All’asta il cronografo di Steve McQueen

| Indossato nel celebre “Le Mans”, pellicola del 1971, ea stato donato dall’attore al capo meccanico al termine delle riprese. Uno degli orologi più iconici della storia, sarà battuto il prossimo 12 dicembre a New York

+ Miei preferiti
Non è un segreto: Steve McQueen era perdutamente innamorato di tutto ciò che fosse mosso da un motore a scoppio. Dalla leggendaria “Mustang” del poliziesco “Bullit” all’altrettanto epica “Triumph” utilizzata ne “La Grande Fuga”. Nel 1971, dopo aver prestato il volto a personaggi di ogni tipo, finalmente McQueen riesce a mettere insieme la passione per i motori e l’arte della recitazione: diventa il protagonista di “Le Mans”, pellicola diretta da Lee H. Katzin e realizzata sul celebre circuito francese nel corso della 24 del 1970. Racconta la storia di Michael Delaney, pilota della scuderia “Porsche” che oltre a sfidare il rivale della “Ferrari”, gareggia contro se stesso e i terribili ricordi del grave incidente di cui era stato vittima l’anno precedente. Una produzione imponente, con 7,5 milioni di budget, che serviranno a poco: sarà uno dei maggiori flop nella carriera dell’attore, condannato tanto dalla critica quanto dal box office.

Ma non sono solo le auto a contendersi la scena: per tutta la durata del film, Steve McQueen indossa al polso il cronografo “Monaco” della “Heuer”, che diventa ben presto uno degli oggetti di culto per collezionisti, fan dell’attore e cacciatori di reliquie hollywoodiane.

Tutto questo spiega l’attesa spasmodica delle ore che ancora mancano al 12 dicembre prossimo, quando aprirà la “Racing Pulse”, asta ospitata dalla “Phillips” e nata dalla collaborazione con la “Bars & Russo”. Quel giorno, il cronografo originale indossato sul set da McQueen andrà all’asta, per una cifra che si suppone sarà stratosferica.

A mettere all’asta l’orologio è Haig Alltounian, capo meccanico delle vetture utilizzate personalmente da McQueen durante le riprese, a cui Steve l’aveva donato al termine del film: sul fondello del cronografo, si legge l’incisione “To Haig Le Mans 1970”.

“L’Heuer Monaco sarà sempre associato al fascino e all’emozione delle corse automobilistiche. Siamo onorati di offrire questo Monaco storico, indossato da Steve McQueen e regalato ad Haig Alltounian nel 1970 durante le riprese di Le Mans – dichiara Paul Boutros, responsabile di Phillips Watches Americas - conservato in condizioni superbe e originali, con l’incisione sul fondello oggi ancora perfettamente nitida, può certamente essere considerato come uno dei più importanti orologi da polso Heuer di tutti i tempi. Indossato al polso di McQueen mentre guidava la Porsche 917 del film a velocità superiori ai 320 km/h, la sua incredibile provenienza, il suo meraviglioso stato di conservazione e la sua storia adrenalinica ne fanno un orologio per veri intenditori”.

Lo stesso giorno, all’asta andrà anche il così detto “Big Red”, il “Rolex Cosmograph Dayton 6263” regalato a Paul Newman dalla moglie, Joanne Woodward. Un altro pezzo unico che per lungo tempo è stato conservato dalla figlia Clea, che sul fondello più che una dedica ha una raccomandazione: “Drive slowly, Joanne”, guida piano, te lo chiede tua moglie.

Galleria fotografica
All’asta il cronografo di Steve McQueen - immagine 1
All’asta il cronografo di Steve McQueen - immagine 2
All’asta il cronografo di Steve McQueen - immagine 3
All’asta il cronografo di Steve McQueen - immagine 4
Aste
Venduta all’asta la bozza finale di Colazione da Tiffany
Venduta all’asta la bozza finale di Colazione da Tiffany
Più che raddoppiata la base di partenza per il manoscritto finale di Truman Capote: poco prima di andare in stampa cambiò il nome della protagonista nel celebre Holly Golightly
La doppia aquila di Saint-Gaudens
La doppia aquila di Saint-Gaudens
La Casa d’Aste Pandolfini mette all’incanto fra il 23 novembre e il 3 dicembre quella che è considerata “la più bella moneta d’oro mai coniata in America”
A New York la prima asta dedicata alla cultura Hip Hop
A New York la prima asta dedicata alla cultura Hip Hop
All’incanto da Sotheby’s la corona indossata da Notorious B.I.G. tre giorni prima di essere ucciso, e 24 romantiche lettere d’amore scritte da Tupac Shakur a Katy, la sua fidanzatina del liceo
Beethoven secondo Andy Warhol all’asta da Sotheby’s
Beethoven secondo Andy Warhol all’asta da Sotheby’s
La serie completa di quattro litografie dedicate dal più celebre nome della pop-art al più grande fra i compositori vanno all’asta a Londra. Una rara occasione di vedere in vendita un set completo
All’asta il capolavoro di George Harrison
All’asta il capolavoro di George Harrison
Il testo di “While my guitar gently weeps”, scritto a mano da Harrison e con le correzioni di Ringo Starr, sta per andare all’incanto: si parte da 195mila dollari
All’asta la BMW su cui è morto Tupac Shakur
All’asta la BMW su cui è morto Tupac Shakur
È la vettura su cui il celebre rapper viaggiava come passeggero la notte fra il 7 e l’8 settembre del 1996. L’auto ha avuto diversi proprietari e l’ultimo ha voluto restaurarla, lasciando solo il segno di uno dei proiettili
La genesi di 007 nelle lettere di Ian Fleming e sua moglie Anne
La genesi di 007 nelle lettere di Ian Fleming e sua moglie Anne
Andranno all’asta fra pochi giorni da Sothebys’: rappresentano la fitta corrispondenza fra il creatore di James Bond e sua moglie. Oltre 160 lettere piene di tenerezze, accuse e insulti
Grease: gli abiti di Sandy all’asta
Grease: gli abiti di Sandy all’asta
Voluta da Olivia Newton-John per finanziare la propria clinica, l’asta ha messo all’incanto oltre 500 oggetti, ricordi e abiti appartenuti all’artista
All’asta il cardigan di Kurt Cobain
All’asta il cardigan di Kurt Cobain
Reso celebre da un’esibizione acustica per “MTV”, il maglione color verde marcio e con macchie originali, sta per andare all’asta per la seconda volta
All’asta 25 supercar del rampollo presidenziale
All’asta 25 supercar del rampollo presidenziale
Teodorin Nguema Obiang Mangue, figlio del presidente della Guinea Equatoriale Teodoro Obiang, è un personaggio noto alle procure di mezzo mondo. Il garage da sogno sequestrato dalle autorità svizzere per un giro di corruzione e riciclaggio