Kim Jong-nam, un informatore della CIA

| Il fratellastro del leader nordcoreano avrebbe avuto diversi contatti con i servizi segreti di numerosi paesi, fra cui gli Stati Uniti e la Cina

+ Miei preferiti
Secondo una rivelazione del “Wall Street Journal”, che in realtà ufficializza voci che circolavano da tempo, è che Kim Jong-nam, il fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong-un ucciso in Malesia nel 2017, era un informatore della CIA.

Il quotidiano cita in modo generico “una persona a conoscenza dei fatti” che avrebbe svelato alcuni dettagli sul rapporto fra Kim Jong-nam e la CIA.

Secondo la fonte del giornale, Kim Jong-nam si era recato in Malesia nel febbraio 2017 per incontrare il suo contatto, un agente della CIA sotto copertura, anche se questo potrebbe non essere stato l’unico scopo del suo ultimo viaggio. Pochi giorni dopo, nel febbraio del 2017, due donne hanno avvicinato Kim Jong-nam all’interno dell’aeroporto di Kuala Lumpur spalmandogli sul viso del VX liquido, un agente chimico proibito che lo ha ucciso nel giro di pochi minuti. Le autorità malesiane, in modo del tutto inspiegabile, hanno rilasciato le due donne accusate dell’omicidio: la cittadina indonesiana Siti Aisyah e la vietnamita Doan Thi Huong.

Eppure, a quanto riporta il Wall Street Journal, “Diversi ex funzionari statunitensi hanno riferito che il fratellastro, che ha vissuto per molti anni lontano dalla Corea del Nord, difficilmente sarebbe stato in grado di fornire dettagli sul funzionamento interno del paese”. Ma secondo gli ex funzionari, Kim Jong-nam sarebbe stato quasi certamente in contatto con i servizi di sicurezza di altri paesi, in particolare della Cina.

Asia
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
È finita la fiaba del sultano e la modella
È finita la fiaba del sultano e la modella
L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality
Cina sotto choc, Zixin è morta
Cina sotto choc, Zixin è morta
La polizia ha trovato il corpo della bimba, 9 anni, nelle acque di Shipu. Si chiude così il mistero della scolara rapita da una misteriosa coppia che si era poi suicidata in un lago. Tutti speravano fosse ancora viva
North Korea: sei studente? Allora anche spia
North Korea: sei studente? Allora anche spia
La pericolosa avventura di un 29enne australiano che ha studiato nella Corea di Kim. Ha scritto per un blog un paio di servizi innocui e il regime lo ha arrestato. E' stato espulso
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino
Artista celebre e coraggiosa, da sempre schierata al fianco dei movimenti LGBT, davanti alle Nazioni Unite ha accusato il governo cinese e quello di Hong Kong di complottare per vietare la democrazia