Ancora terrore in Sri Lanka

| Un’altra esplosione, questa volta senza vittime, e il ritrovamento di 87 detonatori lasciano intuire che l’ondata di terrore non è ancora finita. Polemiche sul lavoro dell’intelligence

+ Miei preferiti
Infuria la polemica in Sri Lanka: sotto accusa le negligenze dell’intelligence, che aveva avuto informazioni utili si possibili attacchi terroristici, ma pare non avesse ritenuto di dover avvisare nessuno. Un silenzio che si è trasformato nel sanguinoso attacco del giorno di Pasqua, costato la vita a 290 persone, più quasi 500 feriti, seguito dalle rassicurazioni delle autorità di aver individuato tutti i responsabili. Al termine di una notte di coprifuoco, la notizia di 24 arresti aveva lasciato pensare anche l’incubo dell’attacco terroristico fosse finito. Una speranza resa vana questa mattina da una nuova esplosione, non lontano da un’altra chiesa di Colombo, la capitale. La bomba, per fortuna senza causare feriti, è esplosa all’interno di un furgone durante un tentativo degli artificieri di disinnescarla, mentre in un’altra zona della città, questa volta a poca distanza dall’affollatissima stazione degli autobus di Pettah, durante un controllo la polizia ha rinvenuto ben 87 detonatori pronti ad esplodere. Fra le ipotesi ritenute più attendibili quella di un’azione coordinata con grande cura dal “National Thowheed Jamath”gruppo jihadista locale che probabilmente ha trovato appoggi in una non meglio precisata “rete terroristica internazionale”.

Nel penoso conteggio delle vittime, emergono intanto le prime storie: fra i 290 morti, è stato accertato che 36 sono cittadini stranieri, in massima parte americani, britannici, olandesi, indiani, cinesi, giapponesi e portoghesi. Al momento, pur restando in stretto contatto con l’ambasciata, la Farnesina esclude la presenza di turisti italiani fra le vittime, e sul sito “Viaggiare Sicuri” invita i propri concittadini a evitare le zone interessate dagli attacchi e “seguire scrupolosamente le indicazioni delle autorità locali”.

Fra questi i tre figli di Anders Holch Povlsen, ricchissimo proprietario di origini danesi di “Asos”, colosso online britannico di moda e cosmesi. A lei si aggiunge Shantha Mayadunne, chef molto celebre in Sri Lanka: pochi istanti prima dell’esplosione all’hotel Shangri La, la figlia aveva postato una foto di gruppo su Facebook.

Numerosi i messaggi di cordoglio e vicinanza al popolo cingalese giunti da ogni parte del mondo, a cominciare dal segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Le autorità dello Sri Lanka hanno annunciato un nuovo coprifuoco dalle 20 ora locale (le 16:30 in Italia) alle 4 dell’indomani mattina.

Asia
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Le celebrazioni per i 75 anni della nascita del Partito avrebbero dovuto coincidere con l'avvento di un Paese ricco e civilizzato promesso dal piccolo leader 5 anni fa. Ma non è andata così
Trovato morto il sindaco di Seul
Trovato morto il sindaco di Seul
Park Won-soon aveva fatto perdere le proprie tracce lasciando un biglietto di addio: la polizia ha rinvenuto il corpo senza vita in un bosco. Si sospetta che alla base del gesto ci sia la denuncia per stupro di una segretaria comunale
Il tifone di Natale sulle Filippine
Il tifone di Natale sulle Filippine
Si chiama “Phanfone”, ha iniziato ad abbattersi dalle prime ore di ieri e non si sposterà fino a domani. Migliaia di persone evacuate e turisti in apprensione
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo