Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo

| La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme

+ Miei preferiti
Non ci sono solo le irrefrenabili proteste degli abitanti di Hong Kong, a togliere il sonno a Pechino. Da tempo, i cinesi sono assai irrequieti, e dopo aver sposato a mani basse l’idea dei “bitcoin” dilapidando fortune, adesso il baricentro si sta spostando in modo preoccupante verso il gioco d’azzardo online. Un fenomeno che inizia ad assumere dimensioni ciclopiche, malgrado la legge vieti l’apertura di casinò online, norma aggirata da siti con sede in posti lontani come la Costa Rica, la Cambogia e le Filippine, dove hanno fiutato il business creando sessioni di poker, blackjack e baccarat in lingua cinese totalmente anonimi e per tutte le tasche: da puntate per pochi juan a cifre importanti che superano i 10mila dollari.

Riducendo il fenomeno ai numeri che contano, quelli che preoccupano realmente Pechino, si parla di 24 miliardi di dollari a ballare sulla Repubblica Popolare Cinese, contro i 41 del mondo intero, e con previsioni di crescita esponenziale: 35 miliardi di dollari in Asia e 55 nel mondo entro il 2022.

La controffensiva su cui lavora il governo, nell’impossibilità di fermare siti clandestini tanto veloci a sparire quanto a riproporsi pochi istanti dopo con nomi diversi, si sta concentrando sulle banche, che potrebbero essere presto obbligate a impedire gli spostamenti di denaro online verso conti esteri sospetti, identificando e segnalando alle autorità chi ordina transazioni dal proprio conto corrente. Ma anche così, dicono gli esperti, non sarà semplice far rispettare la legge: centinaia di migliaia di servizi di pagamenti online, fra cui “WeChat” di Tencent e “Alipay” di Alibaba, sono pronti a soddisfare le richieste di milioni di persone.

La passione dei cinesi per il gioco d’azzardo affonda nella storia, al punto che nel 1949, il Partito Comunista aveva deciso di vietarlo considerandolo “un grande incentivo alla degradazione morale e sociale”, per salvare dalla reprimenda soltanto due misere lotterie nazionali. Qualcosa è cambiato nel 1999, con il ritorno di Macao alla Cina, accompagnato da una speciale concessione per la presenza di casinò che si è ingrandita a dismisura fino ad attirare 8 milioni di giocatori al mese da ogni parte della Cina. Le sanzioni per chi trasgredisce sono pesanti: per gli iscritti al partito è prevista l’espulsione, così come il licenziamento in tronco è lo scotto da pagare per agenti di polizia e dipendenti pubblici.

Asia
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Le celebrazioni per i 75 anni della nascita del Partito avrebbero dovuto coincidere con l'avvento di un Paese ricco e civilizzato promesso dal piccolo leader 5 anni fa. Ma non è andata così
Trovato morto il sindaco di Seul
Trovato morto il sindaco di Seul
Park Won-soon aveva fatto perdere le proprie tracce lasciando un biglietto di addio: la polizia ha rinvenuto il corpo senza vita in un bosco. Si sospetta che alla base del gesto ci sia la denuncia per stupro di una segretaria comunale
Il tifone di Natale sulle Filippine
Il tifone di Natale sulle Filippine
Si chiama “Phanfone”, ha iniziato ad abbattersi dalle prime ore di ieri e non si sposterà fino a domani. Migliaia di persone evacuate e turisti in apprensione
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani