Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza

| Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine

+ Miei preferiti
Neanche le piogge torrenziali, il divieto della polizia e le minacce del governo cinese hanno fermato i manifestanti, che per l’undicesima settimana sono tornati sulle strade di Hong Kong, conquistandosi una dimostrazione di solidarietà per un movimento che sembrava sul punto di perdere il sostegno popolare. Secondo gli organizzatori 1,7 milioni di persone sono scese in piazza, accalcandosi da Victoria Park verso il centro città.

È stata la prima grande manifestazione dopo le scene di violenza sfociate all’aeroporto, quando un piccolo gruppo di manifestanti ha circondato e picchiato due uomini accusati di essere agenti di polizia in borghese, scontrandosi in modo violento con le squadre antisommossa.

Il raduno è stato organizzato dal “Civil Human Rights Front”, un’organizzazione filodemocratica più responsabile che aveva già organizzato due grandi marce pacifiche lo scorso mese di giugno, motivo che ha attirato centinaia di migliaia di partecipanti. La polizia non avevano concesso il permesso ai manifestanti di marciare verso il Chater Garden, nel distretto centrale, ma alcuni di loro si sono spinti fino al distretto di Admiralty, non distante dagli uffici del Consiglio Legislativo della città.

“Non ho idea di cosa verrà dopo, ma tutto quello che possiamo fare come cittadini è continuare ad andare avanti, protestare pacificamente e far conoscere le nostre richieste al governo e al regime”, ha detto Louis, 43 anni, uno dei tanti manifestanti.

La manifestazione di domenica segue diverse manifestazioni pacifiche organizzate in città il giorno prima: decine di migliaia di manifestanti hanno partecipato a una marcia a favore della democrazia a Kowloon con l’obiettivo di “recuperare la tranquillità del quartiere”. Poco dopo, un gruppo di manifestanti si è riunito davanti alla stazione di polizia nella vicina Mong Kok, una delle zone più densamente popolate del mondo: quando la polizia ha iniziato a respingerli, i manifestanti hanno preferito ripiegare evitando ulteriori scontri.

Al momento, non ci sono indicazioni che l’esercito cinese, schierato in forze, sia prossimo ad entrare a Hong Kong, ma i media locali trasmettono immagini di militari che si addestrano in scenari di sommossa.

Le tattiche della polizia utilizzate durante le precedenti proteste hanno scatenato l’indignazione mondiale: lo scorso fine settimana si è visto un uso massiccio di gas lacrimogeno sparato all’interno di una stazione della metropolitana. I funzionari hanno difeso l’uso della forza in risposta a quello che hanno definito un comportamento violento e criminale, respingendo le richieste di un’indagine sulla gestione dell’emergenza.

A pesare a livello internazionale è l’immagine di Hong Kong, resa evidente dall’ammissione del governo di un’economia in sofferenza. 

Galleria fotografica
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza - immagine 1
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza - immagine 2
Asia
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
È finita la fiaba del sultano e la modella
È finita la fiaba del sultano e la modella
L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality
Cina sotto choc, Zixin è morta
Cina sotto choc, Zixin è morta
La polizia ha trovato il corpo della bimba, 9 anni, nelle acque di Shipu. Si chiude così il mistero della scolara rapita da una misteriosa coppia che si era poi suicidata in un lago. Tutti speravano fosse ancora viva