Cina choc, via ai campi di concentramento

| Istituiti nello Xinjiang per "rieducare" al marxismo-leninismo la minoranza musulmana uighira. Imprigionate migliaia di persone, bambini separati dalle famiglie. Assurde imposizioni

+ Miei preferiti

Ora i campi di concentramento si chiamano campi di istruzione. La Cina di Xi rivela un volto nuovo, dopo le aperture degli anni scorsi, molto più minaccioso e ideologico. L'estrema regione nord-occidentale dello Xinjiang ha infatti "legalizzato" i campi di internamento dove sono detenuti fino a un milione di musulmani della minoranza uighira di lingua turca. Nonostante le crescenti critiche internazionali, le autorità cinesi hanno rivisto la legislazione per consentire al governo regionale di permettere ufficialmente l'uso di "centri di istruzione e formazione" per incarcerare "persone influenzate dall’estremismo". Nei mesi scorsi erano state bandite dai market le confezioni di cibo Halal, giudicate come espressione di un modo di opporsi alla laicità dello Stato “marxista-leninista”. Le autorità cinesi negano però l'esistenza dei lager, ma dicono che “piccoli criminali vengono inviati ai centri di formazione professionale” in vista di un “recupero sociale”. Gli ex detenuti dicono di essere stati costretti a denunciare l'Islam e a professare fedeltà al partito comunista in quelli che definiscono campi di indottrinamento politico.

"È una giustificazione retrospettiva per la detenzione di massa di uiguri, kazaki e altre minoranze musulmane nello Xinjiang", ha detto al Guardian James Leibold, studioso delle politiche etniche cinesi della La Trobe University di Melbourne. "Si tratta di una nuova forma di rieducazione che non ha precedenti e non ha davvero una base giuridica, li vedo in seria difficoltà per cercare di creare una base giuridica a questa politica”. Ora, con le nuove norme, ”si possono stabilire centri di formazione professionale, organizzazioni di trasformazione dell'istruzione e dipartimenti di gestione per trasformare le persone influenzate dall'estremismo attraverso l’istruzione". Una nuova clausola impone la lingua mandarina anche nelle “conversazioni private” e l’istruzione professionale e legale, così come "educazione ideologica, riabilitazione psicologica e correzione del comportamento”. Già la legislazione originale annunciata nel 2017 vietava l'uso di veli, "discorsi e comportamenti estremi" e il rifiuto di ascoltare le trasmissioni radiofoniche e televisive pubbliche.

Pechino ha passato decenni a cercare di sopprimere il sentimento di indipendenza nello Xinjiang, alimentato in parte dalla frustrazione per l'afflusso di migranti provenienti dalla maggioranza Han cinese. Le autorità affermano che gli estremisti hanno legami con gruppi terroristici stranieri, ma hanno fornito poche prove a sostegno dell'affermazione.

I membri degli uiguri, dei kazaki e di altre minoranze musulmane che vivono all'estero dicono di non essere stati in grado di contattare i parenti in Cina, mentre le autorità collocano i bambini separati dai loro genitori detenuti o esiliati in decine di orfanotrofi statali in tutto lo Xinjiang. La Cina è stata sottoposta a crescenti pressioni da parte degli Stati Uniti e dell'Unione Europea dopo che in agosto un gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha affrontato i diplomatici cinesi per le segnalazioni di detenzioni di massa arbitrarie e le dure misure di sicurezza nei confronti dei musulmani.

"Indipendentemente da queste revisioni, credo ancora che la pratica di detenere coercitivamente gli uiguri e altre minoranze musulmane nello Xinjiang in 'attraverso centri di trasformazione' non solo viola il diritto cinese, ma anche le norme giuridiche internazionali contro la privazione extragiudiziale della libertà", ha concluso Leibold.

 

Asia
Una perfetta spy-story senza colpevoli
Una perfetta spy-story senza colpevoli
Anche la seconda delle due donne che uccisero Kim Yong Nam, fratellastro del leader nord coreano, è stata rilasciata. “Nessuno pagherà per un omicidio spregiudicato, messo in pratica utilizzando un’arma di distruzione di massa”
L’Arabia Saudita giustizia 37 persone
L’Arabia Saudita giustizia 37 persone
Accusati di terrorismo, sono stati messi a morte in diverse zone del Regno: un condannato è stato crocifisso
Ancora terrore in Sri Lanka
Ancora terrore in Sri Lanka
Un’altra esplosione, questa volta senza vittime, e il ritrovamento di 87 detonatori lasciano intuire che l’ondata di terrore non è ancora finita. Polemiche sul lavoro dell’intelligence
Altro che anno del maiale
Altro che anno del maiale
Per lo zodiaco cinese il 2019 è dedicato all’animale che sfama i milioni di abitanti della nazione asiatica. La notizia che quasi 100 milioni di suini sono morti per un’epidemia di peste sta facendo tremare le economie mondiali
La Cina sospende l’ordine di 737 Max
La Cina sospende l’ordine di 737 Max
Una perdita pesante per il colosso aeronautico americano: bloccato l’ordine per 100 nuovi velivoli con relativa chiusura dei pagamenti. Il titolo perde ancora in borsa
I ragazzi della grotta drogati con Ketamina
I ragazzi della grotta drogati con Ketamina
A quasi un anno dal salvataggio della squadra di calcio bloccata in una grotta dai monsoni, emerge che i medici hanno preferito sedare i ragazzi prima di affrontare le delicate fasi dell’uscita
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Centinaia di ospiti di alberghi sono stati filmati in segreto e trasmessi in diretta streaming online. Un’unità speciale della polizia è riuscita a smantellare la rete, ma il fenomeno non si arresta
Hong Kong e la “bolla del mattone”
Hong Kong e la “bolla del mattone”
L’ex colonia britannica sta facendo i conti con speculazioni edilizie che cambiano il volto della città, facendole perdere parte delle costruzioni del passato. A rischio scomparsa anche la casa di Bruce Lee
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
L'alpinista Simone Moro pronto a tentare l'impresa di recuperare i corpi ma solo se è la volontà delle famiglie. Indiscrezione dal Cai: finanzieremo l'operazione. Padre e sorella di Tom: "Resti lassù". Famiglia Nardi: "Nessuna decisione"
Libera killer del gas nervino
Libera killer del gas nervino
Una delle due donne vietnamite accusate di aver ucciso con il gas nervino il fratellastro di Kim Jong-un nell'aeroporto di Kuala Lumpur, assieme a una complice, lascia il carcere: "Bella sorpresa, non me l'aspettavo"