Occhiali da vista, anche questa è arte

| Un 17enne ha poggiato i suoi occhiali contro un muro del museo d’arte moderna di San Francisco e ha atteso le reazioni dei visitatori

+ Miei preferiti
L’arte moderna è per sua stessa definizione astrusa, elitaria, lontana: in una sola parola, incomprensibile. Difficile, per i meno avvezzi, trovare un’espressione artistica in un orinatoio o in lungo grissino speso fra due sedie. Eppure è arte e va accettata così, ancora prima di essere capita.

Tutto questo per raccontare un curioso e divertente episodio accaduto qualche giorno fa al “SFMOMA”, acronimo di “San Francisco Museum of Modern Art”, un’esposizione inaugurata nel 1935 e oggi ospitata al 151 di Third Street, nella zona di Yerba Buena, ai piedi del “Pacific Bell Building”. All’interno sono racchiusi oltre 26mila pezzi fra dipinti, sculture e fotografie di arte moderna, fra cui opere di Andy Wharol, Jackson Pollock, Clyfford Still, Henri Matisse, Paul Klee, Marcel Duchamp, Ansel Adams e Daido Moriyama.

Manca solo il nome di TJ Khayatan, forse perché non si tratta di un artista, o meglio non ancora: TJ è un 17enne che, in visita fra le stranezze del SFMoma ha pensato di mettere in pratica un esperimento social-artistico: ha posato i suoi occhiali a terra, contro un muro disadorno. Poi si è allontano e ha aspettato la reazione della gente, che non si è fatta attendere.

In tanti, come testimoniato da foto e video diventati virali, hanno scambiato il paio di comunissimi occhiali da vista graduati per un’opera d’arte ideata da chissà chi, sicuramente un artista che con quell’opera ha voluto lanciare un forte messaggio verso la cecità con cui il genere umano affronta le sfide di questi anni. In tanti, soprattutto giapponesi – va detto – si sono inginocchiati per meglio fotografare il paio di occhiali, finendo per raccontare che solo così l’opera e il suo messaggio recondito si gustano appieno.

Non è la prima volta che oggetti finiti per caso all’interno di musei scatenano reazioni nei visitatori, o che al contrario, installazione di arte moderna siano scambiate per rifiuti. È accaduto al “Museion” di Bolzano, dove un’addetta alle pulizie ha spazzato via un ammasso di bottiglie e bicchieri di plastica pensando al pic-nic di una scolaresca maleducata assai.

Galleria fotografica
Occhiali da vista, anche questa è arte - immagine 1
Occhiali da vista, anche questa è arte - immagine 2
Occhiali da vista, anche questa è arte - immagine 3
Arte News
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Una mostra ospitata alla Villa Reale di Monza ripercorre la vita, la carriera e i tormenti dell’artista che più di ogni altro è riuscito a diventare il simbolo della Parigi di fine Ottocento
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città