Liberato leader degli ombrelli, i cortei non si fermano

| Hong Kong, Joshua Wong era in cella da mesi per gli scontri del 2014, accolto da una folla festante mentre nel protettorato cinese sfilano oltre due milioni di persone contro la legge sull'estradizione

+ Miei preferiti

Joshua Wong, uno degli studenti leader del "movimento degli ombrelli" che per 79 giorni bloccò nel 2014 il centro di Kong Kong con una protesta pro-democrazia, è stato scarcerato dopo aver scontato la condanna a due mesi di reclusione inflittagli per il ruolo avuto nelle manifestazioni. Wong, sorridente, in camicia bianca e con alcune buste piene di effetti personali, è stato accolto da una folta delegazione composta da media e attivisti fuori dal carcere di Lai Chi Kok, secondo le immagini diffuse dai media locali. In una dichiarazione, Demosisto - il aveva annunciato sabato che l'attivista 22enne sarebbe stato rilasciato dall'istituto correttivo Lai Chi Kok alle 10.30 del mattino.Era stato rimandato in prigione a maggio dopo aver perso il tentativo di contrastare una sentenza per aver guidato le proteste democratiche che ha contribuito a guidare nel 2014.

La sua liberazione arriva quando Hong Kong è scossa da un'altra ondata di grandi proteste, questa volta scatenata dall'opposizione dell'opinione pubblica di massa a un piano per consentire l'estradizione in Cina. Gli organizzatori hanno detto che circa due milioni di persone si sono presentate domenica per il gigantesco raduno che è ancora in corso quando è stato annunciato il rilascio di Wong. Aveva 17 anni quando sono iniziate le proteste del 2014, era stato imprigionato per tre mesi nel gennaio 2018 con l'accusa di oltraggio alla libertà. Ha scontato solo sei giorni di quella sentenza prima di essere rilasciato su cauzione, in attesa di un appello. A metà maggio, tuttavia, un giudice aveva stabilito il suo ritorno in carcere. Ha così scontato esattamente la metà della pena, una politica comune a Hong Kong per i prigionieri che mostrano una buona condotta.

La crisi politica di Hong Kong è entrata nella sua seconda settimana, dopo che i manifestanti che avevano riempito le strade della città in numeri record domenica hanno rifiutato le scuse della leader Carrie Lam e hanno promesso di continuare la loro lotta contro una legge controversa da lei sostenuta. Dopo l'ampia protesta - che secondo gli organizzatori ha attirato 2 milioni di persone, la più grande nella storia della città - Lam si è scusato in una dichiarazione per il modo in cui il governo aveva gestito il progetto di legge sull'estradizione.

Ma non ha soddisfatto nessuna delle richieste chiave dei manifestanti. Chiedono che lei ritiri il disegno di legge sull'estradizione, ponga fine a un giro di vite contro gli attivisti e ritenga la polizia responsabile di tattiche brutali in precedenti proteste. Vogliono anche che si dimetta.
 
 
Asia
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
È finita la fiaba del sultano e la modella
È finita la fiaba del sultano e la modella
L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality
Cina sotto choc, Zixin è morta
Cina sotto choc, Zixin è morta
La polizia ha trovato il corpo della bimba, 9 anni, nelle acque di Shipu. Si chiude così il mistero della scolara rapita da una misteriosa coppia che si era poi suicidata in un lago. Tutti speravano fosse ancora viva