L’Arabia Saudita giustizia 37 persone

| Accusati di terrorismo, sono stati messi a morte in diverse zone del Regno: un condannato è stato crocifisso

+ Miei preferiti
L’agenzia di stampa ufficiale dell’Arabia Saudita ha annunciato che 37 persone sono state giustiziate in diverse zone del paese: “La pena di morte è stata applicata ad alcuni criminali accusati di aver adottato ideologie terroristiche estremiste e formato cellule terroristiche per attentare alla sicurezza e diffondere il caos”. Uno dei condannati sarebbe stato crocifisso, gli altri decapitati.

Si tratta di una delle più grandi esecuzioni di massa dopo quella del gennaio 2016, quando 47 persone furono messe a morte, tra cui il leader sciita Nimr al-Nimr. Nel 2015, quando il principe Mohammed bin Salman è apparso per la prima volta sulla scena politica del regno, è in corso un’aspra repressione verso gli oppositori. La pena di morte in Arabia Saudita, come prescritto dalla Sharia, è prevista per diversi reati: omicidio, stupro, rapina a mano armata, traffico di droga, stregoneria, adulterio, sodomia, omosessualità, sabotaggio e apostasia (la rinuncia alla religione islamica). Secondo la legge, la pena si applica attraverso impiccagione, lapidazione e decapitazione, che resta il sistema più utilizzato.

Asia
Cina: cresce la febbre
del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre<br>del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
È finita la fiaba del sultano e la modella
È finita la fiaba del sultano e la modella
L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality