Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo

| Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere

+ Miei preferiti
Lo spettacolo non inizia quando le luci si spengono: anzi, spesso agli spettatori spiace, se il film sta per iniziare e in sala scende il buio. È la particolarità del “Delphi Lux”, un nuovo e rivoluzionario cinema inaugurato da poco a Berlino, al numero 10 di Kantstraße, nel modaiolo quartiere di Charlottenburg. Sette sale, per 600 posti a sedere, studiate dall’architetto Stefan Gessler e gli studi “Ester Brukzus” e “Rlin Batek”, studi di interior design berlinesi, autori di un progetto minimalista che comprende anche una rivisitazione del suggestivo foyer. Ogni sala è idealmente dedicata a maestri del cinema, con installazione artistiche di luci: una si ispira al cinema di David Lynch, un’altra si rifà alle atmosfere di Stanley Kubric. Le tinte sono forti: rosso, nero, viola, verde, tonalità di rosa. Una ricorda il backstage di una scenografia, un’altra l’interno di un cortile, con delle tegole: le attraversano strisce di luci a Led che possono cambiare colore e creare effetti geometrici. La più piccola è la “Box”, con solo 37 posti a sedere.

Galleria fotografica
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo - immagine 1
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo - immagine 2
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo - immagine 3
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo - immagine 4
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo - immagine 5
Arte News
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Una mostra ospitata alla Villa Reale di Monza ripercorre la vita, la carriera e i tormenti dell’artista che più di ogni altro è riuscito a diventare il simbolo della Parigi di fine Ottocento
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Erano comparsi nel giro di poche ore e solo ora, dopo la "confessione" su Instagram è arrivata la conferma, la firma è quella del grande street-artist, Bansky. Tema, l'immigrazione. La storia e l'analisi