Kim Jong-nam, un informatore della CIA

| Il fratellastro del leader nordcoreano avrebbe avuto diversi contatti con i servizi segreti di numerosi paesi, fra cui gli Stati Uniti e la Cina

+ Miei preferiti
Secondo una rivelazione del “Wall Street Journal”, che in realtà ufficializza voci che circolavano da tempo, è che Kim Jong-nam, il fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong-un ucciso in Malesia nel 2017, era un informatore della CIA.

Il quotidiano cita in modo generico “una persona a conoscenza dei fatti” che avrebbe svelato alcuni dettagli sul rapporto fra Kim Jong-nam e la CIA.

Secondo la fonte del giornale, Kim Jong-nam si era recato in Malesia nel febbraio 2017 per incontrare il suo contatto, un agente della CIA sotto copertura, anche se questo potrebbe non essere stato l’unico scopo del suo ultimo viaggio. Pochi giorni dopo, nel febbraio del 2017, due donne hanno avvicinato Kim Jong-nam all’interno dell’aeroporto di Kuala Lumpur spalmandogli sul viso del VX liquido, un agente chimico proibito che lo ha ucciso nel giro di pochi minuti. Le autorità malesiane, in modo del tutto inspiegabile, hanno rilasciato le due donne accusate dell’omicidio: la cittadina indonesiana Siti Aisyah e la vietnamita Doan Thi Huong.

Eppure, a quanto riporta il Wall Street Journal, “Diversi ex funzionari statunitensi hanno riferito che il fratellastro, che ha vissuto per molti anni lontano dalla Corea del Nord, difficilmente sarebbe stato in grado di fornire dettagli sul funzionamento interno del paese”. Ma secondo gli ex funzionari, Kim Jong-nam sarebbe stato quasi certamente in contatto con i servizi di sicurezza di altri paesi, in particolare della Cina.

Asia
Arrestato il re della metanfetamina
Arrestato il re della metanfetamina
Tse Chi Lop, narcotrafficante di origine cino-canadese, è accusato di gestire uno dei più grandi cartelli di metanfetamine del mondo, con giro d’affari di 60 miliardi di dollari all’anno
L’ultima speranza di Aslinda
L’ultima speranza di Aslinda
Una donna di Singapore sta per essere giustiziata in Cina per traffico di droga. La famiglia lancia un ultimo disperato appello
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Quasi azzerati gli scambi commerciali con al Cina, l’unico Paese con cui Pyongyang aveva rapporti. Per gli esperti la decisione porterà a carenze di farmaci, cibo e carburante, ma dimostra quanto la situazione sia fuori controllo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Il governo gioca il rilancio turistico della città del Covid-19, dove la normalità sembra ormai riconquistata in pieno, alzando il sospetto che in Cina il vaccino sia ormai realtà
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Le celebrazioni per i 75 anni della nascita del Partito avrebbero dovuto coincidere con l'avvento di un Paese ricco e civilizzato promesso dal piccolo leader 5 anni fa. Ma non è andata così
Trovato morto il sindaco di Seul
Trovato morto il sindaco di Seul
Park Won-soon aveva fatto perdere le proprie tracce lasciando un biglietto di addio: la polizia ha rinvenuto il corpo senza vita in un bosco. Si sospetta che alla base del gesto ci sia la denuncia per stupro di una segretaria comunale
Il tifone di Natale sulle Filippine
Il tifone di Natale sulle Filippine
Si chiama “Phanfone”, ha iniziato ad abbattersi dalle prime ore di ieri e non si sposterà fino a domani. Migliaia di persone evacuate e turisti in apprensione
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale