IL FANTASMA DI MUMMERY
e l'inquietante profezia su Daniele

| Lo scalatore aveva rivelato di avere avuto una visione dello scalatore inglese ucciso da una valanga nel 1895 sul Nanga Parbat: "Perché sei venuto a trovarmi?...". Le 68 vittime della "montagna assassina". La strage dei Talebani

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

Il Nanga Parbat è la nona montagna più alta del mondo, l’unico 8mila in Kashmir. Ha la fama sinistra di una montagna assassina. Il 28 per cento degli scalatori che l’hanno sfidata sono morti. In tutto 68 alpinisti, da tutto il mondo. L’alto numero di caduti tedeschi ha fatto sì che sia molto conosciuta nel Nord Europa. Daniele Nardi, nel gennaio 2016, stava salendo sul Nanga Parbat con lo scalatore francese Alex Txicon e Alì Sadpara sulla Kinshofer, quando decidono di fare un’esplorazione sullo Sperone Mummery, che prende il nome dallo scalatore inglese Albert Mummery che vi morì nel 1895, travolto da una valanga. Furono tentati di affrontarlo ma alla fine la prudenza li indusse a ritornare sul percorso originario, più lungo ma più sicuro. Qui Reinhold Messner perse il fratello Gunther, oggetto poi di un controverso film sulla tragedia, dal titolo Nanga Parbat, diretto da Joseph Vilsmaier nel 2010. Il film ricostruisce la spedizione tedesca del 1970, quando i fratelli Reinhold e Günther Messner riuscirono a conquistare la vetta salendo lungo l'inviolata parete Rupal, senza l'ausilio dell’ossigeno. Il corpo di Gunther fu ritrovato mesi dopo proprio nel punto indicato dal fratello, che fu persino accusato di averlo abbandonato al suo destino per l’ambizione di conquistare la vetta. Ad accusarlo, tra gli altri, fu famoso alpinista tedesco Karl Maria Herrligkoffer.

IL FANTASMA DI MUMMERY: “FAI ATTENZIONE…”

Ma proprio Nardi nel gennaio 2016, durante un suo precedente tentativo invernale di avvicinarsi al Mummery, raccontò a montagnatv.it un inquietante incontro soprannaturale con il grande alpinista inglese che gli si presentò una notte nella veste di un fantasma profetico: “Perché è venuto a trovarmi?…Nella notte mi sveglio dallo scricchiolio di alcuni passi che provengono fuori dalla tenda. Sento il rumore avvicinarsi alla tenda, e ad ogni passo la temperatura corporea aumenta ed inizio a sudare freddo, sono pervaso da una tensione strana e dal desiderio di riuscire ad identificare quel suono. Erano i passi di un uomo o di qualcos’altro? Mentre li ascoltavo pensavo a quel suono a metà fra il dolce ed il sordo che si ascolta quando sopra gli 8000 metri i ramponi di un alpinista si conficcano nella neve dura ed il passo lento ti porta verso la vetta. Quel rumore, quei passi avevano un cosicché di umano che proprio non ce l’ho fatta; dovevo sapere. Velocemente esco dalla tenda e mi ritrovo immerso nella notte fonda e un freddo glaciale inizia a pervadere il mio corpo. Mi calmo e vado verso la tenda. Faccio fatica ad addormentarmi e prima di farlo compare all’improvviso un'immagine, anzi direi una presenza, talmente reale che mi sembra di poterla toccare. Il rumore di quel metallo che si conficcava nella neve inturgidita dal freddo non era un metallo moderno ma proprio un paio di scarponi antichi con dei rinforzi in metallo. Alzo lo sguardo e mi rendo conto che Mummery è venuto a farmi visita. E’ in silenzio li di fronte senza dire nulla, con il suo giacchetto in tweed, gli scarponi in pelle, la pipa in bocca ed i calzoni alla zuava ed i calzettoni di lana lunga. Ne sento la presenza così forte che non riesco a concepire il tutto, è come se mi dicesse di andarlo a cercare; è li che ci sono le risposte. Ma di quali risposte parla? Io cerco la vetta, cerco di vincere fino in fondo il suo sperone, non cerco altre risposte. Perché è venuto a trovarmi? Vorrà dirmi che vuole che faccia attenzione? Perché Mummery è li fuori, ne sono sicuro, è lì. Come lo sento allontanarsi al di là della nebbia e della neve, mi addormento come un bambino che conserva tra le sue mani domande e risposte”. Il celebre scalatore inglese morì il 24 agosto 1895 proprio sul Nanga Parbat. Travolto da una valanga. Alla luce di quanto sta accadendo nelle ultime ore, il breve flashback di Nardi assume un contorno inquietante. Di sicuro una premonizione.

LA BLACK LIST DEI CADUTI SUL NANGA PARBAT

27/28 gennaio 2018 Tomasz Mackiewicz Polonia Non diagnosticato (sintomi di mal d'altitudine acuto e congelamento) 

24 giugno 2017 Alberto Zerain Spagna Valanga 

24 giugno 2017 Mariano Galvan Argentina Avalanche

6 febbraio 2013 Joel Wischnewski Francia Valanga.

11 luglio 2009 Mi-young Go Sud Corea del Sud Esauriomento

10 luglio 2009 Wolfgang Kölblinger Austria Esaurimento

17 luglio 2008 Saman Nemati Iran Sconosciuto (scomparso)

15 luglio 2008 Karl Unterkircher Italia caduto nel crepaccio

28 luglio 2006 Naohiro Ozawa Giappone Scomparso

22 luglio 2006 José Antonio Delgado Venezuela Insolazione

1 luglio 2004 Günter Jung Germania Esaurimento

26 luglio 1998 Hideki Ohmiya Giappone Esaurimento

30 luglio 1997 Joan Colet Spagna Caduta durante la discesa

20 giugno 1996 Răzvan Petcu Romania Valanga

20 giugno 1996 Gabriel Stana Romania Valanga

24 giugno 1994 Antonio Lopez Spagna Esaurimento

7 luglio 1993 Scomparsa la Chun-moon Ahn Corea del Sud

18 agosto 1990 Osami Nakajima Giappone Esaurimento

3 luglio 1990 Chang-gi Park Corea del Sud Caduta in un crepaccio

18 luglio 1989 Tetsuya Baba Baba Giappone Fulmine

23 giugno 1989 Kwang-ho Kim Corea del Sud Esaurimento

10 luglio 1985 Piotr Kalmus Polonia Valanga

8 dicembre 1984 Hiromi Kameda Giappone Esaurimento

7 luglio 1984 Fuji Tsunoda Japan Avalanche

7 luglio 1984 Shigeoh Hida Japan Avalanche

7 luglio 1984 Nobuyuki Imakyurei Giappone Valanga

7 luglio 1984 Takashi Kogure Japan Avalanche.

12 luglio 1983 Nobuyoshi Yamada Giappone Valanga

12 luglio 1983 Yuichiro Takamori Giappone Valanga

12 luglio 1983 Satoshi Iida Giappone Valanga

17 giugno 1983 Kazuo Shimura Japan Fall

8 giugno 1982 Peter Hiltbrand Svizzera Malattia d'altitudine

12 giugno 1982 Ali Sheikh Pakistan Esaurimento

4 giugno 1982 Peter Forrer Svizzera Valanga

28 aprile 1982 Matloob Hassan Nuri Pakistan Caduta nel crepaccio

31 luglio 1977 Robert Broughton United States Avalanche

31 luglio 1977 George Bogel United States Avalanche

26 settembre 1976 Sebastian (Wastl) Arnold Austria Esaurimento

8 luglio 1971 Näbi Mantas Hunza Pakistan Esaurimento

29 giugno 1970 Günther Messner Italia Valanga

23 giugno 1962 Siegfried (Sigi) Löw Germania Esaurimento

4 dicembre 1950 John W. Thornley Regno Unito Disperso

4 dicembre 1950 William H. Crace Regno Unito Sconosciuto Disperso

14 / 15 giugno 1937 Karl Wien Germania Valanga.

14 / 15 giugno 1937 Martin Pfeffer Germania Valanga.

14 / 15 giugno 1937 Peter Müllritter Germania Valanga.

14 / 15 giugno 1937 Günther Hepp Germania Valanga.

14 / 15 giugno 1937 Hans Hartmann Germania Valanga.

14 / 15 giugno 1937 Adolf Göttner Germania Valanga.

14 / 15 giugno 1937 Pert Fankhauser Austria Valanga

14 / 15 giugno 1937 Tigmay India Tigmay India British Raj Avalanche

14 / 15 giugno 1937 Pasang Norbu India Norbu India britannico Raj Avalanche

14 / 15 giugno 1937 Nima Tsering I India Raj britannico Raj Avalanche

14 / 15 giugno 1937 Nima Tsering II India Raj britannico Raj Avalanche 

14 / 15 giugno 1937 Mingma Tsering India Raj britannico Raj Avalanche

14 / 15 giugno 1937 Karmi India India britannico Raj Avalanche [125].

14 / 15 giugno 1937 Gyalgen Monjo India India britannico Raj Avalanche

14 / 15 giugno 1937 Chong Karma India Raj britannico Raj Avalanche 

14 / 15 giugno 1937 Ang Tshering II India Raj britannico Raj Avalanche

17 luglio 1934 Scomparsa della Germania nazista di Willy Merci

17 luglio 1934 Sherpa Gyali India Sherpa Gyali India British Raj Disappearance

12 Luglio 1934 Wilhelm Welzenbach Germania Germania Insolazione

10 luglio 1934 Sherpa Dakshi India Scomparsa del Raj britannico dell'India

10 luglio 1934 Dorje Nima Nima India Esposizione Raj britannico.

10 luglio 1934 Nima Tashi India Esposizione britannica di Nima Tashi India Raj 10 luglio 1934 Pinju Norbu India 

9 July 1934 Nima Nurbu India  British Raj Disperso

9 July 1934 Ulrich Wieland Nazi Germany Disperso

8 June 1934 Alfred Drexel Nazi Germany Pneumonia

24 August 1895 Albert Mummery United Kingdom Avalanche

24 August 1895 Ragobir Thapa Ghurka   Nepal Avalanche

24 August 1895 Goman Singh Ghurka   Nepal Avalanche

————————-

A Diamir i Talebani sterminarono tutti i componenti di una spedizione alpinistica internazionale

 

22 giugno 2013 Igor Svergun Ucraina Ucciso dai talibani nel campo base di Diamir

22 giugno 2013 Badawi Kashaev Ucraina Uccisa dai talibani nel campo base di Diamir

22 giugno 2013 Dmitry Konyaev Ucraina Ucciso dai talibani nel campo base di Diari

22 giugno 2013 Rao Jianfeng Cina Ucciso dai talibani nel campo base di Diamir

22 giugno 2013 Yang Chunfeng Cina Uccisa dai talibani nel campo base di Diamir

22 giugno 2013 Honglu Chen Cina (doppio nazionale USA/Cina) Ucciso dai talibani nel campo base di Diamir

22 giugno 2013 Sona Sherpa Nepal Ucciso dai talibani nel campo base di Diamir

22 giugno 2013 Ernestas Markšaitis Lituania Ucciso dai talibani al campo base di Diamir

22 giugno 2013 Ali Hussain Pakistan Ucciso dai talibani nel campo base di Diamir

22 giugno 2013 Anton Dobes Slovacchia Ucciso dai talibani al campo base di Diamir

22 giugno 2013 Peter Sperka Slovacchia Ucciso dai talibani al campo base di Diamir

 



 
Asia
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
È finita la fiaba del sultano e la modella
È finita la fiaba del sultano e la modella
L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality