Corea del Sud, telecamere spia negli hotel

| Centinaia di ospiti di alberghi sono stati filmati in segreto e trasmessi in diretta streaming online. Un’unità speciale della polizia è riuscita a smantellare la rete, ma il fenomeno non si arresta

+ Miei preferiti
Circa 1.600 persone sono state filmate segretamente nelle stanze di diversi hotel in Corea del Sud, e il video inviato in diretta streaming online per clienti disposti a pagare, pur di spiare. Lo ha raccontato il “Cyber Investigation Department” della polizia, svelando i contorni di uno scandalo che sta facendo molto rumore e che, al momento, ha coinvolto 42 camera d’albergo in 30 strutture di 10 città della Corea del Sud. Finora, l’inchiesta ha portato all’arresto di due uomini e il coinvolgimento ancora da accertare di una coppia. 

In Corea del Sud, piccoli alberghi del tipo coinvolto in questo caso sono generalmente indicati come motel o locande. Le micro-telecamere erano nascoste all’interno dei decoder delle TV digitali, nelle prese sul muro e nel porta asciugacapelli. Tutto veniva trasmesso in tempo reale su un sito che aveva più di 4.000 iscritti, 97 dei quali pagavano un canone mensile di 44,95 dollari per accedere a funzioni extra. Tra il novembre 2018 e l’ultimo mese, ha detto la polizia, il traffico fruttava circa 6.000 dollari al giorno.

“C’era stato un caso simile in passato in cui macchine fotografiche illegali erano segretamente installate ed erano costantemente guardate, ma questa è la prima volta che la polizia ha messo le mani su un traffico di video trasmessi in diretta su internet”.

La Corea del Sud ha un grave problema con le telecamere spia e le riprese illecite. Nel 2017, sono stati segnalati alla polizia più di 6.400 casi di riprese illegali, rispetto ai circa 2.400 del 2012.

Lo scorso anno, decine di migliaia di donne sono scese per le strade di Seul e di altre città per protestare con lo slogan “My Life is Not Your Porn”. In risposta alla protesta, Seoul ha creato una squadra speciale che ha ispezionato circa 20.000 bagni pubblici della città alla ricerca di microtelecamere. Lee Ji-soo, uno specialista informatico che aiuta le donne a eliminare dalla rete immagini diffuse senza il loro consenso, ha raccontato che l’anno scorso la sua azienda ha visto un aumento esponenziale della domanda. “Si rivolgono a noi donne disperate che ‘Voglio morire’ o ‘Aiutatemi, non posso più uscire di casa’. Sono soprattutto vittime di telecamere spia e ignare protagoniste di video carpiti illegalmente”.

A gennaio, la comproprietaria di “Soranet”, un sito pornografico molto popolare in Corea del Sud che permetteva di caricare video e foto scattate illegalmente, è stata condannata a quattro anni di prigione e al pagamento di una penale di 1,26 milioni di dollari.

Galleria fotografica
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel - immagine 1
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel - immagine 2
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel - immagine 3
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel - immagine 4
Asia
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
È finita la fiaba del sultano e la modella
È finita la fiaba del sultano e la modella
L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality
Cina sotto choc, Zixin è morta
Cina sotto choc, Zixin è morta
La polizia ha trovato il corpo della bimba, 9 anni, nelle acque di Shipu. Si chiude così il mistero della scolara rapita da una misteriosa coppia che si era poi suicidata in un lago. Tutti speravano fosse ancora viva
North Korea: sei studente? Allora anche spia
North Korea: sei studente? Allora anche spia
La pericolosa avventura di un 29enne australiano che ha studiato nella Corea di Kim. Ha scritto per un blog un paio di servizi innocui e il regime lo ha arrestato. E' stato espulso
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino
Artista celebre e coraggiosa, da sempre schierata al fianco dei movimenti LGBT, davanti alle Nazioni Unite ha accusato il governo cinese e quello di Hong Kong di complottare per vietare la democrazia
Cina, l’app di Stato che spia i telefoni
Cina, l’app di Stato che spia i telefoni
Sarebbe installata di nascosto dalla polizia nel corso dei controlli alla frontiera: permette di controllare ogni singola azione degli smartphone
Non perseguitava i dissidenti cinesi
ex capo (cinese) Interpol rischia l'ergastolo
Non perseguitava i dissidenti cinesi<br>ex capo (cinese) Interpol rischia l
Meng Hongwei, il primo capo cinese dell'Interpol, è in carcere con l'accusa di corruzione ma la sua vera "colpa" e di non avere usato la sua posizione per colpire i nemici di Xi rifugiati in Occidente
Liberato leader degli ombrelli, i cortei non si fermano
Liberato leader degli ombrelli, i cortei non si fermano
Hong Kong, Joshua Wong era in cella da mesi per gli scontri del 2014, accolto da una folla festante mentre nel protettorato cinese sfilano oltre due milioni di persone contro la legge sull'estradizione
Houdini indiano disperso nel Gange
Houdini indiano disperso nel Gange
Il mago Chanchal Lahiri "Wizard Mandrake", aveva tentato di immergersi in diretta tv prigioniero in una gabbia d'acciaio, sotto gli occhi dei suoi familiari e dei giornalisti. Ma di lui nessuna traccia
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI
Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI<br>Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese
Oltre un milione di persone protestano da giorni contro una legge toglierebbe alla città lo status di particolare indipendenza di cui gode, uniformandola al resto del paese