Ancora terrore in Sri Lanka

| Un’altra esplosione, questa volta senza vittime, e il ritrovamento di 87 detonatori lasciano intuire che l’ondata di terrore non è ancora finita. Polemiche sul lavoro dell’intelligence

+ Miei preferiti
Infuria la polemica in Sri Lanka: sotto accusa le negligenze dell’intelligence, che aveva avuto informazioni utili si possibili attacchi terroristici, ma pare non avesse ritenuto di dover avvisare nessuno. Un silenzio che si è trasformato nel sanguinoso attacco del giorno di Pasqua, costato la vita a 290 persone, più quasi 500 feriti, seguito dalle rassicurazioni delle autorità di aver individuato tutti i responsabili. Al termine di una notte di coprifuoco, la notizia di 24 arresti aveva lasciato pensare anche l’incubo dell’attacco terroristico fosse finito. Una speranza resa vana questa mattina da una nuova esplosione, non lontano da un’altra chiesa di Colombo, la capitale. La bomba, per fortuna senza causare feriti, è esplosa all’interno di un furgone durante un tentativo degli artificieri di disinnescarla, mentre in un’altra zona della città, questa volta a poca distanza dall’affollatissima stazione degli autobus di Pettah, durante un controllo la polizia ha rinvenuto ben 87 detonatori pronti ad esplodere. Fra le ipotesi ritenute più attendibili quella di un’azione coordinata con grande cura dal “National Thowheed Jamath”gruppo jihadista locale che probabilmente ha trovato appoggi in una non meglio precisata “rete terroristica internazionale”.

Nel penoso conteggio delle vittime, emergono intanto le prime storie: fra i 290 morti, è stato accertato che 36 sono cittadini stranieri, in massima parte americani, britannici, olandesi, indiani, cinesi, giapponesi e portoghesi. Al momento, pur restando in stretto contatto con l’ambasciata, la Farnesina esclude la presenza di turisti italiani fra le vittime, e sul sito “Viaggiare Sicuri” invita i propri concittadini a evitare le zone interessate dagli attacchi e “seguire scrupolosamente le indicazioni delle autorità locali”.

Fra questi i tre figli di Anders Holch Povlsen, ricchissimo proprietario di origini danesi di “Asos”, colosso online britannico di moda e cosmesi. A lei si aggiunge Shantha Mayadunne, chef molto celebre in Sri Lanka: pochi istanti prima dell’esplosione all’hotel Shangri La, la figlia aveva postato una foto di gruppo su Facebook.

Numerosi i messaggi di cordoglio e vicinanza al popolo cingalese giunti da ogni parte del mondo, a cominciare dal segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Le autorità dello Sri Lanka hanno annunciato un nuovo coprifuoco dalle 20 ora locale (le 16:30 in Italia) alle 4 dell’indomani mattina.

Asia
Cavo di ricarica in bocca, bimbo fulminato
Cavo di ricarica in bocca, bimbo fulminato
La madre aveva appena staccato il cavo dallo smartphone. E' accaduto in India, inchiesta per accertare le vere cause
Una perfetta spy-story senza colpevoli
Una perfetta spy-story senza colpevoli
Anche la seconda delle due donne che uccisero Kim Yong Nam, fratellastro del leader nord coreano, è stata rilasciata. “Nessuno pagherà per un omicidio spregiudicato, messo in pratica utilizzando un’arma di distruzione di massa”
L’Arabia Saudita giustizia 37 persone
L’Arabia Saudita giustizia 37 persone
Accusati di terrorismo, sono stati messi a morte in diverse zone del Regno: un condannato è stato crocifisso
Altro che anno del maiale
Altro che anno del maiale
Per lo zodiaco cinese il 2019 è dedicato all’animale che sfama i milioni di abitanti della nazione asiatica. La notizia che quasi 100 milioni di suini sono morti per un’epidemia di peste sta facendo tremare le economie mondiali
La Cina sospende l’ordine di 737 Max
La Cina sospende l’ordine di 737 Max
Una perdita pesante per il colosso aeronautico americano: bloccato l’ordine per 100 nuovi velivoli con relativa chiusura dei pagamenti. Il titolo perde ancora in borsa
I ragazzi della grotta drogati con Ketamina
I ragazzi della grotta drogati con Ketamina
A quasi un anno dal salvataggio della squadra di calcio bloccata in una grotta dai monsoni, emerge che i medici hanno preferito sedare i ragazzi prima di affrontare le delicate fasi dell’uscita
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Centinaia di ospiti di alberghi sono stati filmati in segreto e trasmessi in diretta streaming online. Un’unità speciale della polizia è riuscita a smantellare la rete, ma il fenomeno non si arresta
Hong Kong e la “bolla del mattone”
Hong Kong e la “bolla del mattone”
L’ex colonia britannica sta facendo i conti con speculazioni edilizie che cambiano il volto della città, facendole perdere parte delle costruzioni del passato. A rischio scomparsa anche la casa di Bruce Lee
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
L'alpinista Simone Moro pronto a tentare l'impresa di recuperare i corpi ma solo se è la volontà delle famiglie. Indiscrezione dal Cai: finanzieremo l'operazione. Padre e sorella di Tom: "Resti lassù". Famiglia Nardi: "Nessuna decisione"
Libera killer del gas nervino
Libera killer del gas nervino
Una delle due donne vietnamite accusate di aver ucciso con il gas nervino il fratellastro di Kim Jong-un nell'aeroporto di Kuala Lumpur, assieme a una complice, lascia il carcere: "Bella sorpresa, non me l'aspettavo"