Ogr, migranti registi con gli smartphone

| Alle Officine Grandi Riparazioni di Torino mostre sull'immigrazione, tanto jazz e presto il live-techno-afro-beat di Tony Allen & Jeff Mills. Reverse Angle di Davide Ferrario, video-installazione a cura dei rifugiati

+ Miei preferiti

Parte la prima stagione estiva delle Officine Grandi Riparazioni di Torino con due mostre sul tema della migrazione, la nuova area esterna del ristorante Snodo, musica jazz e a settembre il live techno-afro-beat di Tony Allen & Jeff Mills. A nove mesi dalla sua inaugurazione, parte la prima stagione estiva delle OGR di Torino che si è aperta il 22 giugno, dalle 7.00 alle 2.00 del mattino successivo, con l’evento a porte aperte OGR is more: Estate ricca di mostre, appuntamenti, incontri e visite guidate. Il tutto alla scoperta della programmazione artistica che vedrà, fino a settembre, il cinema di Davide Ferrario dialogare con l’arte, la Sala Fucine trasformarsi in un jazz club per una sera a luglio, e il varo del nuovo spazio all’aperto di Snodo, l’area gastronomica delle OGR: un dehor caratterizzato da container, a richiamare il passato industriale del luogo dove, a partire dalla prossima estate, ci sarà posto anche per un palco per i concerti. “Sono stati finora 170mila i visitatori, di cui 30mila bambini“.

IL PROGETTO DI FERRARIO

Si parte con la videoinstallazione Reverse angle del regista Davide Ferrario, che mostra un punto di vista originale sull’Altro. Ferrario ha commissionato ad alcuni migranti della comunità di Pecetto Torinese (TO) una serie di riprese effettuate con lo smartphone, rendendoli veri e propri autori. “Abbiamo voluto integrare l’arte al cinema con il progetto di Ferrario”, ha spiegato il direttore artistico Nicola Ricciardi, “e la sua capacità di trasformare l’esperienza cinematografica in arte visiva, su un tema peraltro molto attuale”. Le migrazioni, la libera circolazione dei popoli, l’esilio è anche il tema al centro della mostra Forgive me, distant wars, for bringing flowers home che è stata inaugurata il 12 luglio. Si tratta della prima personale in un’istituzione italiana del trio di artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh e Hesam Rahmanian (di origine iraniana e residenti negli Emirati Arabi), a cura di Abaseh Mirvali, che nasce come sviluppo del Premio OGR assegnato a Rokni Haerizadeh durante l’edizione 2017 di Artissima.

LA MUSICA

Il 13 luglio, è stata protagonista la musica jazz con tre set di altrettanti protagonisti della musica d’autore, che hanno animato per una notte il palco delle ex officine: John De Leo TrioYamanaka Female Trio e Diego Borotti NU4tet. Dice ancora  Ricciardi; “aprire a diversi pubblici e a diverse idee e prospettive”. A partire da settembre, infatti, le OGR proporranno il meglio della musica africana contemporanea grazie alla rassegna Africa Now: tre concerti con artisti di primo piano nel panorama musicale internazionale. Si parte sabato 22 settembre con Tony Allen & Jeff Mills, una collaborazione già apprezzata in occasione di Romaeuropa tra il padre dell’afrobeat e il re della techno di Detroit, seguiti venerdì 5 ottobre da Amadou & Mariam, la coppia che fonde elementi di musica tradizionale maliana con il funky e il jazz, per concludere, venerdì 19 ottobre, con Bombino, stella del desert blues, definito il nuovo Jimi Hendrix.

Arte News
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Una mostra ospitata alla Villa Reale di Monza ripercorre la vita, la carriera e i tormenti dell’artista che più di ogni altro è riuscito a diventare il simbolo della Parigi di fine Ottocento
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città