Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim

| Le celebrazioni per i 75 anni della nascita del Partito avrebbero dovuto coincidere con l'avvento di un Paese ricco e civilizzato promesso dal piccolo leader 5 anni fa. Ma non è andata così

+ Miei preferiti
In Corea del Nord è il grande giorno del 75esimno anniversario della nascita del Partito dei lavoratori. Le immagini satellitari parlano di una superparata con 32mila soldati schierati e la probabile esibizione di nuove armi nucleari, la solita ostentazione della forza militare e devozione al leader supremo, Kim Yong-un, dato per morto o grave almeno quattro, cinque volte all’anno.

Ma non è tutto oro quel che luccica, nemmeno per il piccolo dittatore asiatico. Il 10 ottobre 2020 avrebbe dovuto essere la sua consacrazione definitiva, iniziata il 7 maggio del 2016, quando si era rivolto ai 25 milioni di nordcoreani lanciandosi in promesse assai coraggiose. In cinque anni, i mezzi di sussistenza di tutti i nordcoreani sarebbero notevolmente migliorati, la Corea del Nord sarebbe diventato un “Paese socialista altamente civilizzato” il cui popolo avrebbe goduto delle “condizioni e dell’ambiente migliore per condurre una esistenza agiata e altamente civilizzata”.

L’obiettivo era ambizioso, al limite dell’impossibile. All’epoca, la Corea del Nord era uno dei Paesi più poveri del mondo, costretto ad arrancare da sanzioni economiche che punivano l’ostinato desiderio di un programma nucleare. La visione economica delineata da Kim nel 2016, primo congresso del Partito dei Lavoratori dal 1980 - non era supportata da alcun dettaglio se non da un vago piano quinquennale che, alla luce dei fatti, in cinque anni non ha portato a cambiamenti politici e sociali degni di nota. Lo ha ammesso lo stesso Kim a metà agosto: il piano è fallito. Salvo poi addossare la colpa alle “sfide inaspettate e inevitabili sotto vari aspetti e alla situazione politica che circonda la penisola coreana”, hanno scritto i media di Stato senza specificare a quali sfide si riferisce.

Il programma nucleare della Nordcoreano è stato assai costoso a livello sociale, e ogni test atomico è stato visto dalla comunità internazionale come una provocazione che ha portato a risoluzioni sempre più punitive del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. All’inizio, si trattava di sanzioni che riguardavano per lo più le capacità di produrre armi, ma nel 2017 la comunità internazionale ha castigato i commerci con l’estero, nella speranza che le misure fossero sufficienti a soffocare l’economia al punto da costringere Kim al tavolo delle trattative.

Quando è arrivato il momento del suo discorso, nel gennaio 2018, Kim ha cambiato marcia: si è detto pronto ad abbracciare la via diplomatica e in soli sei mesi è passato da dittatore assoluto a statista pronto a incontrare senza timori i leader di Cina, Corea del Sud, Singapore e Stati Uniti.

Cosa esattamente abbia motivato Kim a fermare i test sulle armi e a uscire dall’isolamento è ancora oggetto di dibattito. L’amministrazione Trump sostiene che le sanzioni non hanno dato a Kim altra scelta se non quella di negoziare. E Kim, d’altra parte, aveva confermato che il suo Paese non aveva più bisogno di test sulle armi perché il programma nucleare era stato completato.

Ma il fallimento delle trattative con gli Stati Uniti, l’infuriare della pandemia e le sanzioni ancora in vigore, l’obiettivo di Kim di dare alla sua gente un’esistenza agiata stava fallendo miseramente.

Galleria fotografica
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim - immagine 1
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim - immagine 2
Nordcorea, nello sfarzo delle parate i fallimenti di Kim - immagine 3
Asia
Arrestato il re della metanfetamina
Arrestato il re della metanfetamina
Tse Chi Lop, narcotrafficante di origine cino-canadese, è accusato di gestire uno dei più grandi cartelli di metanfetamine del mondo, con giro d’affari di 60 miliardi di dollari all’anno
L’ultima speranza di Aslinda
L’ultima speranza di Aslinda
Una donna di Singapore sta per essere giustiziata in Cina per traffico di droga. La famiglia lancia un ultimo disperato appello
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Quasi azzerati gli scambi commerciali con al Cina, l’unico Paese con cui Pyongyang aveva rapporti. Per gli esperti la decisione porterà a carenze di farmaci, cibo e carburante, ma dimostra quanto la situazione sia fuori controllo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Il governo gioca il rilancio turistico della città del Covid-19, dove la normalità sembra ormai riconquistata in pieno, alzando il sospetto che in Cina il vaccino sia ormai realtà
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito
Trovato morto il sindaco di Seul
Trovato morto il sindaco di Seul
Park Won-soon aveva fatto perdere le proprie tracce lasciando un biglietto di addio: la polizia ha rinvenuto il corpo senza vita in un bosco. Si sospetta che alla base del gesto ci sia la denuncia per stupro di una segretaria comunale
Il tifone di Natale sulle Filippine
Il tifone di Natale sulle Filippine
Si chiama “Phanfone”, ha iniziato ad abbattersi dalle prime ore di ieri e non si sposterà fino a domani. Migliaia di persone evacuate e turisti in apprensione
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine