Denise Ho, la popstar che sfida Pechino

| Artista celebre e coraggiosa, da sempre schierata al fianco dei movimenti LGBT, davanti alle Nazioni Unite ha accusato il governo cinese e quello di Hong Kong di complottare per vietare la democrazia

+ Miei preferiti
Denise Ho è una star: 12 album in studio, 16 film, 3 serie tv e 8 tour trionfali lo dimostrano, ma per il governo cinese è semplicemente una spina nel fianco. Nata nel maggio del 1977 a Hong Kong, figlia di due insegnanti, a 11 si trasferisce con la famiglia a Montreal, in Canada, dove completa gli studi. Tornata a Hong Kong, si iscrive ad un talent che stravince per il talento, il look e il coraggio di dichiararsi omosessuale. Sotto l’ala di Anita Mui, considerata la Madonna d’oriente, Denise Ho diventa un simbolo della comunità LGBT e una voce rumorosa nelle proteste che infiammano Hong Kong, la città-stato alle prese con il governo cinese, che vorrebbe inquadrarla come il resto del paese non considerarla più un’eccezione.

Denise Ho tutto questo l’ha detto qualche ora fa a Ginevra, davanti alla Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra, accusando Pechino di aver rinnegato gli impegni assunti nel 1997, quando ha riavuto il controllo di Hong Kong. “La Dichiarazione di Vienna garantisce la democrazia e i diritti umani. Eppure, a Hong Kong, tutto questi è oggetto di attacchi e soprusi gravissimi”, ha tuonato nel breve discorso pronunciato all’organismo delle Nazioni Unite.

A impedirle di proseguire, interrompendola più volte, è stata la delegazione cinese sollevando altrettante accuse nei confronti di Denise Ho: primo, aver violato i regolamenti dell’ONU riferendosi a Hong Kong come un paese a sé stante piuttosto che una parte della Cina.

Imperterrita, Ho ha concluso il suo discorso chiedendo alle Nazioni Unite di convocare una sessione urgente per “proteggere il popolo di Hong Kong” e rimuovere la Cina dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite.

I suoi concittadini, da settimane protestano contro una legge controversa che potrebbe mettere chiunque a rischio di estradizione verso la Cina continentale. Settimane di proteste, alcune molto violente, che hanno costretto la governatrice Carrie Lam a sospendere il disegno di legge dichiarandolo al momento “lettera morta”. Una retromarcia che non è bastata ai manifestanti, che non hanno alcuna intenzione di mollare fino a quando sul provvedimento non sarà emessa la revoca definitiva, con l’aggiunta delle dimissioni della governatrice.

“Il popolo di Hong Kong ne ha abbastanza di un governo che non ascolta”, ha commentato Denise Ho in un’intervista alla TV svizzera poco dopo il suo discorso. “La legge sull’estradizione è solo un aspetto di quel che sta accadendo in questi ultimi 10-15 anni, periodo in cui abbiamo visto tutte le libertà e i diritti umani violati dal governo di Hong Kong e dal governo cinese che lo manovra”.

Galleria fotografica
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino - immagine 1
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino - immagine 2
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino - immagine 3
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino - immagine 4
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino - immagine 5
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino - immagine 6
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino - immagine 7
Asia
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
È finita la fiaba del sultano e la modella
È finita la fiaba del sultano e la modella
L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality
Cina sotto choc, Zixin è morta
Cina sotto choc, Zixin è morta
La polizia ha trovato il corpo della bimba, 9 anni, nelle acque di Shipu. Si chiude così il mistero della scolara rapita da una misteriosa coppia che si era poi suicidata in un lago. Tutti speravano fosse ancora viva