quindi possibile replicare e comunicare.

BOOMing darà vita, appoggiandosi a una realtà locale, a un progetto dedicato ai bambini: Kinder BOOMing, uno strumento fondamentale per propagare, in senso transgenerazionale, le buone pratiche legate alla sostenibilità e al rispetto per l’ambiente. Anche il cibo è essenziale alla vita: per evitare lo spreco alimentare, in collaborazione con un’impresa locale, è stato promosso il Progetto Food con l’utilizzo, nel catering, di stoviglie riutilizzabili o in materiale organico biodegradabile. 

BOOMing punta inoltre a ridurre drasticamente l’impiego della plastica con il posizionamento di erogatori d’acqua all’interno della fiera. Negli spazi della manifestazione sarà vietato utilizzare bottigliette di plastica, mentre saranno incentivati i bicchieri dell’evento e le borracce. Ultima, ma non meno centrale, la mobilità sostenibile: BOOMing promuoverà l’accesso alla fiera con mezzi pubblici e servizi di bikesharing.

Lo Spazio DumBO, un’area di rigenerazione urbana condivisa, è un distretto culturale e sociale di quasi 40mila metri quadrati che sorge negli spazi dell’ex scalo ferroviario Ravone di via Casarini 19 a Bologna. Un’area dismessa è stata restituita a nuova vita, nella logica della collaborazione e della partecipazione tra pubblico e privato, in un’area strategica della città.

 

Info pratiche

BOOMing Contemporary Art Show

DumBO - Via Casarini 19, Bologna

23 / 26 gennaio 2020

Opening: giovedì 23 gennaio, ore 20.00-24.00

info@boomcontemporaryart.com

Galleria fotografica
BOOMing: quando l’arte diventa “green” - immagine 1
BOOMing: quando l’arte diventa “green” - immagine 2
BOOMing: quando l’arte diventa “green” - immagine 3
BOOMing: quando l’arte diventa “green” - immagine 4
BOOMing: quando l’arte diventa “green” - immagine 5
BOOMing: quando l’arte diventa “green” - immagine 6
BOOMing: quando l’arte diventa “green” - immagine 7
Arte News
Banksy, un mistero senza copyright
Banksy, un mistero senza copyright
L’ufficio europeo per la proprietà intellettuale ha deciso che le opere comparse in tutto il mondo non possono esse del misterioso artista proprio per via della scelta di rimanere anonimo
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Una mostra ospitata alla Villa Reale di Monza ripercorre la vita, la carriera e i tormenti dell’artista che più di ogni altro è riuscito a diventare il simbolo della Parigi di fine Ottocento
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"