Australia, la figuraccia delle banconote

| Sulla nuova banconota da 50 dollari, qualcuno ha scoperto un “refuso”: una parola scritta in modo sbagliato. L’errore è stato corretto, ma ritirare 46 milioni di banconote sbagliate sarà impossibile

+ Miei preferiti
La figuraccia ormai c’è stata, e mezza Australia se la ride, mentre l’altra mezza grida allo scandalo. Succede che la “Reserve Bank of Australia”, alla fine di febbraio dello scorso anno ha dato il via alla stampa delle nuove banconote da 50 dollari australiani, senza accorgersi di un errore grossolano. La banconota presenta nel lato posteriore un’immagine dell’autore indigeno David Unaipon, mentre il dorso principale è dedicato alla figura di Edith Cowan, prima deputata donna mai ammessa al parlamento australiano. E quello che sull’edificio sullo sfondo sembra un semplice motivo architettonico, è in realtà un significativo passaggio del suo primissimo discorso in Parlamento, pronunciato nel 1921: “È una grande responsabilità essere qui, e voglio sottolineare l’importanza di esserci a nome di tutte le donne”. Peccato che la parola “responsibility” risulti “responsibilty”, senza la terza “i” che fa la differenza.



E di questo nulla sarebbe, se la banconota da 50 dollari, la più diffusa in Australia e anche quella più comunemente distribuita da bancomat e sportelli automatici, non fosse stata stampata in 46 milioni di esemplari, per un valore complessivo di 2,3 miliardi di dollari. Un errore che la banca centrale australiana ha ammesso e assicurato di correggere nelle stampe successive, ma anche che sarà difficile recuperare tutte le banconote sbagliate. Quelle fanno già gola ai collezionisti.

Galleria fotografica
Australia, la figuraccia delle banconote - immagine 1
Attualità
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Partita dalle coste inglesi, una bottiglia contenente pensieri e messaggi su una ragazzina morta nella strage, è stata ritrovata lungo le spiagge del Salento
Muore la regina del wrestling
Muore la regina del wrestling
Ashley Massaro, Dirty Diva, è morta in un ospedale di New York: la polizia sospetta un’overdose. Potente sul ring ma anche bella, aveva conquistato diverse copertine, compresa quella di Playboy
"Suicida perché era un pedofilo"
"Suicida perché era un pedofilo"
La moglie del suicida dopo un programma tv esulta sui social per la sua morte: "L'ho lasciato perché era un pedofilo, basta pietismo". Era andato in trasmissione per dimostrare alla nuova fidanzata che non l'aveva tradita
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
Un audio diffuso dai media americani, registrato poco dopo l’incidente del volo Lion Air, rivela un furioso incontro fra alcuni piloti e i responsabili della Boeing
La truffa del principe dei diamanti
La truffa del principe dei diamanti
Shimon Leviev si faceva chiamare così, spacciandosi per il figlio di un miliardario israeliano. Agiva su Tinder, e dopo aver conquistato le sue prede chiedeva soldi per ricominciare la commedia
It’s a boy!
It’s a boy!
Così recita il post su Instagram: l’annuncio euforico di papà Harry per la nascita dell’ottavo pronipote di Elisabetta II. Un ringraziamento pubblico alla forza di Meghan
Caitlin, la ragazza senza memoria
Caitlin, la ragazza senza memoria
Vittima di un incidente sportivo, ha subito un trauma all’ippocampo: ricorda dettagli del suo passato, ma ogni giorno non sa dire cosa le è successo il giorno prima
"Bruganelli, sei una burina arricchita"
"Bruganelli, sei una burina arricchita"
I post della moglie di Paolo Bonolis diventano un caso. Dopo l'incidente di Ciao Darwin (un uomo rischia la paralisi) pubblica le foto di costose borse Chanel, scatenando gli haters. A lezione da un vero ricco: "Primo, non ostentare"
Bérénice, la figlia del Bataclan
Bérénice, la figlia del Bataclan
È la figlia di Floriane e Johannes, che nel sangue del Bataclan hanno perso gli amori della loro vita. Hanno deciso di ricominciare insieme, per darsi tempo e speranza
Brunei: lapidare i gay è giusto
Brunei: lapidare i gay è giusto
In una lettera inviata alla UE, il ricchissimo sultano del paese del Borneo difende l’entrata in vigore delle regole della sharia che prevedono pesanti punizioni corporali per omosessuali e adulteri