Ancora terrore in Sri Lanka

| Un’altra esplosione, questa volta senza vittime, e il ritrovamento di 87 detonatori lasciano intuire che l’ondata di terrore non è ancora finita. Polemiche sul lavoro dell’intelligence

+ Miei preferiti
Infuria la polemica in Sri Lanka: sotto accusa le negligenze dell’intelligence, che aveva avuto informazioni utili si possibili attacchi terroristici, ma pare non avesse ritenuto di dover avvisare nessuno. Un silenzio che si è trasformato nel sanguinoso attacco del giorno di Pasqua, costato la vita a 290 persone, più quasi 500 feriti, seguito dalle rassicurazioni delle autorità di aver individuato tutti i responsabili. Al termine di una notte di coprifuoco, la notizia di 24 arresti aveva lasciato pensare anche l’incubo dell’attacco terroristico fosse finito. Una speranza resa vana questa mattina da una nuova esplosione, non lontano da un’altra chiesa di Colombo, la capitale. La bomba, per fortuna senza causare feriti, è esplosa all’interno di un furgone durante un tentativo degli artificieri di disinnescarla, mentre in un’altra zona della città, questa volta a poca distanza dall’affollatissima stazione degli autobus di Pettah, durante un controllo la polizia ha rinvenuto ben 87 detonatori pronti ad esplodere. Fra le ipotesi ritenute più attendibili quella di un’azione coordinata con grande cura dal “National Thowheed Jamath”gruppo jihadista locale che probabilmente ha trovato appoggi in una non meglio precisata “rete terroristica internazionale”.

Nel penoso conteggio delle vittime, emergono intanto le prime storie: fra i 290 morti, è stato accertato che 36 sono cittadini stranieri, in massima parte americani, britannici, olandesi, indiani, cinesi, giapponesi e portoghesi. Al momento, pur restando in stretto contatto con l’ambasciata, la Farnesina esclude la presenza di turisti italiani fra le vittime, e sul sito “Viaggiare Sicuri” invita i propri concittadini a evitare le zone interessate dagli attacchi e “seguire scrupolosamente le indicazioni delle autorità locali”.

Fra questi i tre figli di Anders Holch Povlsen, ricchissimo proprietario di origini danesi di “Asos”, colosso online britannico di moda e cosmesi. A lei si aggiunge Shantha Mayadunne, chef molto celebre in Sri Lanka: pochi istanti prima dell’esplosione all’hotel Shangri La, la figlia aveva postato una foto di gruppo su Facebook.

Numerosi i messaggi di cordoglio e vicinanza al popolo cingalese giunti da ogni parte del mondo, a cominciare dal segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Le autorità dello Sri Lanka hanno annunciato un nuovo coprifuoco dalle 20 ora locale (le 16:30 in Italia) alle 4 dell’indomani mattina.

Asia
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
È finita la fiaba del sultano e la modella
È finita la fiaba del sultano e la modella
L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality
Cina sotto choc, Zixin è morta
Cina sotto choc, Zixin è morta
La polizia ha trovato il corpo della bimba, 9 anni, nelle acque di Shipu. Si chiude così il mistero della scolara rapita da una misteriosa coppia che si era poi suicidata in un lago. Tutti speravano fosse ancora viva
North Korea: sei studente? Allora anche spia
North Korea: sei studente? Allora anche spia
La pericolosa avventura di un 29enne australiano che ha studiato nella Corea di Kim. Ha scritto per un blog un paio di servizi innocui e il regime lo ha arrestato. E' stato espulso
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino
Artista celebre e coraggiosa, da sempre schierata al fianco dei movimenti LGBT, davanti alle Nazioni Unite ha accusato il governo cinese e quello di Hong Kong di complottare per vietare la democrazia
Cina, l’app di Stato che spia i telefoni
Cina, l’app di Stato che spia i telefoni
Sarebbe installata di nascosto dalla polizia nel corso dei controlli alla frontiera: permette di controllare ogni singola azione degli smartphone
Non perseguitava i dissidenti cinesi
ex capo (cinese) Interpol rischia l'ergastolo
Non perseguitava i dissidenti cinesi<br>ex capo (cinese) Interpol rischia l
Meng Hongwei, il primo capo cinese dell'Interpol, è in carcere con l'accusa di corruzione ma la sua vera "colpa" e di non avere usato la sua posizione per colpire i nemici di Xi rifugiati in Occidente
Liberato leader degli ombrelli, i cortei non si fermano
Liberato leader degli ombrelli, i cortei non si fermano
Hong Kong, Joshua Wong era in cella da mesi per gli scontri del 2014, accolto da una folla festante mentre nel protettorato cinese sfilano oltre due milioni di persone contro la legge sull'estradizione
Houdini indiano disperso nel Gange
Houdini indiano disperso nel Gange
Il mago Chanchal Lahiri "Wizard Mandrake", aveva tentato di immergersi in diretta tv prigioniero in una gabbia d'acciaio, sotto gli occhi dei suoi familiari e dei giornalisti. Ma di lui nessuna traccia
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI
Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI<br>Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese
Oltre un milione di persone protestano da giorni contro una legge toglierebbe alla città lo status di particolare indipendenza di cui gode, uniformandola al resto del paese