"Uccisi dal vento e dal freddo"

| Alex Txikon, l'alpinista basco che ha individuato i corpi sul Mummery è sicuro: "Stavano preparando le corde per scendere, il gelo li ha fulminati, il momento più triste è stato informare le famiglie, erano bravi alpinisti. Succede"

+ Miei preferiti

Alex Txikon, con gli alpinisti Ignacio De Zuloaga, Felix Criado e Josep Sanchis ha scoperto i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard. Aver rinunciato alla salita  al k2 di inverno, preparata per mesi, non gli pesa. "Prima vengono loro, ritenteremo...", racconta in un'intervista alla Gazzett.it. Uccisi, probabilmente, da una tempesta di vento, con le temperature spaventose del Nanga in inverno - Simone More disse che, durante la salita del 2016 il termometro di notte si era fermato a - 57 gradi - che potrebbero averli resi inerti in poco tempo, mentre stavano allestendo le corde doppie per scendere, precipitando nel vuoto anche se per pochi metri. Morti per ipotermia. "Siamo sereni per il lavoro svolto, era come cercare un ago in un pagliaio. Così, le famiglie, ora potranno elaborare il lutto...". "Il 5 marzo, esplorando la parete con il binocolo, - ha detto alla Gazzetta.it -  avevo visto qualcosa. Dopo aver parlato col fratello di Daniele, Claudio Legrand Nardi, il 6 siamo andati alla via Kinshofer, al mattino molto presto e scendendo li abbiamo visti. La prima cosa che ho fatto è stato localizzarli. Li abbiamo visti molto chiaramente, intorno ai 6000 metri. Eravamo in 12 al campo base e tutti abbiamo certificato che Tom e Daniele stavano mettendo le corde fisse. Credo sia prematuro parlare di quanto è successo, ma nell’ultima conversazione, il 24 sera, Daniele aveva detto che faceva molto freddo e c’erano folate di vento molto forti. Avevano attrezzato fino a 6300 metri e stavano per scendere a campo 4 per riposare e passare la notte. Nella discesa il vento deve averli presi e a quell’ora, complici la grande stanchezza e le condizioni così avverse, la situazione deve essere diventata una trappola mortale...sapevamo che era difficile trovarli in vita e quindi in realtà eravamo lì per fornire informazioni. Era come trovare un ago in un pagliaio. Perciò eravamo soddisfatti, ma nello stesso sono stati momenti complicati, emozioni difficile da assimilare. Sia per le circostanze in cui si trovano i corpi, sia per il dover dare la notizia alle famiglie. Molto difficile parlare con chi in quelle ore stava soffrendo. Dover trasmettere la realtà e la crudezza delle immagini. Non è stato per niente facile, soprattutto avendo scalato con Daniele e sapendo che aveva tutta la vita davanti ed era appena diventato padre. Tom era ancora più giovane. E poi stare al campo base smontando le loro tende, avendo cura delle loro cose, che ancora sono con noi qui a Skardu… Quindi ti passano tante cose per la testa... per qualche momento ho pensato che potessere essere vivi, perché si tratta di alpinisti forti e soprattutto esperti. Daniele è stato 5 volte allo Sperone. Sono d’accordo con Claudio: mi ha detto che Daniele gli ripeteva che, una volta arrivati al campo 3, la via era sicura. Ci sono canaloni dove non c’è il pericolo di valanghe". E Nardi?"Mi sono venuti in mente molti ricordi di quando abbiamo scalato insieme. Soprattutto ho pensato alla spedizione invernale del 2015-16. Ma ancora più a quella dell’anno prima. A marzo del 2015 siamo arrivati vicinissimi alla cima del Nanga, noi insieme a Muhammad Ali. Se quell’anno ce l’avessimo fatta, forse non sarebbe successo niente: né la salita dell’anno dopo, né staremmo dove siamo e non parleremmo di quello che ci stiamo dicendo. Sono molto triste per la famiglia di Daniele e nel pensare a Tom, che ha sua madre sul K2 e ora lui è qui sul Nanga Parbat.

 

Video
Asia
Trovato morto il sindaco di Seul
Trovato morto il sindaco di Seul
Park Won-soon aveva fatto perdere le proprie tracce lasciando un biglietto di addio: la polizia ha rinvenuto il corpo senza vita in un bosco. Si sospetta che alla base del gesto ci sia la denuncia per stupro di una segretaria comunale
Il tifone di Natale sulle Filippine
Il tifone di Natale sulle Filippine
Si chiama “Phanfone”, ha iniziato ad abbattersi dalle prime ore di ieri e non si sposterà fino a domani. Migliaia di persone evacuate e turisti in apprensione
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
Cina: cresce la febbre del gioco d’azzardo
La legge lo vieta, ma migliaia di casinò clandestini online soddisfano l’antica passione dei cinesi per l’azzardo e le scommesse. Pechino studia le contromosse per fermare un business enorme
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
I ribelli di Hong Kong hanno vinto
La resa di Carrie Lam, che annuncia il ritiro della legge sull’estradizione, non basta ai manifestanti: pretendono l’amnistia per le migliaia di persone arrestate durante gli scontri e il suffragio universale
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Hong Kong, un milione in piazza ma senza violenza
Non si placano le proteste nella città cinese, anche se per la prima volta non si registrano provocazioni verso le forze dell’ordine
Hong Kong, la marcia dei professori
Hong Kong, la marcia dei professori
Dopo le proteste degli studenti, tutt'altro che finite, marcia di protesta dei professori. In tremila hanno sfidato la polizia
Il Re sposa l'amante davanti alla moglie-regina
Il Re sposa l
Il coraggioso re della Thailandia ha sposato la sua amante storico, con al fianco la regina, sua moglie, impassibile davanti alla sua rivale in ginocchio ai piedi del marito. Cerimonia senza precedenti, la bella Sineenat pure premiata
Impiccati due uomini in Giappone
Impiccati due uomini in Giappone
Ufficialmente sono le prime esecuzioni del 2019: in genere il Paese asiatico esegue le pene capitali in gran segreto, dandone notizia solo dopo
Morto Li Peng, il 'macellaio' di piazza Tienanmen
Morto Li Peng, il
L'agenzia di stato cinese ne celebra la vita e le imprese, proprio nei giorni della rivolta di Hong Kong. Aveva 90 anni e fu primo ministro per 11. Istituì la legge marziale per cui morirono migliaia di giovani
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Dietro la morte della piccola Zixin il traffico di bambini
Il tragico caso che ha scosso la Cina potrebbe essere collegato con i rapimenti di bambini nelle aree rurali. Migliaia di bambini venduti per adozioni in Occidente o uccisi per prelevare organi. Il ruolo dei rapitori della bimba