Nanga Parbat, l'epilogo è tragico

| L'alpinista Alex Txikon e il suo team stanno per salire sugli elicotteri militari pakistani per individuare i due corpi visti con il telescopio a 6 mila metri sullo Sperone Mummery. Le prime immagini non lasciano speranze

+ Miei preferiti
++++breaking news+++++

All'aviazione pakistana stanno risolvendo dei problemi tecnici sugli elicotteri, appena risolti saranno pronti per il decollo da Skardu alla volta del Nanga Parbat. Faranno tappa presso il villaggio di Ser per recuperare la squadra di soccorso e procederanno con una ricognizione aerea nell'area dello Sperone Mummery, dove Alex ha segnalato di aver identificato la presenza di due sagome. Al termine del sorvolo la squadra valuterà la situazione insieme ai piloti per comprendere come procedere.

 

VOLI BLOCCATI

 

"Purtroppo oggi, gli elicotteri non sono riusciti a portarsi al campo base del Nanga Parbat poiché dirottati per un altro obbiettivo di motivo militare. Siamo costretti a rimandare le operazioni programmate per oggi a domani, sperando che le previsioni metereologiche e le condizioni militare permettano di volare al Nanga Parbat".

Doccia fredda dopo le notizie di stamane sulla presenza di due sagome sul Mummery. Il sito di Daniele Narbi, con un breve post, esprime tutta la sua delusione, che è anche la nostra. Domani le ricerche riprenderanno. Il team di soccorritori sono pronti ad entrare in azione. Ci uniamo alle preghiere di tutti, vicini alle famiglie dei due dispersi.

"Alex Txikon e tutta la sua squadra è giunta al villaggio di Ser dove passeranno la notte e direttamente da li verranno prelevati dagli elicotteri. Alex ci comunica che ieri dal campo base ha individuato due sagome sulla montagna; da questa mattina all’alba, stanno operando per effettuare osservazioni approfondite della parete, All’arrivo degli elicotteri, previsto a breve, sarà avviata una esplorazione lungo la via Mummery per la valutazione ravvicinata di alcune immagini del telescopio. Grazie a tutti coloro che stanno partecipando in modo attivo alle ricerche di Daniele e Tom in primis gli alpinisti impegnati al Nanga Parbat e un grazie infinito va a tutti VOI che ci state sostenendo con aiuti e tanto affetto".

 

E' il breve post comparso in questi minuti sul sito di Daniele Nardi, 42 anni, l'alpinisto scomparso dal 24 febbraio sulllo Sperone Mummery del Nanga Parbat, Pakistano, con il rocciatore Tom Ballard. Presto altri aggiornamenti dall'alpinista basco Alex Txikon, nella foto in apertura.  Decine i post di speranza, di disperazione e di commozione stanno invadendo in questi minuti il profilo ufficiale di Nardi, gestito da amici e familiari. La domanda che tutti si pongono è se le due sagome sono immobili o in movimento e se si trovano a valle del campo 4, magari in un tentativo disperato di discesa dopo il fallimento dell'asciensioen. Tutte domande per ora senza risposta; verranno di nuovo esaminate con estrema attenzione. Sui social i soliti contrasti, tra chi vuole comtinuare a sperare e chi invece ritiene finite tutte le speranze, ritenenddo impossibile che siano sopravvissuti tanti giorni in quelle condizioni impossibili. Tutto vero, per carità, ma forse è arrivato il momento di tacere e aspettare notizie verte. Certi post carichi di veleno o arroganza non sono adatti a un momento così drammatico, sopratuttto per le famiglie dei dispersi. 

 Il coraggio e la professionalità di Alex Txikon e degli altri componenti della squadra di ricerca ha portato a un risultato insperato, sperando in una conferma nelle prossime ore. ma In Pakistan è già tardo pomeriggio e solo domani si saprà qualcosa di certo. L'imbuto del Mummery riceve poche ore di luce perchè il sole non riesce a superare a lungo i crinali più elevati.

 
 

Asia
100 giorni alle Olimpiadi,
e il Giappone è in ritardo
100 giorni alle Olimpiadi,<br>e il Giappone è in ritardo
L’1% della popolazione è stata vaccinata, e ai volontari dei giochi è stato detto che avranno due mascherine e del disinfettante. I timori per un evento che può diventare un velocissimo diffusore di nuove varianti in tutto il mondo
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
Ad un anno di distanza dall’ultima provocazione, Pyongyang ha lanciato due missili balistici verso il mar del Giappone. Immediata la reazione di Corea del Sud e Giappone: Biden deve ancora pronunciarsi
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Lo scorso anno si è chiuso con la cifra più alta mai raggiunta dal 1980, da quando sono iniziate le statistiche. Per gli esperti non è chiaro quanto il lockdown abbia influito, ma sono pronte diverse contromisure per invertire la tendenza
L’ONU accusa: gli hacker di Kim rubano capitali
L’ONU accusa: gli hacker di Kim rubano capitali
La Corea del Nord, ormai ridotta allo stremo, avrebbe trovato il modo di accumulare capitali attraverso una fitta attività di furti online
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Pechino usa la mano dura e avverte che i tentativi di indipendenza “significano guerra”, mentre gli Stati Uniti promettono sostegno, alzando alle stelle la tensione
Arrestato il re della metanfetamina
Arrestato il re della metanfetamina
Tse Chi Lop, narcotrafficante di origine cino-canadese, è accusato di gestire uno dei più grandi cartelli di metanfetamine del mondo, con giro d’affari di 60 miliardi di dollari all’anno
L’ultima speranza di Aslinda
L’ultima speranza di Aslinda
Una donna di Singapore sta per essere giustiziata in Cina per traffico di droga. La famiglia lancia un ultimo disperato appello
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Quasi azzerati gli scambi commerciali con al Cina, l’unico Paese con cui Pyongyang aveva rapporti. Per gli esperti la decisione porterà a carenze di farmaci, cibo e carburante, ma dimostra quanto la situazione sia fuori controllo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Il governo gioca il rilancio turistico della città del Covid-19, dove la normalità sembra ormai riconquistata in pieno, alzando il sospetto che in Cina il vaccino sia ormai realtà
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito