I capolavori del “Musée Marmottan Monet” a Bologna

| Per la prima volta nella sua storia, 57 capolavori assoluti di Monet e dei grandi esponenti dell’Impressionismo francese, lasciano il celebre museo parigino

+ Miei preferiti
Per la prima volta dalla sua fondazione, nel 1934, il “Musée Marmottan Monet” di Parigi cede in prestito un corpus di opere uniche, molte mai esposte altrove nel mondo e firmate da alcuni dei maggiori esponenti dell’Impressionismo.

Principalmente Monet, ma anche Manet, Renoir, Degas, Corot, Sisley, Caillebotte, Morisot, Boudin, Pissarro e Signac saranno gli indiscussi protagonisti della mostra “Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmottan Monet” che, dal 13 marzo al 12 luglio prossimi, sarà ospitata nelle sale di “Palazzo Albergati” di Bologna: un’occasione irripetibile per ripercorrere l’evoluzione del movimento pittorico più amato.

Dopo il grande successo conseguito dalla mostra “Chagall. Sogno e magia”, che terminerà il prossimo 1° marzo, “Arthemisia” presenta proprio a Bologna questa mostra dal carattere eccezionale, con un percorso espositivo che vedrà primeggiare - accanto a capolavori cardine dell’impressionismo francese come “Portrait de Madame Ducros” (1858) di Degas, “Portrait de Julie Manet” (1894) di Renoir e “Nymphéas” (1916-1919 ca.) di Monet - opere inedite per il grande pubblico perché mai uscite dal Musée Marmottan Monet. È il caso di “Portrait de Berthe Morisot étendue” (1873) di Édouard Manet, “Le Pont de l’Europe”, gare Saint-Lazare (1877) di Claude Monet e “Jeune Fille assise au chapeau blanc” (1884) di Pierre Auguste Renoir. 

Attraverso 57 capolavori, la mostra vuole anche rendere omaggio a tutti quei collezionisti e benefattori - tra i quali molti discendenti e amici degli stessi artisti in mostra - che, a partire dal 1932, hanno contribuito ad arricchire la prestigiosa collezione del museo parigino rendendola una tra le più importanti nella conservazione della memoria impressionista. 

La mostra è prodotta e organizzata dal “Gruppo Arthemisia” e curata da Marianne Mathieu, Direttore scientifico del Musée Marmottan Monet di Parigi.

Galleria fotografica
I capolavori del “Musée Marmottan Monet” a Bologna - immagine 1
I capolavori del “Musée Marmottan Monet” a Bologna - immagine 2
I capolavori del “Musée Marmottan Monet” a Bologna - immagine 3
Arte News
Banksy, un mistero senza copyright
Banksy, un mistero senza copyright
L’ufficio europeo per la proprietà intellettuale ha deciso che le opere comparse in tutto il mondo non possono esse del misterioso artista proprio per via della scelta di rimanere anonimo
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Una mostra ospitata alla Villa Reale di Monza ripercorre la vita, la carriera e i tormenti dell’artista che più di ogni altro è riuscito a diventare il simbolo della Parigi di fine Ottocento
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"