È finita la fiaba del sultano e la modella

| L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality

+ Miei preferiti
Lo scorso 6 gennaio, la favola del sultano e della gnocca della porta accanto sembrava iniziata: Muhammad V di Kelatan, in Malaysia, in carica dal settembre del 2010, ha rinunciato a tutto quello che aveva per amore. Il suo unico e solo desiderio, portare sull’altare Rihana Oksana Voevodina, 25 anni, ex Miss Mosca. Lei bellissima, ovvio, lui appena un po’ meno, ovvio anche questo, ma anche nel 2019, l’amore è come “andare a fari spenti nella notte”, per dirla citando il maestro Battisti.

Era stato un matrimonio rumoroso assai, celebrato con sfarzo anche se si era scoperto che il sultano aveva già prenotato la supergnocchissima modella russa maritandola in gran segreto nel 2018 a Mosca. Il sultano non aveva sentito ragioni, malgrado i tabloid avessero scovato e pubblicato immagini della vita precedente della Voevodina, ragazza di specchiata integrità, ci mancherebbe, ma non esattamente pudica e impacciata. A coronamento della fiaba, il 21 maggio la modella russa aveva dato all’ex sultano Muhammad un figlio, un bimbo bellissimo ma dal nome devastante: Tengku Ismail Leon Petra Bin Tengku Muhammad V Faris Petra.

Le foto del lieto evento, compresi il prima e il dopo parto, erano fioccate su siti e giornali come una nevicata improvvisa e abbondante, accompagnata dalle frasi zuccherine di lei: “La mia vita si divide in un prima e un dopo. Ho scoperto che quello che si dice sui cambiamenti nella testa di una donna dopo la nascita di un figlio sono veri: provo sentimenti nuovi, e sono grata a mio marito, ora siamo in tre, una famiglia”.

Neanche sei mesi dopo, fonti ufficiali del paese asiatico annunciano che le carte del divorzio sono state presentate lo scorso luglio a Singapore, pronunciando - come da tradizione – per tre volte la parola “Talak”, modo più pesante e irreversibile concesso dall’Islam per sancire la fine di un matrimonio.



La causa della separazione pare sia un reality show televisivo a cui Oksana Voevodina ha partecipato sotto falso nome lo scorso novembre, mentre il sultano si arrovellava sul dilemma di lasciare la guida di un Paese per lei. Il programma è una sorta di “Love Island” con una decina di giovani russi rinchiusi in una villa in Messico di proprietà dell’attrice russa Zhanna Friske. E in effetti, uno degli slogan scelti per lanciarlo lasciava poco spazio ai dubbi: “Hanno vissuto lì tutti insieme in libertà, facendo l’amore e vivendo le loro emozioni”. Oksana Voevodina, per essere precisi, pare ci abbia dato dentro in piscina con tal Elisey Polischuk.

Quanto è bastato al sultano per mettere la parola fine alla fiaba che aveva fatto sognare la Malaysia, per dispensare gioia e fortuna all’unica categoria che in un modo o nell’altro vince sempre: gli avvocati.

Articoli correlati
Galleria fotografica
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 1
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 2
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 3
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 4
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 5
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 6
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 7
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 8
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 9
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 10
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 11
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 12
Asia
100 giorni alle Olimpiadi,
e il Giappone è in ritardo
100 giorni alle Olimpiadi,<br>e il Giappone è in ritardo
L’1% della popolazione è stata vaccinata, e ai volontari dei giochi è stato detto che avranno due mascherine e del disinfettante. I timori per un evento che può diventare un velocissimo diffusore di nuove varianti in tutto il mondo
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
Ad un anno di distanza dall’ultima provocazione, Pyongyang ha lanciato due missili balistici verso il mar del Giappone. Immediata la reazione di Corea del Sud e Giappone: Biden deve ancora pronunciarsi
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Lo scorso anno si è chiuso con la cifra più alta mai raggiunta dal 1980, da quando sono iniziate le statistiche. Per gli esperti non è chiaro quanto il lockdown abbia influito, ma sono pronte diverse contromisure per invertire la tendenza
L’ONU accusa: gli hacker di Kim rubano capitali
L’ONU accusa: gli hacker di Kim rubano capitali
La Corea del Nord, ormai ridotta allo stremo, avrebbe trovato il modo di accumulare capitali attraverso una fitta attività di furti online
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Pechino usa la mano dura e avverte che i tentativi di indipendenza “significano guerra”, mentre gli Stati Uniti promettono sostegno, alzando alle stelle la tensione
Arrestato il re della metanfetamina
Arrestato il re della metanfetamina
Tse Chi Lop, narcotrafficante di origine cino-canadese, è accusato di gestire uno dei più grandi cartelli di metanfetamine del mondo, con giro d’affari di 60 miliardi di dollari all’anno
L’ultima speranza di Aslinda
L’ultima speranza di Aslinda
Una donna di Singapore sta per essere giustiziata in Cina per traffico di droga. La famiglia lancia un ultimo disperato appello
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Quasi azzerati gli scambi commerciali con al Cina, l’unico Paese con cui Pyongyang aveva rapporti. Per gli esperti la decisione porterà a carenze di farmaci, cibo e carburante, ma dimostra quanto la situazione sia fuori controllo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Il governo gioca il rilancio turistico della città del Covid-19, dove la normalità sembra ormai riconquistata in pieno, alzando il sospetto che in Cina il vaccino sia ormai realtà
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito