È un inglese il primo occidentale colpito dal virus cinese

| Ash Shorley lotta per la vita in un ospedale thilandese: timori per la reale portata dell’epidemia, che si teme sia nascosta dal governo cinese. L’OMS ha lanciato l’allarme: tenetevi pronti a una possibile epidemia globale

+ Miei preferiti
Si chiama Ash Shorley, ha 32 anni e si teme possa essere la prima vittima occidentale del coronavirus che sta preoccupando la Cina e il mondo intero. Shorley lotta fra la vita e la morte in un ospedale di Phuket, in Thailandia, contro un’infezione polmonare contratta dopo una visita all’isola di Koh Phi Phi: secondo i medici è simile al virus cinese, ma non è ancora stata confermato come tale. Shorley ha dovuto essere trasportato in ospedale con un aereo specializzato, e i genitori del giovane inglese, Chris e Julie, di Thornton, nel Lancashire, sono arrivati per assistere il figlio. Il padre ha confidato ai media che secondo i medici se suo figlio avesse atteso ancora un paio di giorni sarebbe morto: “Se non fosse stato un ragazzo atletico e in forma non sarebbe più con noi. Stiamo aspettando gli esiti degli esami: è una cosa molto seria”.

Le autorità hanno rivelato che durante lo scorso fine settimana il virus è comparso in altre città della Cina, portando il totale ufficiale dei casi a 200, con tre decessi: quattro casi sono stati confermati anche in Thailandia, Giappone e Corea del Sud. Si teme un forte aumento dei contagi per le vacanze del capodanno cinese che muoveranno 1,4 miliardi di persone. Ma il timore crescente è soprattutto che le autorità cinesi nascondano la vera portata dell’epidemia: la commissione sanitaria del Guangdong getta acqua sul fuoco, affermando che “riteniamo l’attuale situazione epidemica prevenibile e controllabile”. Sembra di diverso avviso l’OMS, che ha avvertito gli ospedali di tutto il mondo di prepararsi ad una potenziale diffusione globale, malgrado i casi noti finora coinvolgano soltanto individui che hanno viaggiato o vivono a Wuhan.

Anche la Corea del Sud ha confermato il suo primo caso: una donna di 35 anni sbarcata all’aeroporto “Incheon” di Seoul è risultata positiva al virus: era stata a Wuhan la settimana precedente al viaggio. Le autorità della città epicentro dell’infezione hanno installato termometri a infrarossi negli aeroporti, nelle stazioni ferroviarie e nei terminal dei pullman: tutti i passeggeri che presentano sintomi e febbre vengono ricoverati. Anche gli aeroporti di Singapore, Hong Kong, Indonesia, Thailandia, Giappone e Stati Uniti hanno intensificato la sorveglianza.

Il coronavirus, che causa sintomi comuni all’influenza come freddo, naso che cola, mal di testa, tosse, mal di gola e febbre, non è mai stato visto prima e non ha ancora una nome. I test hanno finora dimostrato che si tratta di un nuovo tipo di coronavirus, della stessa famiglia del micidiale agente patogeno “SARS” che ha ucciso centinaia di persone in Cina e a Hong Kong nei primi anni 2000.

Il primo paziente a cui è stato diagnosticato il nuovo ceppo è un uomo di 61 anni, morto lo scorso 9 gennaio: il secondo decesso appena qualche giorno dopo, il 15 gennaio. Entrambi soffrivano di gravi problemi di salute, il primo era in cura per un tumore e aveva problemi al fegato, il secondo per una grave cardiomiopatia, ma non è stato chiarito se i decessi siano avvenuti per complicazioni del virus o per le precarie condizioni generali dei due pazienti.

Secondo l’OMS, “una fonte animale sembra il più probabile punto di partenza, con una trasmissione limitata da uomo a uomo che avviene per contatti ravvicinati”.

Galleria fotografica
È un inglese il primo occidentale colpito dal virus cinese - immagine 1
Asia
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Le celebrazioni per i 75 anni della nascita del Partito avrebbero dovuto coincidere con l'avvento di un Paese ricco e civilizzato promesso dal piccolo leader 5 anni fa. Ma non è andata così
Trovato morto il sindaco di Seul
Trovato morto il sindaco di Seul
Park Won-soon aveva fatto perdere le proprie tracce lasciando un biglietto di addio: la polizia ha rinvenuto il corpo senza vita in un bosco. Si sospetta che alla base del gesto ci sia la denuncia per stupro di una segretaria comunale
Il tifone di Natale sulle Filippine
Il tifone di Natale sulle Filippine
Si chiama “Phanfone”, ha iniziato ad abbattersi dalle prime ore di ieri e non si sposterà fino a domani. Migliaia di persone evacuate e turisti in apprensione
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo