Corea del Sud, telecamere spia negli hotel

| Centinaia di ospiti di alberghi sono stati filmati in segreto e trasmessi in diretta streaming online. Un’unità speciale della polizia è riuscita a smantellare la rete, ma il fenomeno non si arresta

+ Miei preferiti
Circa 1.600 persone sono state filmate segretamente nelle stanze di diversi hotel in Corea del Sud, e il video inviato in diretta streaming online per clienti disposti a pagare, pur di spiare. Lo ha raccontato il “Cyber Investigation Department” della polizia, svelando i contorni di uno scandalo che sta facendo molto rumore e che, al momento, ha coinvolto 42 camera d’albergo in 30 strutture di 10 città della Corea del Sud. Finora, l’inchiesta ha portato all’arresto di due uomini e il coinvolgimento ancora da accertare di una coppia. 

In Corea del Sud, piccoli alberghi del tipo coinvolto in questo caso sono generalmente indicati come motel o locande. Le micro-telecamere erano nascoste all’interno dei decoder delle TV digitali, nelle prese sul muro e nel porta asciugacapelli. Tutto veniva trasmesso in tempo reale su un sito che aveva più di 4.000 iscritti, 97 dei quali pagavano un canone mensile di 44,95 dollari per accedere a funzioni extra. Tra il novembre 2018 e l’ultimo mese, ha detto la polizia, il traffico fruttava circa 6.000 dollari al giorno.

“C’era stato un caso simile in passato in cui macchine fotografiche illegali erano segretamente installate ed erano costantemente guardate, ma questa è la prima volta che la polizia ha messo le mani su un traffico di video trasmessi in diretta su internet”.

La Corea del Sud ha un grave problema con le telecamere spia e le riprese illecite. Nel 2017, sono stati segnalati alla polizia più di 6.400 casi di riprese illegali, rispetto ai circa 2.400 del 2012.

Lo scorso anno, decine di migliaia di donne sono scese per le strade di Seul e di altre città per protestare con lo slogan “My Life is Not Your Porn”. In risposta alla protesta, Seoul ha creato una squadra speciale che ha ispezionato circa 20.000 bagni pubblici della città alla ricerca di microtelecamere. Lee Ji-soo, uno specialista informatico che aiuta le donne a eliminare dalla rete immagini diffuse senza il loro consenso, ha raccontato che l’anno scorso la sua azienda ha visto un aumento esponenziale della domanda. “Si rivolgono a noi donne disperate che ‘Voglio morire’ o ‘Aiutatemi, non posso più uscire di casa’. Sono soprattutto vittime di telecamere spia e ignare protagoniste di video carpiti illegalmente”.

A gennaio, la comproprietaria di “Soranet”, un sito pornografico molto popolare in Corea del Sud che permetteva di caricare video e foto scattate illegalmente, è stata condannata a quattro anni di prigione e al pagamento di una penale di 1,26 milioni di dollari.

Galleria fotografica
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel - immagine 1
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel - immagine 2
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel - immagine 3
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel - immagine 4
Asia
Il tifone di Natale sulle Filippine
Il tifone di Natale sulle Filippine
Si chiama “Phanfone”, ha iniziato ad abbattersi dalle prime ore di ieri e non si sposterà fino a domani. Migliaia di persone evacuate e turisti in apprensione
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"