Kim Jong-nam, un informatore della CIA

| Il fratellastro del leader nordcoreano avrebbe avuto diversi contatti con i servizi segreti di numerosi paesi, fra cui gli Stati Uniti e la Cina

+ Miei preferiti
Secondo una rivelazione del “Wall Street Journal”, che in realtà ufficializza voci che circolavano da tempo, è che Kim Jong-nam, il fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong-un ucciso in Malesia nel 2017, era un informatore della CIA.

Il quotidiano cita in modo generico “una persona a conoscenza dei fatti” che avrebbe svelato alcuni dettagli sul rapporto fra Kim Jong-nam e la CIA.

Secondo la fonte del giornale, Kim Jong-nam si era recato in Malesia nel febbraio 2017 per incontrare il suo contatto, un agente della CIA sotto copertura, anche se questo potrebbe non essere stato l’unico scopo del suo ultimo viaggio. Pochi giorni dopo, nel febbraio del 2017, due donne hanno avvicinato Kim Jong-nam all’interno dell’aeroporto di Kuala Lumpur spalmandogli sul viso del VX liquido, un agente chimico proibito che lo ha ucciso nel giro di pochi minuti. Le autorità malesiane, in modo del tutto inspiegabile, hanno rilasciato le due donne accusate dell’omicidio: la cittadina indonesiana Siti Aisyah e la vietnamita Doan Thi Huong.

Eppure, a quanto riporta il Wall Street Journal, “Diversi ex funzionari statunitensi hanno riferito che il fratellastro, che ha vissuto per molti anni lontano dalla Corea del Nord, difficilmente sarebbe stato in grado di fornire dettagli sul funzionamento interno del paese”. Ma secondo gli ex funzionari, Kim Jong-nam sarebbe stato quasi certamente in contatto con i servizi di sicurezza di altri paesi, in particolare della Cina.

Asia
100 giorni alle Olimpiadi,
e il Giappone è in ritardo
100 giorni alle Olimpiadi,<br>e il Giappone è in ritardo
L’1% della popolazione è stata vaccinata, e ai volontari dei giochi è stato detto che avranno due mascherine e del disinfettante. I timori per un evento che può diventare un velocissimo diffusore di nuove varianti in tutto il mondo
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
Ad un anno di distanza dall’ultima provocazione, Pyongyang ha lanciato due missili balistici verso il mar del Giappone. Immediata la reazione di Corea del Sud e Giappone: Biden deve ancora pronunciarsi
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Lo scorso anno si è chiuso con la cifra più alta mai raggiunta dal 1980, da quando sono iniziate le statistiche. Per gli esperti non è chiaro quanto il lockdown abbia influito, ma sono pronte diverse contromisure per invertire la tendenza
L’ONU accusa: gli hacker di Kim rubano capitali
L’ONU accusa: gli hacker di Kim rubano capitali
La Corea del Nord, ormai ridotta allo stremo, avrebbe trovato il modo di accumulare capitali attraverso una fitta attività di furti online
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Pechino usa la mano dura e avverte che i tentativi di indipendenza “significano guerra”, mentre gli Stati Uniti promettono sostegno, alzando alle stelle la tensione
Arrestato il re della metanfetamina
Arrestato il re della metanfetamina
Tse Chi Lop, narcotrafficante di origine cino-canadese, è accusato di gestire uno dei più grandi cartelli di metanfetamine del mondo, con giro d’affari di 60 miliardi di dollari all’anno
L’ultima speranza di Aslinda
L’ultima speranza di Aslinda
Una donna di Singapore sta per essere giustiziata in Cina per traffico di droga. La famiglia lancia un ultimo disperato appello
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Quasi azzerati gli scambi commerciali con al Cina, l’unico Paese con cui Pyongyang aveva rapporti. Per gli esperti la decisione porterà a carenze di farmaci, cibo e carburante, ma dimostra quanto la situazione sia fuori controllo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Il governo gioca il rilancio turistico della città del Covid-19, dove la normalità sembra ormai riconquistata in pieno, alzando il sospetto che in Cina il vaccino sia ormai realtà
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito