"Uccisi dal vento e dal freddo"

| Alex Txikon, l'alpinista basco che ha individuato i corpi sul Mummery è sicuro: "Stavano preparando le corde per scendere, il gelo li ha fulminati, il momento più triste è stato informare le famiglie, erano bravi alpinisti. Succede"

+ Miei preferiti

Alex Txikon, con gli alpinisti Ignacio De Zuloaga, Felix Criado e Josep Sanchis ha scoperto i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard. Aver rinunciato alla salita  al k2 di inverno, preparata per mesi, non gli pesa. "Prima vengono loro, ritenteremo...", racconta in un'intervista alla Gazzett.it. Uccisi, probabilmente, da una tempesta di vento, con le temperature spaventose del Nanga in inverno - Simone More disse che, durante la salita del 2016 il termometro di notte si era fermato a - 57 gradi - che potrebbero averli resi inerti in poco tempo, mentre stavano allestendo le corde doppie per scendere, precipitando nel vuoto anche se per pochi metri. Morti per ipotermia. "Siamo sereni per il lavoro svolto, era come cercare un ago in un pagliaio. Così, le famiglie, ora potranno elaborare il lutto...". "Il 5 marzo, esplorando la parete con il binocolo, - ha detto alla Gazzetta.it -  avevo visto qualcosa. Dopo aver parlato col fratello di Daniele, Claudio Legrand Nardi, il 6 siamo andati alla via Kinshofer, al mattino molto presto e scendendo li abbiamo visti. La prima cosa che ho fatto è stato localizzarli. Li abbiamo visti molto chiaramente, intorno ai 6000 metri. Eravamo in 12 al campo base e tutti abbiamo certificato che Tom e Daniele stavano mettendo le corde fisse. Credo sia prematuro parlare di quanto è successo, ma nell’ultima conversazione, il 24 sera, Daniele aveva detto che faceva molto freddo e c’erano folate di vento molto forti. Avevano attrezzato fino a 6300 metri e stavano per scendere a campo 4 per riposare e passare la notte. Nella discesa il vento deve averli presi e a quell’ora, complici la grande stanchezza e le condizioni così avverse, la situazione deve essere diventata una trappola mortale...sapevamo che era difficile trovarli in vita e quindi in realtà eravamo lì per fornire informazioni. Era come trovare un ago in un pagliaio. Perciò eravamo soddisfatti, ma nello stesso sono stati momenti complicati, emozioni difficile da assimilare. Sia per le circostanze in cui si trovano i corpi, sia per il dover dare la notizia alle famiglie. Molto difficile parlare con chi in quelle ore stava soffrendo. Dover trasmettere la realtà e la crudezza delle immagini. Non è stato per niente facile, soprattutto avendo scalato con Daniele e sapendo che aveva tutta la vita davanti ed era appena diventato padre. Tom era ancora più giovane. E poi stare al campo base smontando le loro tende, avendo cura delle loro cose, che ancora sono con noi qui a Skardu… Quindi ti passano tante cose per la testa... per qualche momento ho pensato che potessere essere vivi, perché si tratta di alpinisti forti e soprattutto esperti. Daniele è stato 5 volte allo Sperone. Sono d’accordo con Claudio: mi ha detto che Daniele gli ripeteva che, una volta arrivati al campo 3, la via era sicura. Ci sono canaloni dove non c’è il pericolo di valanghe". E Nardi?"Mi sono venuti in mente molti ricordi di quando abbiamo scalato insieme. Soprattutto ho pensato alla spedizione invernale del 2015-16. Ma ancora più a quella dell’anno prima. A marzo del 2015 siamo arrivati vicinissimi alla cima del Nanga, noi insieme a Muhammad Ali. Se quell’anno ce l’avessimo fatta, forse non sarebbe successo niente: né la salita dell’anno dopo, né staremmo dove siamo e non parleremmo di quello che ci stiamo dicendo. Sono molto triste per la famiglia di Daniele e nel pensare a Tom, che ha sua madre sul K2 e ora lui è qui sul Nanga Parbat.

 

Video
Asia
100 giorni alle Olimpiadi,
e il Giappone è in ritardo
100 giorni alle Olimpiadi,<br>e il Giappone è in ritardo
L’1% della popolazione è stata vaccinata, e ai volontari dei giochi è stato detto che avranno due mascherine e del disinfettante. I timori per un evento che può diventare un velocissimo diffusore di nuove varianti in tutto il mondo
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
La Corea del Nord lancia due missili verso il Giappone
Ad un anno di distanza dall’ultima provocazione, Pyongyang ha lanciato due missili balistici verso il mar del Giappone. Immediata la reazione di Corea del Sud e Giappone: Biden deve ancora pronunciarsi
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Giappone: ondata di suicidi fra adolescenti
Lo scorso anno si è chiuso con la cifra più alta mai raggiunta dal 1980, da quando sono iniziate le statistiche. Per gli esperti non è chiaro quanto il lockdown abbia influito, ma sono pronte diverse contromisure per invertire la tendenza
L’ONU accusa: gli hacker di Kim rubano capitali
L’ONU accusa: gli hacker di Kim rubano capitali
La Corea del Nord, ormai ridotta allo stremo, avrebbe trovato il modo di accumulare capitali attraverso una fitta attività di furti online
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Venti di guerra fra Cina e Taiwan
Pechino usa la mano dura e avverte che i tentativi di indipendenza “significano guerra”, mentre gli Stati Uniti promettono sostegno, alzando alle stelle la tensione
Arrestato il re della metanfetamina
Arrestato il re della metanfetamina
Tse Chi Lop, narcotrafficante di origine cino-canadese, è accusato di gestire uno dei più grandi cartelli di metanfetamine del mondo, con giro d’affari di 60 miliardi di dollari all’anno
L’ultima speranza di Aslinda
L’ultima speranza di Aslinda
Una donna di Singapore sta per essere giustiziata in Cina per traffico di droga. La famiglia lancia un ultimo disperato appello
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Kim Jong-un chiude tutto, causa pandemia
Quasi azzerati gli scambi commerciali con al Cina, l’unico Paese con cui Pyongyang aveva rapporti. Per gli esperti la decisione porterà a carenze di farmaci, cibo e carburante, ma dimostra quanto la situazione sia fuori controllo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Wuhan, da epicentro del virus a capitale del turismo
Il governo gioca il rilancio turistico della città del Covid-19, dove la normalità sembra ormai riconquistata in pieno, alzando il sospetto che in Cina il vaccino sia ormai realtà
Thailandia, il popolo contro il re
Thailandia, il popolo contro il re
È una rivolta che non ha precedenti guidata dai giovani, che pretendono di vivere in un Paese democratico in cui il sovrano deve rispondere davanti alla legge e al popolo. Ma si teme la dura repressione della polizia e dell’esercito