La modella e il sultano

| Muhammad V di Kelantan ha abdicato per dedicarsi anima, e soprattutto corpo, a Oksana Voevodina, ex Miss Russia diventata sua moglie dopo un matrimonio (quasi) segreto

+ Miei preferiti
Ventinove milioni di malaysiani sono indecisi: non sanno se ridere o dispiacersi. Il loro re, il sultano Muhammad V di Kelantan, nome abbreviatissimo del brigadier generale Paduka Sri Muhammad V ibni Sultan Ismail Petra, ha appena abdicato, ed è la prima volta nella storia del Paese asiatico. Una rinuncia al trono che ha un motivo ufficiale, legato a motivi di salute, ed uno ufficioso che al contrario coincide con il nome di Oksana Voevodina, Miss Russia 2015 e con una collezione di scatti disponibile in rete che lasciano poco all’immaginazione.

Il sultano, 49 anni contro i 25 di colei che è stata ribattezzata la “Meghan Markle russa”, non si faceva vedere in giro da almeno due mesi. Periodo in cui è filtrata la notizia delle nozze con la bella Oksana, che avrebbe sposato con una sontuosa e quasi segreta cerimonia a Barvikha, uno dei sobborghi più esclusivi di Mosca, malgrado il veto imposto dal protocollo di corte.

Una notizia che dal palazzo reale di Kuala Lumpur non ha mai avuto alcuna conferma e numerosi “no comment”, tentando di liquidare la faccenda come semplici pettegolezzi. L’abdicazione non avrà alcun effetto sul governo malaysiano, perché la carica a cui Muhammad V ha rinunciato è in realtà elettiva: ogni cinque anni viene votato dai nove sultani del consiglio dei reggenti, che compongono i sultanati in cui è diviso il Paese del sud-est asiatico. E anche se Oksana Voevodina ha rinunciato al suo nome russo, assumendo quello di Rihana Oxana Gorbatenko, e si è convertita all’Islam, il sultano non avrà vita facile, dovendo tornare sul trono del Kelantan, uno dei più conservatori del Paese e dove non sarà semplice far accettare una donna di cui esistono ampie esposizioni epidermiche e più volte finita sui tabloid di mezzo mondo per alcune effusioni hot che hanno fatto la fortuna di un paio di talent a cui ha partecipato. I due si sarebbero conosciuti nel 2017 in Europa, un anno dopo la salita al trono del suo nuovo marito.

Muhammad V di Kelatan, classe 1969, ha studiato presso le più prestigiose scuole malaysiane, inglesi e tedesche: il 30 marzo 1979 viene nominato erede apparente con il titolo di “Tengku Mahkota”, salendo al trono nel maggio del 2009, quando suo padre Ismail Petra è colpito da un ictus. Conosciuto per la passione per le auto sportive e gli sport estremi, nel 2004 sposa Kangsadal Pipitpakdee, membro dell’ex famiglia reale di Pattani, da cui divorzia quattro anni dopo. 

Oksana Andreyeva Voevo, nata nel 1993, è figlia di un chirurgo ortopedico e un’ex modella nota in Unione Sovietica negli anni Novanta. Frequenta l’università “Plekhanov”, una delle più esclusive di Mosca, e nel 2015 conquista la fascia di Miss Russia. Ha un debole per gli skaters e i bikers, dichiarando anni fa di “essere attratta da ragazzi spericolati”. Più di recente ha invece ammesso di “essere alla ricerca di un uomo capofamiglia che però non deve guadagnare meno di me”. È stata accontentata.

Galleria fotografica
La modella e il sultano - immagine 1
La modella e il sultano - immagine 2
La modella e il sultano - immagine 3
La modella e il sultano - immagine 4
La modella e il sultano - immagine 5
La modella e il sultano - immagine 6
La modella e il sultano - immagine 7
La modella e il sultano - immagine 8
La modella e il sultano - immagine 9
La modella e il sultano - immagine 10
La modella e il sultano - immagine 11
La modella e il sultano - immagine 12
La modella e il sultano - immagine 13
Asia
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
È finita la fiaba del sultano e la modella
È finita la fiaba del sultano e la modella
L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality
Cina sotto choc, Zixin è morta
Cina sotto choc, Zixin è morta
La polizia ha trovato il corpo della bimba, 9 anni, nelle acque di Shipu. Si chiude così il mistero della scolara rapita da una misteriosa coppia che si era poi suicidata in un lago. Tutti speravano fosse ancora viva
North Korea: sei studente? Allora anche spia
North Korea: sei studente? Allora anche spia
La pericolosa avventura di un 29enne australiano che ha studiato nella Corea di Kim. Ha scritto per un blog un paio di servizi innocui e il regime lo ha arrestato. E' stato espulso
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino
Denise Ho, la popstar che sfida Pechino
Artista celebre e coraggiosa, da sempre schierata al fianco dei movimenti LGBT, davanti alle Nazioni Unite ha accusato il governo cinese e quello di Hong Kong di complottare per vietare la democrazia
Cina, l’app di Stato che spia i telefoni
Cina, l’app di Stato che spia i telefoni
Sarebbe installata di nascosto dalla polizia nel corso dei controlli alla frontiera: permette di controllare ogni singola azione degli smartphone
Non perseguitava i dissidenti cinesi
ex capo (cinese) Interpol rischia l'ergastolo
Non perseguitava i dissidenti cinesi<br>ex capo (cinese) Interpol rischia l
Meng Hongwei, il primo capo cinese dell'Interpol, è in carcere con l'accusa di corruzione ma la sua vera "colpa" e di non avere usato la sua posizione per colpire i nemici di Xi rifugiati in Occidente
Liberato leader degli ombrelli, i cortei non si fermano
Liberato leader degli ombrelli, i cortei non si fermano
Hong Kong, Joshua Wong era in cella da mesi per gli scontri del 2014, accolto da una folla festante mentre nel protettorato cinese sfilano oltre due milioni di persone contro la legge sull'estradizione
Houdini indiano disperso nel Gange
Houdini indiano disperso nel Gange
Il mago Chanchal Lahiri "Wizard Mandrake", aveva tentato di immergersi in diretta tv prigioniero in una gabbia d'acciaio, sotto gli occhi dei suoi familiari e dei giornalisti. Ma di lui nessuna traccia
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI
Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI<br>Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese
Oltre un milione di persone protestano da giorni contro una legge toglierebbe alla città lo status di particolare indipendenza di cui gode, uniformandola al resto del paese