Bérénice, la figlia del Bataclan

| È la figlia di Floriane e Johannes, che nel sangue del Bataclan hanno perso gli amori della loro vita. Hanno deciso di ricominciare insieme, per darsi tempo e speranza

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Bérénice non lo sa, ma senza il sangue del 13 novembre 2015, lei non ci sarebbe. Non ha colpe, anzi, è davvero il simbolo della vita che impone di andare avanti e dare un senso alle cose, per quanto ogni tanto il senso sia difficile trovarlo. Quella era la notte degli attentati di Parigi, la lunga scia di terrore seminata da sette terroristi dell’Isis che uno dopo l’altro colpiscono teatri, caffetterie e ristoranti seminando 137 morti e 368 feriti. Alle 21:48, tre di loro entrano nel teatro “Bataclan” di Boulevard Voltaire armati di AK47: aprono il fuoco sui 1.500 spettatori del concerto della band americana “Eagles of Death Metal”, lasciando a terra 90 persone. Fra di loro c’erano Renaud Le Guen, che a breve avrebbe dovuto sposare la sua Floriane, e Maud, da poco diventata la moglie di Johannes Baus.

Floriane e Johannes quella notte perdono un pezzo del loro futuro, fanno i conti con il destino, costretti a rimettere in piedi le loro esistenze raccogliendone i pezzetti, fra i sensi di colpa di sentirsi vivi e la rabbia, perché morire fa parte della vita, ma così no. Non ha senso.

Floriane era riuscita a nascondersi in un buco sul retro del teatro: aveva perso di vista Renaud quasi subito, sperava fosse riuscito a uscire in strada. Tocca a suo padre, il giorno dopo, dirle che l'uomo della sua vita non c’è più: si conoscevano da quando avevano 16 anni, tre settimane dopo avrebbero dovuto sposarsi. Per Johannes è lo stesso: nell’inferno del Bataclan riesce a sdraiarsi dietro il bancone del bar e stringe i pugni, implorando che Maud abbia fatto lo stesso. Anche a lui dicono solo il giorno dopo che sua moglie è morta.



Floriane e Johannes si conoscono durante una delle tante occasioni che radunano i superstiti, fra interrogatori, commemorazioni e serate di terapie psicologiche di gruppo. Iniziano a sentirsi, parlano la stessa lingua di chi non sa bene che farsene delle giornate, svuotate di tutto. Hanno in comune la paura di uscire di casa e dei posti affollati, il terrore che scatena qualsiasi rumore improvviso, l’angoscia di aver toccato con mano la morte, che chissà perché quella sera li ha solo sfiorati.

Si sposano nel 2017, e pochi mesi dopo nasce Bérénice: neanche il nome è un caso, significa “colei che porta la vittoria”. E quella bimba una vittoria lo è davvero: “Sulla vita e su ciò che abbiamo vissuto. Siamo fragili, ma ogni passo ci rende un po’ più forti e resistenti”. Oggi vivono in un appartamento alla periferia di Parigi con una grande vetrata: ogni giorno entra il sole, e un po’ di speranza.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Bérénice, la figlia del Bataclan - immagine 1
Bérénice, la figlia del Bataclan - immagine 2
Bérénice, la figlia del Bataclan - immagine 3
Attualità
Ritrovata la tomba di Cleopatra?
Ritrovata la tomba di Cleopatra?
Un’archeologa sudamericana è convinta di aver individuato il luogo dove riposa l’ultima regina d’Egitto. Si troverebbe in tempio di Alessandria, insieme a Marco Antonio
L’anno del #MeToo
L’anno del #MeToo
Il movimento scatenato dal caso Weinstein ha subito un paio di contraccolpi che sembravano averne minato la bontà, ma gli esperti concordano: le accuse si stanno trasformando in processi, e le aziende cambiano le loro politiche interne
Joker, un successo pericoloso
Joker, un successo pericoloso
La straordinaria interpretazione di Joaquin Phenix minacciata da una lettera dei familiari delle vittime del cinema di Aurora e da un allarme lanciato dall’FBI per possibili attentati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
Non è l’ammissione dell’esistenza di visitatori di altri pianeti, ma semplicemente l’impossibilità – al momento – di trovare una risposta scientifica ai fenomeni
E se domani salisse al potere Caligola?
E se domani salisse al potere Caligola?
Le confuse e violente successioni degli imperatori romani sembrano quanto più di distante possibile dalla nostra moderna democrazia. In realtà, senza ricorrere a veleni e pugnali, ancora oggi la politica utilizza i metodi di allora
Barcellona, boom di furti ai turisti
Barcellona, boom di furti ai turisti
Il capoluogo della Catalogna si sta guadagnando la fama di città fra le più violente e insicure al mondo: quasi 15mila fra furti e scippi ogni anno, e i cittadini si mobilitano
Notte di paura per un Bigfoot
Notte di paura per un Bigfoot
Una giovane coppia di fidanzati in campeggio nel Kentucky coinvolti nell’avvistamento della mostruosa creatura: un campeggiatore ha aperto il fuoco, ma loro non hanno visto nulla
Bravi da morire
Bravi da morire
Il passato turbolento di Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale-Hjorth, gli assassini del vice-brigadiere Cerciello Rega, ricostruito dal “San Francisco Chronicle”
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Partita dalle coste inglesi, una bottiglia contenente pensieri e messaggi su una ragazzina morta nella strage, è stata ritrovata lungo le spiagge del Salento
Muore la regina del wrestling
Muore la regina del wrestling
Ashley Massaro, Dirty Diva, è morta in un ospedale di New York: la polizia sospetta un’overdose. Potente sul ring ma anche bella, aveva conquistato diverse copertine, compresa quella di Playboy