Trio di artisti iraniani alle Ogr

| Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian

+ Miei preferiti

Alle "OGR" di Torino, fino al 30 settembre 2018, un collettivo aperto: da Dubai arriva nel capoluogo piemontese una mostra che risente un eclettismo rivendicato a gran voce da questi artisti. La prima impressione che cogliamo durante la visita della mostra di Ramin Haerizadeh (Teheran, 1975), Rokni Haerizadeh (Teheran, 1978) e Hesam Rahmanian (Knoxville, 1980) è quella di un profondo eclettismo. Un senso di disagio che può sfociare nel fastidio. “L’idea romantica dell’artista resta dominante anche qualora si tratti di un trio d’artisti. Esiste un pensiero unico, un’unità d’intenti che si traduce in uno stile coerente e riconoscibile”. Invece i tre iraniani di stanza a Dubai non fanno nulla di tutto questo, anzi complicano scientemente la questione, coinvolgono assistenti e colleghi nella produzione dell’opera, che non significa mera costruzione ma ideazione e realizzazione; ampliano cioè il trio, lo rendono un’entità aperta, porosa, ricettiva. La curatrice Abaseh Mirvali specifica chiamando in causa il termine farsi ‘dastgah’ (dispositivo, macchina, matrice melodica): “Diventando dastgah, gli artisti compiono un atto continuo e ripetitivo come se fossero macchine pittoriche, il cui corpo è stato coperto da un certo numero di oggetti”. Il risultato è un caleidoscopico susseguirsi di video animazioni e nature morte create con oggetti storici Fluxus, album privati precedenti la rivoluzione e pavimenti ispirati a Harold Pinter, dipinti e robot. Da non perdere il video Black Hair, realizzato insieme alle artiste Nargess Hashemi e Laleh Khorramian, e ai custodi Edward St. e Indrani Sirisena.

 

 

 

 

Arte News
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Una mostra ospitata alla Villa Reale di Monza ripercorre la vita, la carriera e i tormenti dell’artista che più di ogni altro è riuscito a diventare il simbolo della Parigi di fine Ottocento
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Erano comparsi nel giro di poche ore e solo ora, dopo la "confessione" su Instagram è arrivata la conferma, la firma è quella del grande street-artist, Bansky. Tema, l'immigrazione. La storia e l'analisi