I ribelli di Hong Kong hanno vinto

| La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale

+ Miei preferiti
Alle 18 di ieri, la chief executive di Hong Kong, Carrie Lam, appare in televisione e annuncia la resa: la tanto contestata legge sull’estradizione che ha scatenato la rabbiosa reazione dei cittadini della città, è stata definitivamente ritirata, dopo la prima momentanea sospensione del 12 giugno che da Pechino si erano illusi bastasse a placare gli animi delle piazze.

Un annuncio che era nell’aria, svelato dai quotidiani non governativi qualche ora prima, che pare sia giunto al termine di una riunione in cui, per far pace con l’opinione pubblica mondiale, si è deciso di “raffreddare l’atmosfera” e aprirsi il dialogo con la città dopo 13 settimane di scontri e violenze. Nel piegare la testa alla piazza, il capo esecutivo di Hong Kong ha aggiunto un’indagine sui metodi della polizia, talmente trasparente da essere realizzata con la supervisione di esperti stranieri, ma negato l’amnistia per le migliaia di persone finite in galera per le proteste. Nulla invece sul suffragio universale, che secondo la Lam va discusso con gli animi meno inferociti. Per finire con l’idea di affidare ad un comitato di esperti l’analisi dei problemi di Hong Kong, per risolverli uno dopo l’altro.



Ma le reazioni dei protestanti sono tutt’altro che soddisfatte: “Troppo poco, troppo tardi”, è la frase che si rincorre sui social, dove le parole dello chief executive non sono solo considerate tardive, ma pronunciate da una donna che hè vista ormai come una nemica. “La risposta di Carrie Lam arriva dopo il sacrificio di 7 vite e l’arresto di 1.200 dimostranti. Sollecitiamo anche il mondo a essere vigile e a non farsi ingannare dai governi di Hong Kong e di Pechino: una stretta su larga scala è in arrivo”, tuona su Twitter Joshua Wong, uno dei leader del “movimento degli ombrelli”. Altrettanto dura la reazione del “Civil Human Rights Front”, che oltre a ribadire la richiesta di approvazione per le cinque richieste formulate dalla piazza, commenta: “Pensare che la mossa annunciata in tv possa bastare a placare gli animi è un grave errore di giudizio politico”.

Galleria fotografica
I ribelli di Hong Kong hanno vinto - immagine 1
Asia
Arrestato il re della metanfetamina
Arrestato il re della metanfetamina
Tse Chi Lop, narcotrafficante di origine cino-canadese, è accusato di gestire uno dei più grandi cartelli di metanfetamine del mondo, con giro d’affari di 60 miliardi di dollari all’anno
L’ultima speranza di Aslinda
L’ultima speranza di Aslinda
Una donna di Singapore sta per essere giustiziata in Cina per traffico di droga. La famiglia lancia un ultimo disperato appello
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Quasi azzerati gli scambi commerciali con al Cina, l’unico Paese con cui Pyongyang aveva rapporti. Per gli esperti la decisione porterà a carenze di farmaci, cibo e carburante, ma dimostra quanto la situazione sia fuori controllo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Il governo gioca il rilancio turistico della città del Covid-19, dove la normalità sembra ormai riconquistata in pieno, alzando il sospetto che in Cina il vaccino sia ormai realtà
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Le celebrazioni per i 75 anni della nascita del Partito avrebbero dovuto coincidere con l'avvento di un Paese ricco e civilizzato promesso dal piccolo leader 5 anni fa. Ma non è andata così
Trovato morto il sindaco di Seul
Trovato morto il sindaco di Seul
Park Won-soon aveva fatto perdere le proprie tracce lasciando un biglietto di addio: la polizia ha rinvenuto il corpo senza vita in un bosco. Si sospetta che alla base del gesto ci sia la denuncia per stupro di una segretaria comunale
Il tifone di Natale sulle Filippine
Il tifone di Natale sulle Filippine
Si chiama “Phanfone”, ha iniziato ad abbattersi dalle prime ore di ieri e non si sposterà fino a domani. Migliaia di persone evacuate e turisti in apprensione
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine