È finita la fiaba del sultano e la modella

| L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality

+ Miei preferiti
Lo scorso 6 gennaio, la favola del sultano e della gnocca della porta accanto sembrava iniziata: Muhammad V di Kelatan, in Malaysia, in carica dal settembre del 2010, ha rinunciato a tutto quello che aveva per amore. Il suo unico e solo desiderio, portare sull’altare Rihana Oksana Voevodina, 25 anni, ex Miss Mosca. Lei bellissima, ovvio, lui appena un po’ meno, ovvio anche questo, ma anche nel 2019, l’amore è come “andare a fari spenti nella notte”, per dirla citando il maestro Battisti.

Era stato un matrimonio rumoroso assai, celebrato con sfarzo anche se si era scoperto che il sultano aveva già prenotato la supergnocchissima modella russa maritandola in gran segreto nel 2018 a Mosca. Il sultano non aveva sentito ragioni, malgrado i tabloid avessero scovato e pubblicato immagini della vita precedente della Voevodina, ragazza di specchiata integrità, ci mancherebbe, ma non esattamente pudica e impacciata. A coronamento della fiaba, il 21 maggio la modella russa aveva dato all’ex sultano Muhammad un figlio, un bimbo bellissimo ma dal nome devastante: Tengku Ismail Leon Petra Bin Tengku Muhammad V Faris Petra.

Le foto del lieto evento, compresi il prima e il dopo parto, erano fioccate su siti e giornali come una nevicata improvvisa e abbondante, accompagnata dalle frasi zuccherine di lei: “La mia vita si divide in un prima e un dopo. Ho scoperto che quello che si dice sui cambiamenti nella testa di una donna dopo la nascita di un figlio sono veri: provo sentimenti nuovi, e sono grata a mio marito, ora siamo in tre, una famiglia”.

Neanche sei mesi dopo, fonti ufficiali del paese asiatico annunciano che le carte del divorzio sono state presentate lo scorso luglio a Singapore, pronunciando - come da tradizione – per tre volte la parola “Talak”, modo più pesante e irreversibile concesso dall’Islam per sancire la fine di un matrimonio.



La causa della separazione pare sia un reality show televisivo a cui Oksana Voevodina ha partecipato sotto falso nome lo scorso novembre, mentre il sultano si arrovellava sul dilemma di lasciare la guida di un Paese per lei. Il programma è una sorta di “Love Island” con una decina di giovani russi rinchiusi in una villa in Messico di proprietà dell’attrice russa Zhanna Friske. E in effetti, uno degli slogan scelti per lanciarlo lasciava poco spazio ai dubbi: “Hanno vissuto lì tutti insieme in libertà, facendo l’amore e vivendo le loro emozioni”. Oksana Voevodina, per essere precisi, pare ci abbia dato dentro in piscina con tal Elisey Polischuk.

Quanto è bastato al sultano per mettere la parola fine alla fiaba che aveva fatto sognare la Malaysia, per dispensare gioia e fortuna all’unica categoria che in un modo o nell’altro vince sempre: gli avvocati.

Articoli correlati
Galleria fotografica
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 1
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 2
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 3
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 4
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 5
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 6
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 7
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 8
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 9
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 10
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 11
È finita la fiaba del sultano e la modella - immagine 12
Asia
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
Cina sotto choc, Zixin è morta
Cina sotto choc, Zixin è morta
La polizia ha trovato il corpo della bimba, 9 anni, nelle acque di Shipu. Si chiude così il mistero della scolara rapita da una misteriosa coppia che si era poi suicidata in un lago. Tutti speravano fosse ancora viva