Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne

| Una mostra ospitata alla Villa Reale di Monza ripercorre la vita, la carriera e i tormenti dell’artista che più di ogni altro è riuscito a diventare il simbolo della Parigi di fine Ottocento

+ Miei preferiti
Con i suoi colleghi, gli artisti spiantati e geniali che negli ultimi anni dell’Ottocento affollavano Montmartre, la celebre collina di Parigi, Toulouse-Lautrec divideva solo l’enorme talento e quella straordinaria capacità di superare gli “Impressionisti” per calarsi nelle notti parigine, anche quelle più infime, dove era facile annegare fra assenzio, tormenti e ragazze che danno tutto, ma non l’amore. E pensare che Henri de Toulouse, visconte di Lautrec, barone di Montfa, barone di Labruguière, barone di Ferrats, barone di Puy-Saint-Pierre, barone di Castayrac e signore della Roquette, il futuro non aveva che da sceglierselo. Era nato in una delle più nobili e prestigiose famiglie di Francia, ma il destino gli aveva negato un dettaglio fondamentale: la salute. Affetto da picnodisostosi, una malattia genetica alle ossa che costringe al nanismo, è nell’arte, che Toulouse-Lautrec trova una strada per difendersi dall’emarginazione e lo sberleffo che lo accompagnavano da sempre.

Il suo è un mondo illuminato dai fari della ribalta: la vita “bohémienne”, gli artisti, il Moulin Rouge, i teatri, le riviste umoristiche, le prostitute. È questo l’accattivante mondo di Toulouse-Lautrec, genio che divenne noto soprattutto per i suoi manifesti pubblicitari e i ritratti di personaggi che hanno segnato un’epoca rimanendo ben impressi nell’immaginario collettivo. L’aristocratico visconte di Lautrec lascia la scena alle soglie del XX secolo, il 9 settembre del 1901. Non ha ancora trentasette anni: un’epoca si chiude con lui.

La mostra “Toulouse-Lautrec. La Ville Lumière”,in programma dal 10 aprile al 29 settembre prossimo presso la Villa Reale di Monza, curata da Stefano Zuffi e con il patrocinio del Comune di Monza, prodotta e organizzata da “Arthemisia” in collaborazione con l’Herakleidon Museum di Atene, presenta manifesti, litografie, disegni, illustrazioni, acquerelli, video, fotografie e arredi dell’epoca che riscostruiscono uno spaccato della Parigi bohémienne, riportando i visitatori indietro nel tempo.
Tra le opere più celebri presenti in mostra litografie a colori (come “Jane Avril”, 1893), manifesti pubblicitari (“La passeggera della cabina 54” del 1895 e “Aristide Bruant nel suo cabaret”,del 1893), disegni a matita e a penna, grafiche promozionali e illustrazioni per giornali (come in “La Revue blanche” del 1895) diventati emblema di un’epoca indissolubilmente legata alle immagini dell’aristocratico visconte Henri de Toulouse-Lautrec. 

L’itinerario dell’esposizione, dopo l’introduzione sul personaggio e la sua epoca, è scandito in 11 sezioni tematiche, sempre in rapporto con i grandi cambiamenti storici, tecnologici, sociali e architettonici di Parigi alla fine del XIX secolo, al tempo scintillante della “Belle Époque”.

 

INFO PRATICHE

Toulouse-Lautrec. La Ville Lumière 

Villa Reale di Monza Viale Brianza, 1 - Monza 

10 aprile 2019 – 29 settembre 2019 

Con il patrocinio del Comune di Monza 

Produzione e organizzazione: Arthemisia, con Nuova Villa Reale Monza e in collaborazione con“Herakleidon Museum”, Atene, Grecia

A cura di Stefano Zuffi 

Progetto di allestimento: Corrado Anselmi con Andrea Damiano 

Orari: dal martedì alla domenica 10.00-19.00, lunedì chiuso

Aperture straordinarie: domenica 21, lunedì 22, giovedì 25 aprile, mercoledì 1 maggio e domenica 2 giugno aperto dalle 10.00 alle 19.00.

Ingresso: intero € 12,00, 
ridotto € 10,00 

Info e Prenotazioni tel. 039.2240024 

Biglietteria online: www.vivaticket.it 

Sito www.villarealedimonza.it 

 

Galleria fotografica
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne - immagine 1
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne - immagine 2
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne - immagine 3
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne - immagine 4
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne - immagine 5
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne - immagine 6
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne - immagine 7
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne - immagine 8
Arte News
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Erano comparsi nel giro di poche ore e solo ora, dopo la "confessione" su Instagram è arrivata la conferma, la firma è quella del grande street-artist, Bansky. Tema, l'immigrazione. La storia e l'analisi