Non perseguitava i dissidenti cinesi
ex capo (cinese) Interpol rischia l'ergastolo

| Meng Hongwei, il primo capo cinese dell'Interpol, è in carcere con l'accusa di corruzione ma la sua vera "colpa" e di non avere usato la sua posizione per colpire i nemici di Xi rifugiati in Occidente

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

L'ex presidente dell'Interpol Meng Hongwei, il primo dirigente cinese ad assumere questo incarico, ha confessato di aver accettato più di 2 milioni di dollari di tangenti e ha espresso rammarico per il suo crimine, ha detto un tribunale cinese giovedì. La corte della città portuale nordorientale di Tianjin ha detto che Meng ha letto una dichiarazione contenente la confessione ad un’udienza. Ma in realtà, secondo molti analisti, dietro l'arresto di Meng, c'è una ragione precisa: nel ruolo che stava rivestendo, con grande professionalità e serietà, era considerato uno dei più imprtanti einvestigatori cinesi, si era rifiutato di perseguitare i dissidenti cinesi in Occidente, approfittando della sua posizione, e di investigare su di loro. Da qui la vendetta e le "false accuse" montate dal regime contro di lui. Le "confessioni", in puro stile staliniano, servono solo per tentare di evitare la fucilazione.

Eletto presidente dell'organizzazione internazionale di polizia nel 2016, Meng è scomparso in carcere dopo essere stato in Cina dalla Francia alla fine di settembre. L'Interpol non è stata informata della detenzione di Meng ed è stata costretta a chiedere alla Cina dove si trovava. In una dichiarazione dei primi di ottobre, le autorità cinesi hanno ammesso di detenere Meng e il ministero cinese della pubblica sicurezza ha detto che è stato indagato per aver accettato tangenti. Una confessione assicura una condanna, ma non era immediatamente chiaro quando la sentenza. Le confessioni, spesso trasmesse in televisione, sono diventate un segno distintivo del governo del presidente Xi Jinping. L'ammissione di colpa e l'espressione di rammarico possono portare a pene leggermente più leggere, anche se la Cina è stata rapida a emettere condanne a vita per corruzione nel quadro di una campagna condotta direttamente dal presidente Xi Jinping. La moglie di Meng, Grace, è rimasta in Francia, dove Meng era di stanza per l'Interpol di Lione, e ha accusato le autorità cinesi di aver creato un "caso falso" contro di lui per motivi politici. Il tribunale di Tianjin ha detto che Meng ha abusato delle sue posizioni, anche come vice ministro della pubblica sicurezza e capo della polizia marittima, per prendere tangenti. Meng è apparso in televisione con una semplice giacca a vento marrone e affiancato da due ufficiali giudiziari, più vecchio e più grigio quando era considerato uno dei migliori ufficiali di polizia della nazione. È già stato licenziato dalle sue posizioni e cacciato dal Partito Comunista. Mentre prestava servizio presso l'Interpol, Meng aveva mantenuto il suo titolo di vice ministro della pubblica sicurezza.

Asia
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
Ad un anno di distanza dall’ultima provocazione, Pyongyang ha lanciato due missili balistici verso il mar del Giappone. Immediata la reazione di Corea del Sud e Giappone: Biden deve ancora pronunciarsi
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Lo scorso anno si è chiuso con la cifra più alta mai raggiunta dal 1980, da quando sono iniziate le statistiche. Per gli esperti non è chiaro quanto il lockdown abbia influito, ma sono pronte diverse contromisure per invertire la tendenza
L’ONU accusa: gli hacker di Kim rubano capitali
L’ONU accusa: gli hacker di Kim rubano capitali
La Corea del Nord, ormai ridotta allo stremo, avrebbe trovato il modo di accumulare capitali attraverso una fitta attività di furti online
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Pechino usa la mano dura e avverte che i tentativi di indipendenza “significano guerra”, mentre gli Stati Uniti promettono sostegno, alzando alle stelle la tensione
Arrestato il re della metanfetamina
Arrestato il re della metanfetamina
Tse Chi Lop, narcotrafficante di origine cino-canadese, è accusato di gestire uno dei più grandi cartelli di metanfetamine del mondo, con giro d’affari di 60 miliardi di dollari all’anno
L’ultima speranza di Aslinda
L’ultima speranza di Aslinda
Una donna di Singapore sta per essere giustiziata in Cina per traffico di droga. La famiglia lancia un ultimo disperato appello
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Quasi azzerati gli scambi commerciali con al Cina, l’unico Paese con cui Pyongyang aveva rapporti. Per gli esperti la decisione porterà a carenze di farmaci, cibo e carburante, ma dimostra quanto la situazione sia fuori controllo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Il governo gioca il rilancio turistico della città del Covid-19, dove la normalità sembra ormai riconquistata in pieno, alzando il sospetto che in Cina il vaccino sia ormai realtà
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim
Le celebrazioni per i 75 anni della nascita del Partito avrebbero dovuto coincidere con l'avvento di un Paese ricco e civilizzato promesso dal piccolo leader 5 anni fa. Ma non è andata così