Libera killer del gas nervino

| Una delle due donne vietnamite accusate di aver ucciso con il gas nervino il fratellastro di Kim Jong-un nell'aeroporto di Kuala Lumpur, assieme a una complice, lascia il carcere: "Bella sorpresa, non me l'aspettavo"

+ Miei preferiti
Le autorità malesi hanno rilasciato Siti Aisyah dopo il ritiro delle accuse per l'omicidio di Kim Jong-nam, fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong-un, avvenuto a febbraio 2017 all'aeroporto di Kuala Lumpur. "Sono sorpresa e molto felice. Non me l'aspettavo", sono state le prime parole della donna lasciando il tribunale. Ad agosto era stata rinviata a giudizio con una donna vietnamita, Doan Thi Huong: entrambe erano sospettate di aver usato l'agente VX, un gas nervino, per l'omicidio. Contro le due donne accusate di aver ucciso Kim Jong-nam, il fratellastro del leader nordcoreano, esistevano prove sufficienti per avviare il processo. Siti Aisyah e Doan Thi Thuong sono accusate di aver inoculato una sostanza tossica sul volto di Kim Jong-nam: da allora, le due donne ripetono che non fossero coscienti del fatto che stavano uccidendo Kim, ma di essere piuttosto convinte di partecipare ad uno scherzo televisivo. Rischiavano la pena di morte.

Il 13 febbraio dello scorso anno, Kim Jong-nam, fratellastro di Kim Jong-un, era in attesa di imbarcarsi su un volo da Kuala Lumpur a Macao, quando è stato avvicinato da due donne nella zona delle partenze. Le riprese delle telecamere di sorveglianza mostrano una donna che appoggia le mani sul viso di Kim per poi lasciare frettolosamente la scena dell’omicidio insieme alla complice. Pochi istanti dopo, si vede Kim barcollare vistosamente in cerca di aiuto, urlando che gli era stata spruzzata sul volto una sostanza chimica. È morto mentre veniva trasportato in ospedale a causa di quella che in seguito si rivelò essere stata l’esposizione al “VX”, uno degli agenti chimici più tossici tra quelli conosciuti. Le due donne, l’indonesiana Siti Aisyah e la vietnamita Doan Thi Huong, entrambe ventenni, si ritengono vittime innocenti di un complotto nordcoreano. Sarebbero state assoldate da una sedicente troupe tv per "fare uno scherzo" a una persona ripresa dalle videocamaere per una trasmissione comica. Questa è la loro tesi. Non tutti ci hanno creduto.

 
Asia
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Quasi azzerati gli scambi commerciali con al Cina, l’unico Paese con cui Pyongyang aveva rapporti. Per gli esperti la decisione porterà a carenze di farmaci, cibo e carburante, ma dimostra quanto la situazione sia fuori controllo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Il governo gioca il rilancio turistico della città del Covid-19, dove la normalità sembra ormai riconquistata in pieno, alzando il sospetto che in Cina il vaccino sia ormai realtà
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Le celebrazioni per i 75 anni della nascita del Partito avrebbero dovuto coincidere con l'avvento di un Paese ricco e civilizzato promesso dal piccolo leader 5 anni fa. Ma non è andata così
Trovato morto il sindaco di Seul
Trovato morto il sindaco di Seul
Park Won-soon aveva fatto perdere le proprie tracce lasciando un biglietto di addio: la polizia ha rinvenuto il corpo senza vita in un bosco. Si sospetta che alla base del gesto ci sia la denuncia per stupro di una segretaria comunale
Il tifone di Natale sulle Filippine
Il tifone di Natale sulle Filippine
Si chiama “Phanfone”, ha iniziato ad abbattersi dalle prime ore di ieri e non si sposterà fino a domani. Migliaia di persone evacuate e turisti in apprensione
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia