Bérénice, la figlia del Bataclan

| È la figlia di Floriane e Johannes, che nel sangue del Bataclan hanno perso gli amori della loro vita. Hanno deciso di ricominciare insieme, per darsi tempo e speranza

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Bérénice non lo sa, ma senza il sangue del 13 novembre 2015, lei non ci sarebbe. Non ha colpe, anzi, è davvero il simbolo della vita che impone di andare avanti e dare un senso alle cose, per quanto ogni tanto il senso sia difficile trovarlo. Quella era la notte degli attentati di Parigi, la lunga scia di terrore seminata da sette terroristi dell’Isis che uno dopo l’altro colpiscono teatri, caffetterie e ristoranti seminando 137 morti e 368 feriti. Alle 21:48, tre di loro entrano nel teatro “Bataclan” di Boulevard Voltaire armati di AK47: aprono il fuoco sui 1.500 spettatori del concerto della band americana “Eagles of Death Metal”, lasciando a terra 90 persone. Fra di loro c’erano Renaud Le Guen, che a breve avrebbe dovuto sposare la sua Floriane, e Maud, da poco diventata la moglie di Johannes Baus.

Floriane e Johannes quella notte perdono un pezzo del loro futuro, fanno i conti con il destino, costretti a rimettere in piedi le loro esistenze raccogliendone i pezzetti, fra i sensi di colpa di sentirsi vivi e la rabbia, perché morire fa parte della vita, ma così no. Non ha senso.

Floriane era riuscita a nascondersi in un buco sul retro del teatro: aveva perso di vista Renaud quasi subito, sperava fosse riuscito a uscire in strada. Tocca a suo padre, il giorno dopo, dirle che l'uomo della sua vita non c’è più: si conoscevano da quando avevano 16 anni, tre settimane dopo avrebbero dovuto sposarsi. Per Johannes è lo stesso: nell’inferno del Bataclan riesce a sdraiarsi dietro il bancone del bar e stringe i pugni, implorando che Maud abbia fatto lo stesso. Anche a lui dicono solo il giorno dopo che sua moglie è morta.



Floriane e Johannes si conoscono durante una delle tante occasioni che radunano i superstiti, fra interrogatori, commemorazioni e serate di terapie psicologiche di gruppo. Iniziano a sentirsi, parlano la stessa lingua di chi non sa bene che farsene delle giornate, svuotate di tutto. Hanno in comune la paura di uscire di casa e dei posti affollati, il terrore che scatena qualsiasi rumore improvviso, l’angoscia di aver toccato con mano la morte, che chissà perché quella sera li ha solo sfiorati.

Si sposano nel 2017, e pochi mesi dopo nasce Bérénice: neanche il nome è un caso, significa “colei che porta la vittoria”. E quella bimba una vittoria lo è davvero: “Sulla vita e su ciò che abbiamo vissuto. Siamo fragili, ma ogni passo ci rende un po’ più forti e resistenti”. Oggi vivono in un appartamento alla periferia di Parigi con una grande vetrata: ogni giorno entra il sole, e un po’ di speranza.

Galleria fotografica
Bérénice, la figlia del Bataclan - immagine 1
Bérénice, la figlia del Bataclan - immagine 2
Bérénice, la figlia del Bataclan - immagine 3
Attualità
Notte di paura per un Bigfoot
Notte di paura per un Bigfoot
Una giovane coppia di fidanzati in campeggio nel Kentucky coinvolti nell’avvistamento della mostruosa creatura: un campeggiatore ha aperto il fuoco, ma loro non hanno visto nulla
Bravi da morire
Bravi da morire
Il passato turbolento di Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale-Hjorth, gli assassini del vice-brigadiere Cerciello Rega, ricostruito dal “San Francisco Chronicle”
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Partita dalle coste inglesi, una bottiglia contenente pensieri e messaggi su una ragazzina morta nella strage, è stata ritrovata lungo le spiagge del Salento
Muore la regina del wrestling
Muore la regina del wrestling
Ashley Massaro, Dirty Diva, è morta in un ospedale di New York: la polizia sospetta un’overdose. Potente sul ring ma anche bella, aveva conquistato diverse copertine, compresa quella di Playboy
"Suicida perché era un pedofilo"
"Suicida perché era un pedofilo"
La moglie del suicida dopo un programma tv esulta sui social per la sua morte: "L'ho lasciato perché era un pedofilo, basta pietismo". Era andato in trasmissione per dimostrare alla nuova fidanzata che non l'aveva tradita
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
Un audio diffuso dai media americani, registrato poco dopo l’incidente del volo Lion Air, rivela un furioso incontro fra alcuni piloti e i responsabili della Boeing
La truffa del principe dei diamanti
La truffa del principe dei diamanti
Shimon Leviev si faceva chiamare così, spacciandosi per il figlio di un miliardario israeliano. Agiva su Tinder, e dopo aver conquistato le sue prede chiedeva soldi per ricominciare la commedia
Australia, la figuraccia delle banconote
Australia, la figuraccia delle banconote
Sulla nuova banconota da 50 dollari, qualcuno ha scoperto un “refuso”: una parola scritta in modo sbagliato. L’errore è stato corretto, ma ritirare 46 milioni di banconote sbagliate sarà impossibile
It’s a boy!
It’s a boy!
Così recita il post su Instagram: l’annuncio euforico di papà Harry per la nascita dell’ottavo pronipote di Elisabetta II. Un ringraziamento pubblico alla forza di Meghan
Caitlin, la ragazza senza memoria
Caitlin, la ragazza senza memoria
Vittima di un incidente sportivo, ha subito un trauma all’ippocampo: ricorda dettagli del suo passato, ma ogni giorno non sa dire cosa le è successo il giorno prima