Non perseguitava i dissidenti cinesi
ex capo (cinese) Interpol rischia l'ergastolo

| Meng Hongwei, il primo capo cinese dell'Interpol, è in carcere con l'accusa di corruzione ma la sua vera "colpa" e di non avere usato la sua posizione per colpire i nemici di Xi rifugiati in Occidente

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

L'ex presidente dell'Interpol Meng Hongwei, il primo dirigente cinese ad assumere questo incarico, ha confessato di aver accettato più di 2 milioni di dollari di tangenti e ha espresso rammarico per il suo crimine, ha detto un tribunale cinese giovedì. La corte della città portuale nordorientale di Tianjin ha detto che Meng ha letto una dichiarazione contenente la confessione ad un’udienza. Ma in realtà, secondo molti analisti, dietro l'arresto di Meng, c'è una ragione precisa: nel ruolo che stava rivestendo, con grande professionalità e serietà, era considerato uno dei più imprtanti einvestigatori cinesi, si era rifiutato di perseguitare i dissidenti cinesi in Occidente, approfittando della sua posizione, e di investigare su di loro. Da qui la vendetta e le "false accuse" montate dal regime contro di lui. Le "confessioni", in puro stile staliniano, servono solo per tentare di evitare la fucilazione.

Eletto presidente dell'organizzazione internazionale di polizia nel 2016, Meng è scomparso in carcere dopo essere stato in Cina dalla Francia alla fine di settembre. L'Interpol non è stata informata della detenzione di Meng ed è stata costretta a chiedere alla Cina dove si trovava. In una dichiarazione dei primi di ottobre, le autorità cinesi hanno ammesso di detenere Meng e il ministero cinese della pubblica sicurezza ha detto che è stato indagato per aver accettato tangenti. Una confessione assicura una condanna, ma non era immediatamente chiaro quando la sentenza. Le confessioni, spesso trasmesse in televisione, sono diventate un segno distintivo del governo del presidente Xi Jinping. L'ammissione di colpa e l'espressione di rammarico possono portare a pene leggermente più leggere, anche se la Cina è stata rapida a emettere condanne a vita per corruzione nel quadro di una campagna condotta direttamente dal presidente Xi Jinping. La moglie di Meng, Grace, è rimasta in Francia, dove Meng era di stanza per l'Interpol di Lione, e ha accusato le autorità cinesi di aver creato un "caso falso" contro di lui per motivi politici. Il tribunale di Tianjin ha detto che Meng ha abusato delle sue posizioni, anche come vice ministro della pubblica sicurezza e capo della polizia marittima, per prendere tangenti. Meng è apparso in televisione con una semplice giacca a vento marrone e affiancato da due ufficiali giudiziari, più vecchio e più grigio quando era considerato uno dei migliori ufficiali di polizia della nazione. È già stato licenziato dalle sue posizioni e cacciato dal Partito Comunista. Mentre prestava servizio presso l'Interpol, Meng aveva mantenuto il suo titolo di vice ministro della pubblica sicurezza.

Asia
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
È finita la fiaba del sultano e la modella
È finita la fiaba del sultano e la modella
L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality