"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele"

| L'alpinista Simone Moro, bersagliato dagli haters, risponde a tono su Facebook. Intanto il basco Alex Txikon ha concluso senza esiti la prima giornata di ricerche, sfidando i pericoli del Mummery. Domani si ricomincia

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

“Non tirate fuori la storia del 2016. Non eravate lì e non sapete nulla di cosa è successo e come sono andate le cose. Inoltre ora è tempo di pregare e stare vicino alle famiglie non di esprimere opinioni, sentenze, anatemi, minacce o mandarmi messaggi di odio e maledizioni. Non aiutano e non cambiano la situazione ed io non ho voglie di polemiche. Scannatevi su un altro profilo non il mio per cortesia”. Può sembrare incredibile ma anche in un momento tragico come questo, quando ci sono alpinisti che stanno rischiando la vita in un ultimo estremo tentativo di capire cosa è accaduto sullo Sperone Mummery del Nanga Parbat, gli “alpinisti da tastiera”, al caldo dei loro salotti, continuano ad attaccare Il grande rocciatore bergamasco. E’ vero, bel 2016, quando lui e altri conquistarono il Nanga in inverno ci furono dissapori con Daniele Nardi; quando poi c’è l’emergenza l’alpinismo torna ai suoi valori fondanti. E Moro, in più occasioni, ha espresso tutta la sua vicinanza a Daniele, Tom e alle loro famiglie e segue con apprensione l’evolversi della situazione. Gli insulti e le polemiche contro l’alpinista bergamasco non si contano più, sui suoi profili social. Non vale la pena nemmeno di riportarne il contenuto nè il senso. 

Anche il basco Andrè Txikon (nella foto) aveva avuto più di un contrasto con Daniele, un uomo vero, che se deve discutere lo fa in modo diretto e non dietro le spalle, ma oggi l’alpinista basco sta sfidando, con altri due colleghi pachistani, le valanghe e le insidie della parete del Mummery, per trovare le tracce dei due dispersi da domenica. Stanno mettendo a rischio la loro vita. Purtroppo senza risultati, per ora. Hanno trovato, al campo 2, la tenda di Daniele e Tom, con alcuni effetti personali, ma niente di più. Nessuna traccia anche nel tratto tra il campo 3 e il campo 4, a oltre 6 mila metri che sarebbe stato raggiunto prima di interrompere le comunicazioni con la base. Domani, sempre a bordo degli elicotteri dell’Esercito pakistano, il team di soccorritori, di cui fa parte anche un medico, riprenderà le ricerche.

 

Ecco la nota di oggi: “Alex Txikon pochi minuti prima delle 11, ora italiana, ha chiamato per informare che era nei pressi di campo 1, in discesa. In mattinata la sua squadra aveva raggiunto il plateau di seracchi sopra campo 2, a 300 metri in linea d’aria da campo 3. Con loro avevano i droni con i quali hanno provato in tutti i modi ad esplorare ogni possibilità sul terreno che potesse segnalare una traccia della presenza di Daniele e Tom, riuscendo a farne volare uno fino a 6500 metri di quota. Un drone è stato perso durante la perlustrazione. Ma non è stato visto nulla. Nemmeno campo 3.
La temperatura molto bassa sulla parete Diamir e il rischio elevato di caduta di valanghe non hanno consentito al gruppo di raggiungere a piedi campo 3. Per gli stessi motivi si è deciso di non proseguire nelle ricerche e di rientrare al campo base che è stato raggiunto nel pomeriggio. Le relazioni dettagliate di Txikon alla famiglia e al Gruppo di ricerca hanno consentito di valutare un’ulteriore ricognizione nella giornata di domani con obbiettivo principale l’esplorazione della zona della via Kinshofer, la via di salita e discesa maggiormente percorsa e normalmente attrezzata con corde che rimangono infisse in parete, che potrebbe essere stata scelta dai Nardi e Ballard per la discesa. La speranza rimane accesa e si affida alla generosità di Alex e del gruppo di amici che stanno operando al Nanga Parbat. Ringraziamo anche i tanti amici che in questo momento stanno dimostrando tutto il loro affetto alla famiglia di Daniele”.


Per sapere qualcosa di più di Daniele, chi è veramente questo alpinista nato in pianura, bisogna leggere questo servizio dell’amico Dario Ricci sul Sole24ore.

 https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2019-03-04/tra-ricordi-e-progetti-scoperta-daniele-nardi-alpinista-e-amico-183421.shtml?uuid=AB9KcWaB&fbclid=IwAR302u74Ru0lmQqLyCFeEHGq4i0BH8vI4RdUENKdq0voscn0Zo9BUojD4h8

Galleria fotografica
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele" - immagine 1
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele" - immagine 2
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele" - immagine 3
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele" - immagine 4
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele" - immagine 5
Asia
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Le celebrazioni per i 75 anni della nascita del Partito avrebbero dovuto coincidere con l'avvento di un Paese ricco e civilizzato promesso dal piccolo leader 5 anni fa. Ma non è andata così
Trovato morto il sindaco di Seul
Trovato morto il sindaco di Seul
Park Won-soon aveva fatto perdere le proprie tracce lasciando un biglietto di addio: la polizia ha rinvenuto il corpo senza vita in un bosco. Si sospetta che alla base del gesto ci sia la denuncia per stupro di una segretaria comunale
Il tifone di Natale sulle Filippine
Il tifone di Natale sulle Filippine
Si chiama “Phanfone”, ha iniziato ad abbattersi dalle prime ore di ieri e non si sposterà fino a domani. Migliaia di persone evacuate e turisti in apprensione
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo