Le fantasy coffin di Paa Joe

| Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio

+ Miei preferiti
A morire son capaci tutti, ma andarsene con classe e fantasia è roba per pochi. Paa Joe, un artista-artigiano ghanese, sull’ultimo viaggio ci ha costruito una carriera. In realtà si chiama Joseph Ashong, ha 71 anni ed è specializzato in bare, ma non quelle tristi e tutte uguali in cui a cambiare è solo il legno: le sue “fantasy coffins” sono coloratissime, create ispirandosi direttamente alle passioni o al mestiere del defunto.

Paa Joe lavora ad Accra, in Ghana, e ha iniziato quando aveva 16 anni, facendo propria l’idea di suo zio Kane, che ha voluto salutare la morte della mamma realizzando una bara a forma d’aereo, per esaudirle l’antico desiderio di volare. Un mestiere che a sua volta, Paa ha trasmesso ai figlio Jacob e Isaac, che oggi lavorano con lui.

Nel tempo, le sue opere sono finite al “Centre Pompidou” di Parigi, al “Victoria and Albert Museum” di Londra e al “Brooklyn Museum” di New York, oltre a far parte di numerose collezioni private. Ma soprattutto, hanno attirato l’attenzione dei potenti della terra, a cui l’idea di andarsene con un “coup de théâtre” piace tantissimo. Fra i tanti che hanno chiesto a Paa Joe un preventivo spiccano Barack Obama, Madonna, Vladimir Putin, Boris Becker e Lenny Kravitz, nomi da aggiungere a quelli degli ex presidenti Jimmy Carter e Bill Clinton, che anni fa hanno ordinato due bare a testa, una per loro stessi, l’altra per le rispettive consorti.

Per ognuno di loro, al pari di qualsiasi altro cliente, Joseph studia il giaciglio definitivo migliore. L’ha fatto centinaia di volte, creando bare d’arte contemporanea con la forma di animali, scarpe, strumenti musicali, ballerine, cellulari, aerei, barche, auto e taxi.

Secondo la cultura ghanese, la morte non è una fine, ma un semplice passaggio in cui nulla cambia: “La bara rappresenta un simbolismo molto forte: se guidavi un taxi, probabilmente continuerai a farlo anche nell’aldilà”. Sperando almeno ci sia meno traffico.

Galleria fotografica
Le fantasy coffin di Paa Joe - immagine 1
Le fantasy coffin di Paa Joe - immagine 2
Le fantasy coffin di Paa Joe - immagine 3
Le fantasy coffin di Paa Joe - immagine 4
Le fantasy coffin di Paa Joe - immagine 5
Le fantasy coffin di Paa Joe - immagine 6
Le fantasy coffin di Paa Joe - immagine 7
Le fantasy coffin di Paa Joe - immagine 8
Arte News
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Una mostra ospitata alla Villa Reale di Monza ripercorre la vita, la carriera e i tormenti dell’artista che più di ogni altro è riuscito a diventare il simbolo della Parigi di fine Ottocento
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Erano comparsi nel giro di poche ore e solo ora, dopo la "confessione" su Instagram è arrivata la conferma, la firma è quella del grande street-artist, Bansky. Tema, l'immigrazione. La storia e l'analisi