I ragazzi della grotta drogati con Ketamina

| A quasi un anno dal salvataggio della squadra di calcio bloccata in una grotta dai monsoni, emerge che i medici hanno preferito sedare i ragazzi prima di affrontare le delicate fasi dell’uscita

+ Miei preferiti
Il 23 giugno dello scorso anno, la vicenda degli 11 ragazzini bloccati in una grotta della Thailandia aveva tenuto il mondo con il fiato sospeso. Per salvarli da una morte terribile si erano mosse squadre di specialisti da ogni angolo del pianeta, che il 10 luglio successivo erano riusciti a portarli in salvo.



I ragazzini, anche se provati dalla lunga permanenza, scossi e denutriti, si erano ripresi abbastanza in fretta, ma solo ora si scoprono alcuni retroscena del colossale apparato di salvataggio creato per restituirli all’affetto delle loro famiglie. Il “New England Journal of Medicine” ha rivelato che l’equipe medica impegnata a seguire da vicino lo stato di salute dei ragazzi e di valutare le modalità con cui avrebbero dovuto lasciare la grotta seguendo un percorso pericoloso, ha deciso di somministrare ad ognuno di loro della ketamina. Si tratta di un farmaco anestetico usato in medicina per combattere il disturbo bipolare, l’alcolismo, la depressione, l’ansia e lo stress, ma utilizzato anche per calmare i cavalli più turbolenti. In realtà, si legge, oltre all’idea primaria di salvare i ragazzini, fu anche un esperimento scientifico, per capire quanto la ketamina sia utile nelle fasi precedenti al ricovero di soggetti in ipotermia. Il testo, firmato dai medici Chanrit Lawthaweesawat, Richard Harris, Wutichai Isara e Krit Pongpirulsi, spiega: “Il piano di intervento prevedeva l’uso di un’anestesia a base di ketamina e una maschera d’ossigeno a pressione positiva. Il medicinale rappresentava l’opzione più sicura perché non alterava la respirazione e la pressione sanguigna, ed è di facile somministrazione: non richiede apparecchiature e neanche elettricità”.

Galleria fotografica
I ragazzi della grotta drogati con Ketamina - immagine 1
Asia
Il tifone di Natale sulle Filippine
Il tifone di Natale sulle Filippine
Si chiama “Phanfone”, ha iniziato ad abbattersi dalle prime ore di ieri e non si sposterà fino a domani. Migliaia di persone evacuate e turisti in apprensione
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"