Woodstock & co., l’epopea dei grandi eventi rock

| Cinquanta scatti dei più leggendari happening musicali degli anni Sessanta e Settanta, realizzati da Amalie R. Rothschild, fotografa americana che da anni vive a Firenze

+ Miei preferiti
Oltre 50 fotografie – di grande formato e per lo più inedite per l’Italia - per rivivere alcuni dei principali appuntamenti musicali rock del 1969, un anno irripetibile sotto anti punti di vista. In estrema sintesi è questo il significato di “Woodstock e gli altri. Cinquanta foto di pace, amore e musica”, la mostra fotografica dell’americana Amalie R. Rothschild che da una ventina d’anni vive e lavora a Firenze.

Ideata da Marco Ferri, curata da Amalie R. Rothschild e dallo stesso Ferri, con il coordinamento di Jacopo Celona, la mostra è in programma dal 3 al 29 ottobre 2019 nello spazio espositivo del Consiglio Regionale della Toscana intitolato a Carlo Azeglio Campi, in via dei Pucci 16, a Firenze, è patrocinata dalla XII Florence Biennale, Mostra Internazionale di Arte Contemporanea e Design, dal Consolato degli Stati Uniti di Firenze (che quest’anno celebra i 200 anni dall’apertura della sede toscana), e dall’Associazione di Amicizia Italia-Israele Prato Pistoia, ed è sponsorizzata da Angelo Pontecorboli Editore.

In occasione del 50° anniversario del Festival di Woodstock - che si svolse dal 15 al 18 agosto 1969 a Bethel, nello Stato di New York, alla presenza di centinaia di migliaia di persone – viene organizzata a Firenze la mostra fotografica di Amalie R. Rothschild, americana di nascita e fiorentina di adozione. I quattro giorni del festival, durante i quali si esibirono i maggiori esponenti della musica rock degli anni Sessanta, tra cui Jimi Hendrix, Janis Joplin, Santana e gli Who, sono infatti documentati dalla Rothschild, che custodisce un vero e proprio tesoro culturale da condividere con la cittadinanza fiorentina di cui la fotografa fa parte da quasi 20 anni.

Ma non basta: l’obiettivo della mostra è sì la celebrazione del più grande evento musicale della storia, ma anche degli altri grandi eventi rock che si tennero in quell’anno irripetibile - ovvero il Festival di Newport (luglio 1969), quello dell’Isola di Wight (settembre 1969), il live dei Rolling Stones al Madison Square Garden di New York (27 novembre 1969) e i vari concerti del Fillmore East (durante tutto l’anno) - durante i quali la fotografa-regista scattò innumerevoli fotografie oggi consegnate alla storia della musica nonché di un’intera generazione. 

Dopo una parte introduttiva all’ingresso della mostra, la prima sala ospiterà una ventina di fotografie-testimonianze del Festival di Woodstock con immagini del prima-durante-e dopo il Festival. La seconda– denominata “Altri eventi” – mostrerà fotografie in bianco e nero e a colori scattate al Festival di Newport, quello dell’Isola di Wight con gli Who e Bob Dylan, al live dei Rolling Stones, in cui compaiono Tina Turner e Janis Joplin, Mick Jagger & Co., alla “prima” dell’opera rock “Tommy” al Fillmore East di New York, e Newport con Miles Davis, James Brown e altri. La terza sala è interamente dedicata ai live del “Fillmore East”, il locale newyorkese di Bill Graham dove Amalie R. Rothschild faceva parte della “Joshua Light Show” e scattò fotografie di alcuni grandissimi eventi musicali che videro protagonisti, tra gli altri, Jimi Hendrix, Joni Mitchell, Elton John e i Grateful Dead. 

Fotografa e regista di fama internazionale, Amalie R. Rothschild ha conseguito un BFA (1967) in Graphic Design presso la Rhode Island School of Design, dove ha studiato fotografia con Harry Callahan e ha ottenuto un MFA (1969) in produzione cinematografica presso l’Institute of Film and Television della New York University, dove ha anche studiato fotografia con Paul Caponigro. Dal 1968 al 1974 ha lavorato a lungo come fotografa free-lance in campo musicale, le sue fotografie sono apparse su “The New York Times”, “Newsweek”, “Time-Life Books”, “Life Magazine”, “The Village Voice”, “Rolling Stone”, “After Dark” e molte altre pubblicazioni. Dal 1969 al 1971 ha lavorato con il Joshua Light Show al Fillmore East Theater di New York producendo fotografie di effetti speciali, diapositive, grafica, film e loop cinematografici utilizzati durante le esibizioni. Aveva accesso illimitato sul palcoscenico e nel backstage a tutti gli eventi al Fillmore East, e faceva parte dello staff al Festival di Woodstock del 1969. 

Durante quel periodo ha fotografato la maggior parte dei principali eventi di musica rock sulla costa orientale tra cui il 1969 Newport Festival, Tanglewood 1969 e 1970, The Who’s 1969 prima americana della loro opera rock “Tommy”, i Rolling Stones al Madison Square Garden nel novembre 1969, il tour di Bob Dylan nel 1974 e, in Inghilterra, il Festival dell'Isola di Wight del 1969. “Rolling Stone” ha pubblicato una delle sue fotografie di Bob Dylan sulla copertina del numero 43. La sua produzione fotografica è diffusa e pubblicata ampiamente in tutto il mondo.

Regista esperta e talentuosa, dal 1969 produce e dirige documentari incentrati sul rapporto tra artisti e società, tra cui “Conversations with Willard Van Dyke” (1981) e “Painting the Town: Illusionistic Murals of Richard Haas” (1990). I suoi film sono stati presentati e premiati in occasione di vari dei maggiori festival internazionali, trasmessi dalle reti televisive pubbliche di molti paesi (PBS, ABC, BBC, RAI, ecc.) e in molti tra i più importanti musei al mondo, tra cui il Museum of Modern Art di New York e lo Smithsonian Institution di Washington.

Ha esposto le sue opere fotografiche in mostre personali e collettive in tutto il mondo, tra cui “Summer of Love: Art of the Psychedelic Era” (Tate Gallery, Liverpool, 2005;  Kunsthalle Schirn, Frankfurt, 2006; Kunsthalle, Vienna, Austria, 2007; The Whitney Museum, New York, NY, 2007), “We Want Miles” (Musée de la Musique, Paris, France, 2009; Montreal Museum of Fine Arts, Québec, Canada, 2010; Centro Cultural Banco do Brasil, Rio de Janeiro, Brazil, 2011). Molte delle sue opere fanno parte di importanti collezioni pubbliche e private. 

 

INFO PRATICHE

Amalie R. Rothschild

WOODSTOCK E GLI ALTRI

Cinquanta foto di pace amore e musica

3 – 10 ottobre 2019

Spazio espositivo Carlo Azeglio Ciampi

Via dei Pucci 16, Firenze

Ingresso libero

Orari: lunedì-venerdì ore 10-13 e 15-19; sabato 10-13

Galleria fotografica
Woodstock & co., l’epopea dei grandi eventi rock - immagine 1
Woodstock & co., l’epopea dei grandi eventi rock - immagine 2
Woodstock & co., l’epopea dei grandi eventi rock - immagine 3
Woodstock & co., l’epopea dei grandi eventi rock - immagine 4
Woodstock & co., l’epopea dei grandi eventi rock - immagine 5
Woodstock & co., l’epopea dei grandi eventi rock - immagine 6
Woodstock & co., l’epopea dei grandi eventi rock - immagine 7
Arte News
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Toulouse-Lautrec, il nobile bohémienne
Una mostra ospitata alla Villa Reale di Monza ripercorre la vita, la carriera e i tormenti dell’artista che più di ogni altro è riuscito a diventare il simbolo della Parigi di fine Ottocento
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città