RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI
Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese

| Oltre un milione di persone protestano da giorni contro una legge toglierebbe alla città lo status di particolare indipendenza di cui gode, uniformandola al resto del paese

+ Miei preferiti
Il timore delle autorità è che le proteste di questi giorni a Hong Kong siano una replica di quelle del 1997, con un milione di persone scese in piazza, e quella dell’autunno del 2014, quando il “Movimento degli Ombrelli” riuscì a paralizzare l’immensa metropoli per 79 giorni.

E questa volta, se possibile, le premesse sono perfino peggiori. Tutto è esploso la scorsa domenica, quando migliaia di giovani si sono riversati sulle strade per dire no ad una legge che autorizza le estradizioni senza giusto processo, verso paesi con cui non ci sono accordi, compresa la stessa Cina, paese sotto la cui sovranità Hong Kong è tornata dal 1997, dopo il lungo periodo storico come colonia britannica.

A fare da miccia alle tensioni un caso che ha evidenziato quello che è definito “un vuoto normativo”: la vicenda di un cittadino di Hong Kong accusato di omicidio e per cui Taiwan ha richiesto l’estradizione. Secondo tanti, tantissimi, si tratterebbe soltanto di un pretesto per accontentare precise richieste di Pechino, facendo piombare Hong Kong – che fino al 2047 ha ottenuto una sorta di semi-autonomia – nel fumoso e spietato sistema giudiziario cinese. A dimostrare la tesi dei manifestanti ci sarebbe la scomparsa improvvisa dalla circolazione di alcune personalità e intellettuali, ricomparse qualche settimana dopo dietro le sbarre di una prigione cinese.

Decine di migliaia di dimostranti, molti vestiti di nero e per lo più giovani, da giorni non solo paralizzano la metropoli asiatica, ma hanno anche tentato più volte di fare irruzione all’interno del parlamento, provocando la reazione delle forze dell’ordine. Al momento, secondo fonti ufficiali, si contano 72 feriti, di cui almeno un a ventina sono agenti. Accusati di aver utilizzato lacrimogeni, fumogeni, idranti e proiettili di gomma, la polizia si è difesa attraverso le parole del responsabile, Stephen Lo, che ha riferito di “essere stato costretto a usare metodi dissuasivi”.

Carrie Lam, la governatrice di Hong Kong, al momento continua ad escludere in modo categorico l’idea di ritirare il testo di legge, preferendo spostare l’attenzione su “proteste e violenze inaccettabili che danneggiano la società ignorando la legge e la disciplina”.

Galleria fotografica
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI<br>Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese - immagine 1
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI<br>Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese - immagine 2
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI<br>Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese - immagine 3
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI<br>Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese - immagine 4
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI<br>Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese - immagine 5
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI<br>Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese - immagine 6
RIVOLTA CONTRO I COMUNISTI<br>Hong Kong in piazza contro il governatore filo-cinese - immagine 7
Asia
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Giappone, record di suicidi tra i giovanissimi
Il numero più alto dal 1937, mentre cala il numero di adulti. In maggioranza studenti delle superiori. Colpa anche del "bullismo"
È finita la fiaba del sultano e la modella
È finita la fiaba del sultano e la modella
L’ex sultano del Kelatan, dopo aver abdicato per sposare l’ex miss Russia, ha chiesto il divorzio dopo appena sei mesi. Lei è stata beccata a intrattenersi con un giovane russo durante un reality
Cina sotto choc, Zixin è morta
Cina sotto choc, Zixin è morta
La polizia ha trovato il corpo della bimba, 9 anni, nelle acque di Shipu. Si chiude così il mistero della scolara rapita da una misteriosa coppia che si era poi suicidata in un lago. Tutti speravano fosse ancora viva