David LaChapelle alla Reggia di Venaria

| Oltre 70 opere del controverso artista americano in un percorso che include alcune delle sue immagini più iconiche, quelle che l’hanno reso uno dei fotografi più influenti al mondo

+ Miei preferiti
Arriva alla Reggia di Venaria, presso la “Citroniera” delle Scuderie Juvarriane, la grande mostra dedicata a David LaChapelle, fotografo e regista statunitense noto per un stile surreale e caricaturale. 

La mostra, intitolata “Atti Divini”, propone 70 opere di grandi e grandissimi formati, considerate fra le più significative dei vari periodi della carriera dell’artista. Un percorso visivo rivoluzionario, testimone della profonda rappresentazione dell’umanità che LaChapelle conduce all’interno e controla natura, fino a far emergere una nuova espressione artistica ambientata in un paradiso colorato.

La mostra presenta i lavori più iconici che hanno contribuito a farlo diventare uno degli artisti più influenti al mondo: nella piena consapevolezza dell’artificio creativo, LaChapelle si distingue per la capacità di narrarsi e raccontarsi attraverso la fotografia e in relazione con le manifestazioni più significative della civiltà occidentale, dal Rinascimento al contemporaneo ed oltre.

Tra le opere più significative “Rape of Africa” (2009) che ritrae Naomi Campbell come una Venere di Botticelli ambientata nelle miniere d’oro dell’Africa e “Showtime at the Apocalypse” (2013), un ritratto della famiglia Kardashian che rappresenta non solo la famiglia stessa, ma le nostre paure, le ossessioni e i desideri che vi si riflettono. Sono in mostra anche le vivaci ed elettrizzanti serie “Land SCAPE” e “Gas” (ambedue del 2013), progetti di nature morte in cui LaChapelle riunisce oggetti trovatiper creare raffinerie di petrolio e le loro stazioni di servizio interconnesse e poi presentarle come reliquie in una terra bonificata dalla natura.

Al centro del percorso espositivo “Deluge”(2007) in cui LaChapelle rende contemporaneo il celebre affresco di Michelangelo nella Cappella Sistina. A seguire lavori come “Awakened” (2007) e “Seismic Shift” (2012), che rivelano scene legate alla divinità nel mondo moderno.

“Atti Divini”presenta per la prima volta alcune opere inedite della nuova serie “New World” (2017-2019) che rappresenta lo stupore dell’artista per il sublime e la ricerca della spiritualità in scene di utopia tropicale.

Curata da Denis Curti e Reiner Opoku, con il progetto allestitivo di Giovanni Tironi, la mostra è organizzata da Civita Mostre e Musei con il Consorzio delle Residenze Reali Sabaude, in collaborazione con Lavazza.

 

INFO PRATICHE

David LaChapelle “Atti Divini”

14 giugno 2019 - 6 gennaio 2020 

Reggia di Venaria, 
Citroniera delle Scuderie Juvarriane

Piazza della Repubblica, 4 
Venaria Reale (TO)

Orari: 

Da martedì a venerdì h. 10 - 18.00. Sabato, domenica e festivi 10 – 19.30

http://www.lavenaria.it/it/visita/orari)

tel. +39 011 4992333 www.lavenaria.it

Ingressi (comprensivi di audioguida)

Intero: 14 euro

Ridotto: 12 euro


Ridotto: 8 euro (Under 21, ragazzi dai 6 ai 20 anni, universitari under 26)

Gruppi: (min. 12 persone), maggiori di 65 anni e quanti previsti da Gratuiti e Ridotti

Scuole: 4 euro (min. 12 studenti, ingresso gratuito per 2 accompagnatori ogni 27 studenti)

Gratuito: minori di 6 anni

Galleria fotografica
David LaChapelle alla Reggia di Venaria - immagine 1
David LaChapelle alla Reggia di Venaria - immagine 2
David LaChapelle alla Reggia di Venaria - immagine 3
David LaChapelle alla Reggia di Venaria - immagine 4
David LaChapelle alla Reggia di Venaria - immagine 5
David LaChapelle alla Reggia di Venaria - immagine 6
David LaChapelle alla Reggia di Venaria - immagine 7
David LaChapelle alla Reggia di Venaria - immagine 8
David LaChapelle alla Reggia di Venaria - immagine 9
David LaChapelle alla Reggia di Venaria - immagine 10
Arte News
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Una mostra ospitata alla Villa Reale di Monza ripercorre la vita, la carriera e i tormenti dell’artista che più di ogni altro è riuscito a diventare il simbolo della Parigi di fine Ottocento
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città