Il coltello cinese

| L'ultimo messaggio del capo dell'Interpol, il cinese Meng Hongwei alla moglie Grace è un emoticon che rappresenta un coltello. L'alto dirigente è "sotto indagine". Non avrebbe colpito i dissidenti. La famiglia, sotto tutela, è a Lione

+ Miei preferiti

L'Interpol ha ricevuto le dimissioni del suo presidente, il cinese Meng Hongwei, chiarendo così, in unaminima parte, il mistero della sua scomparsa. L’alto funzionario del governo cinese era partito in aereo dalla Francia il 28 settembre. Il governo di Xi, con una breve nota, ha fatto sapere che Hongwei, 64 anni, la cui famiglia è ancora a Lione, dove c’è il quartiere generale dell’Interpol, è “sotto indagine per corruzione”. Ma alla moglie, prima di essere fermato al suo rientro a Pechino, era riuscito a inviare un emoji che rappresentava un coltello. E le istruzioni: ”Aspetta la mia chiamata”, seguita però dal silenzio. Grace Meng ha incontrato i giornalisti dalla sua camera d'albergo a Lione, Francia.

L'Interpol ha ricevuto le dimissioni di Meng e che Kim Jong Yang della Corea del Sud, un vicepresidente che rappresenta l'Asia nel comitato esecutivo dell'Interpol, è stato nominato presidente in carica fino a quando l'assemblea generale dell'Interpol sceglie un presidente permanente il mese prossimo. La sezione disciplinare del Partito Comunista cinese ha poi rilasciato una dichiarazione in cui si afferma che Meng "è sotto inchiesta da parte della Commissione Nazionale di Supervisione per presunte violazioni delle leggi".

Grace Meng ha detto che il sequestro di suo marito è una questione che "riguarda la comunità internazionale". Ha aggiunto: "Anche se non riesco a vedere mio marito, noi siamo sempre uniti”. Interrogato sul messaggio di testo ricevuto da Grace Meng, il Ministero dell'Interno francese ha risposto che attraverso un portavoce non ha informazioni da condividere.

In una dichiarazione pubblicata su Twitter sabato, il segretario generale dell'Interpol, Jurgen Stock, aveva dichiarato: "L'Interpol ha chiesto alle autorità cinesi, attraverso i canali ufficiali di polizia, chiarimenti sullo status del presidente dell'Interpol Meng Hongwei. Il Segretariato generale dell'Interpol attende con ansia una risposta ufficiale delle autorità cinesi per rispondere alle preoccupazioni sul benessere del Presidente", ha continuato la dichiarazione.

Meng Hongwei, secondo l'agenzia di stampa statale cinese Xinhua, è stato il primo funzionario cinese a diventare presidente dell'Interpol. Non si trovava sul suolo francese quando è stato visto l'ultima volta, secondo un alto funzionario di polizia francese, che ha rifiutato di dire se si trovava in Cina. Era partito per la Cina, richiamato d’urgenza, la mattina del 28 settembre.

Grace Meng aveva denunciato la sua scomparsa alla polizia a Lione dopo 10 giorni di silenzio.

“La Francia sta esaminando la situazione del Presidente dell'Interpol e ci sono timori per le minacce che ha ricevuto sua moglie", ha aggiunto un portavoce del ministero degli Esteri. La procura di Lione ha aperto un’inchiesta. "L'Interpol è a conoscenza delle notizie riportate dai media in relazione alla presunta scomparsa del presidente dell'Interpol Meng Hongwei. Si tratta di una questione di competenza delle autorità competenti sia in Francia che in Cina", ha detto Interpol in una dichiarazione, rifiutando di commentare ulteriormente.

Meng, che è stato vice ministro cinese per la pubblica sicurezza ed ex capo dell'Interpol Cina, è stato eletto presidente dell'Interpol nel novembre 2016. Il South China Morning Post, un giornale di Hong Kong noto per i suoi collegamenti all'interno del governo cinese, ha detto che Meng è stato "portato via" al momento dell'atterraggio in Cina la scorsa settimana. Il giornale ha citato una fonte senza nome. La sparizione del Meng porta i segni distintivi di che cosa accade agli alti funzionari quando sono sospettati di violare le regole del partito, di solito presunta corruzione. Ma soprattutto potrebbe essere rimproverato a Meng di non avere colpito, nella sua posizione, i dissidenti cinesi che hanno provato rifugio oltre i confini della Cina. 

 
Asia
Una perfetta spy-story senza colpevoli
Una perfetta spy-story senza colpevoli
Anche la seconda delle due donne che uccisero Kim Yong Nam, fratellastro del leader nord coreano, è stata rilasciata. “Nessuno pagherà per un omicidio spregiudicato, messo in pratica utilizzando un’arma di distruzione di massa”
L’Arabia Saudita giustizia 37 persone
L’Arabia Saudita giustizia 37 persone
Accusati di terrorismo, sono stati messi a morte in diverse zone del Regno: un condannato è stato crocifisso
Ancora terrore in Sri Lanka
Ancora terrore in Sri Lanka
Un’altra esplosione, questa volta senza vittime, e il ritrovamento di 87 detonatori lasciano intuire che l’ondata di terrore non è ancora finita. Polemiche sul lavoro dell’intelligence
Altro che anno del maiale
Altro che anno del maiale
Per lo zodiaco cinese il 2019 è dedicato all’animale che sfama i milioni di abitanti della nazione asiatica. La notizia che quasi 100 milioni di suini sono morti per un’epidemia di peste sta facendo tremare le economie mondiali
La Cina sospende l’ordine di 737 Max
La Cina sospende l’ordine di 737 Max
Una perdita pesante per il colosso aeronautico americano: bloccato l’ordine per 100 nuovi velivoli con relativa chiusura dei pagamenti. Il titolo perde ancora in borsa
I ragazzi della grotta drogati con Ketamina
I ragazzi della grotta drogati con Ketamina
A quasi un anno dal salvataggio della squadra di calcio bloccata in una grotta dai monsoni, emerge che i medici hanno preferito sedare i ragazzi prima di affrontare le delicate fasi dell’uscita
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Centinaia di ospiti di alberghi sono stati filmati in segreto e trasmessi in diretta streaming online. Un’unità speciale della polizia è riuscita a smantellare la rete, ma il fenomeno non si arresta
Hong Kong e la “bolla del mattone”
Hong Kong e la “bolla del mattone”
L’ex colonia britannica sta facendo i conti con speculazioni edilizie che cambiano il volto della città, facendole perdere parte delle costruzioni del passato. A rischio scomparsa anche la casa di Bruce Lee
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
L'alpinista Simone Moro pronto a tentare l'impresa di recuperare i corpi ma solo se è la volontà delle famiglie. Indiscrezione dal Cai: finanzieremo l'operazione. Padre e sorella di Tom: "Resti lassù". Famiglia Nardi: "Nessuna decisione"
Libera killer del gas nervino
Libera killer del gas nervino
Una delle due donne vietnamite accusate di aver ucciso con il gas nervino il fratellastro di Kim Jong-un nell'aeroporto di Kuala Lumpur, assieme a una complice, lascia il carcere: "Bella sorpresa, non me l'aspettavo"