L’ONU accusa: gli hacker di Kim rubano capitali

| La Corea del Nord, ormai ridotta allo stremo, avrebbe trovato il modo di accumulare capitali attraverso una fitta attività di furti online

+ Miei preferiti
Secondo un rapporto confidenziale delle Nazioni Unite, un gruppo di hacker sotto il controllo governativo della Corea del Nord avrebbe sottratto centinaia di milioni di dollari per gran parte del 2020 per finanziare i programmi nucleari del paese, in violazione del diritto internazionale.

Il documento accusa il regime di Kim Jong Un di condurre “operazioni contro le istituzioni finanziarie e le aziende di scambio di valuta virtuale” per pagare le armi e mantenere a galla la difficile economia del paese. 

La Corea del Nord cerca da anni di sviluppare potenti armi nucleari e missili avanzati con cui accoppiarle, nonostante l’immenso costo e il fatto che la ricerca ha portato il Paese ad essere bandito dalle Nazioni Unite da qualsiasi attività economica con altri paesi.

Il rapporto è stato redatto dal gruppo di esperti delle Nazioni Unite, un organismo incaricato di monitorare l’applicazione e l’efficacia delle sanzioni imposte al regime di Kim come punizione per lo sviluppo nucleare. I dettagli del rapporto, che attualmente è confidenziale, sono stati ottenuti dalla CNN attraverso una fonte diplomatica del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, che ne ha condiviso alcune parti a condizione di conservare l’anonimato: è composto da informazioni ricevute dai paesi membri delle Nazioni Unite, dalle agenzie di intelligence, dai media e da coloro che fuggono dal paese.

Nel corso di un importante incontro politico il mese scorso, Kim ha affermato l’intenzione della Corea del Nord di sviluppare i programmi nucleari e missilistici con armi tattiche progettate per penetrare i sistemi di difesa e scoraggiare gli Stati Uniti da qualsiasi azione. Dopo i tentativi di mediazione di Trump, non è ancora chiara la linea che intende seguire Biden, anche se dal suo staff si parla di conseguenze pesanti.

Il report dell’ONU ha scoperto che i severi controlli anti-Covid alle frontiere della Corea del Nord hanno influenzato la capacità del regime di procurarsi capitali: per sopperire, Pyongyang usa complessi schemi di furto elettronico per tenere a galla l’economia e aggirare le severe sanzioni delle Nazioni Unite. Il carbone è storicamente una delle esportazioni più preziose della Corea del Nord – secondo il rapporto nel 2019 Pyongyang ha raccolto 370 milioni di dollari esportando carbone - ma le spedizioni dal luglio 2020 sono state sospese. Questo probabilmente perché il Paese ha tagliato quasi tutti i suoi legami con il mondo esterno per prevenire l’aumento di casi di coronavirus, ma mentre la decisione sembra (almeno così si afferma ufficialmente) aver tenuto a bada la pandemia, ha portato l’economia più vicina al collasso, con la popolazione ridotta allo stremo e alla fame.

Il rapporto cita più nazioni rimaste senza nome che affermano di aver avuto notizia della ripresa delle collaborazioni fra la Corea del Nord e l’Iran su progetti di missili a lungo raggio, compreso lo scambio di componenti necessarie.

Asia
100 giorni alle Olimpiadi,
e il Giappone è in ritardo
100 giorni alle Olimpiadi,<br>e il Giappone è in ritardo
L’1% della popolazione è stata vaccinata, e ai volontari dei giochi è stato detto che avranno due mascherine e del disinfettante. I timori per un evento che può diventare un velocissimo diffusore di nuove varianti in tutto il mondo
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
Ad un anno di distanza dall’ultima provocazione, Pyongyang ha lanciato due missili balistici verso il mar del Giappone. Immediata la reazione di Corea del Sud e Giappone: Biden deve ancora pronunciarsi
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Lo scorso anno si è chiuso con la cifra più alta mai raggiunta dal 1980, da quando sono iniziate le statistiche. Per gli esperti non è chiaro quanto il lockdown abbia influito, ma sono pronte diverse contromisure per invertire la tendenza
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Pechino usa la mano dura e avverte che i tentativi di indipendenza “significano guerra”, mentre gli Stati Uniti promettono sostegno, alzando alle stelle la tensione
Arrestato il re della metanfetamina
Arrestato il re della metanfetamina
Tse Chi Lop, narcotrafficante di origine cino-canadese, è accusato di gestire uno dei più grandi cartelli di metanfetamine del mondo, con giro d’affari di 60 miliardi di dollari all’anno
L’ultima speranza di Aslinda
L’ultima speranza di Aslinda
Una donna di Singapore sta per essere giustiziata in Cina per traffico di droga. La famiglia lancia un ultimo disperato appello
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Quasi azzerati gli scambi commerciali con al Cina, l’unico Paese con cui Pyongyang aveva rapporti. Per gli esperti la decisione porterà a carenze di farmaci, cibo e carburante, ma dimostra quanto la situazione sia fuori controllo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Il governo gioca il rilancio turistico della città del Covid-19, dove la normalità sembra ormai riconquistata in pieno, alzando il sospetto che in Cina il vaccino sia ormai realtà
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Le celebrazioni per i 75 anni della nascita del Partito avrebbero dovuto coincidere con l'avvento di un Paese ricco e civilizzato promesso dal piccolo leader 5 anni fa. Ma non è andata così