Bravi da morire

| Il passato turbolento di Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale-Hjorth, gli assassini del vice-brigadiere Cerciello Rega, ricostruito dal “San Francisco Chronicle”

+ Miei preferiti
“Mio figlio è un bravo ragazzo”, ripete come un mantra Ethan Elder, il padre di Finnegan Lee, uno dei due giovani rei confessi dell’omicidio del vice-maresciallo Mario Cerciello Rega. È la disperata difesa di un padre che probabilmente sa meglio di chiunque altro che suo figlio non è esattamente un tipetto raccomandabile. Lo dimostra un’inchiesta del “San Francisco Chronicle”, uno dei quotidiani della città californiana, che è riuscita a scavare nel passato del 19enne gettando su di lui l’ombra inquietante della violenza come abitudine. Nel 2016, Finnegan Lee Elder giocava nella squadra di football della “Sacred Heart Cathedral Preparatory”, una scuola molto nota di San Francisco: il 29 ottobre, nel corso di una partita, Finnegan aveva sferrato un violento pugno ad un avversario mandandolo all’ospedale in gravi condizioni. E non era la prima volta: nel periodo del liceo, a 16 anni, al termine di una festa aveva fatto la stessa cosa con un amico, ancora una volta ricoverato in ospedale in condizioni critiche. Il quotidiano afferma che i cronisti hanno più volte tentato di mettersi in contatto con il Sacred Heart, ma senza successo.



Non è chiaro se Finnegan Lee Elder, nato il 31 gennaio del 2000 in una famiglia facoltosa, abbia subito provvedimenti disciplinari tali da portarlo a cambiare scuola, mentre è certo che sia stato arrestato con l’accusa di aggressione per lesioni gravi finendo per risponderne davanti al tribunale per i minori. Le rivelazioni si fermano qui: “a causa della delicatezza del caso, molti preferiscono tacere o restare anonimi”.

L’unico a parlare è Sean, lo zio di Finnegan, che giustifica i precedenti come “Una rissa di cui molti erano al corrente. Conosco Finnegan da quando è nato: non l’ho mai visto diventare violento o perdere le staffe. Lo stesso Sacred Heart non aveva ritenuto necessario prendere alcun provvedimento: mio nipote ha cambiato scuola iscrivendosi alla Tamalpais High dopo il trasferimento del padre a Mill Valley”. È lì, una delle scuole considerate fra le migliori cento della Bay Area, che conosce Gabriel Christian Natale-Hjorth, l’amico con cui era in vacanza a Roma.

Anche sul suo conto, in questi giorni, amici ed ex insegnanti sono stati intervistati, consentendo di tracciarne il profilo. Non particolarmente brillante a scuola e portato alle spacconate, Gabriel Christian Natale-Hjorth era considerato un mezzo delinquente. Appassionato di giornalismo, scriveva per “The Tam News”, il giornale scolastico, e secondo un ragazzo che frequentava la stessa scuola era conosciuto come “Un bullo a cui piaceva picchiare i più piccoli, con la reputazione dello spacciatore”.

I due giovani americani si trovano i due celle separate del carcere di Regina Coeli, e ancora devono ricevere la visita dal console americano, com’è consuetudine.

Galleria fotografica
Bravi da morire - immagine 1
Attualità
Joker, un successo pericoloso
Joker, un successo pericoloso
La straordinaria interpretazione di Joaquin Phenix minacciata da una lettera dei familiari delle vittime del cinema di Aurora e da un allarme lanciato dall’FBI per possibili attentati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
La US Navy ammette tre fenomeni aerei non identificati
Non è l’ammissione dell’esistenza di visitatori di altri pianeti, ma semplicemente l’impossibilità – al momento – di trovare una risposta scientifica ai fenomeni
E se domani salisse al potere Caligola?
E se domani salisse al potere Caligola?
Le confuse e violente successioni degli imperatori romani sembrano quanto più di distante possibile dalla nostra moderna democrazia. In realtà, senza ricorrere a veleni e pugnali, ancora oggi la politica utilizza i metodi di allora
Barcellona, boom di furti ai turisti
Barcellona, boom di furti ai turisti
Il capoluogo della Catalogna si sta guadagnando la fama di città fra le più violente e insicure al mondo: quasi 15mila fra furti e scippi ogni anno, e i cittadini si mobilitano
Notte di paura per un Bigfoot
Notte di paura per un Bigfoot
Una giovane coppia di fidanzati in campeggio nel Kentucky coinvolti nell’avvistamento della mostruosa creatura: un campeggiatore ha aperto il fuoco, ma loro non hanno visto nulla
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Partita dalle coste inglesi, una bottiglia contenente pensieri e messaggi su una ragazzina morta nella strage, è stata ritrovata lungo le spiagge del Salento
Muore la regina del wrestling
Muore la regina del wrestling
Ashley Massaro, Dirty Diva, è morta in un ospedale di New York: la polizia sospetta un’overdose. Potente sul ring ma anche bella, aveva conquistato diverse copertine, compresa quella di Playboy
"Suicida perché era un pedofilo"
"Suicida perché era un pedofilo"
La moglie del suicida dopo un programma tv esulta sui social per la sua morte: "L'ho lasciato perché era un pedofilo, basta pietismo". Era andato in trasmissione per dimostrare alla nuova fidanzata che non l'aveva tradita
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
Un audio diffuso dai media americani, registrato poco dopo l’incidente del volo Lion Air, rivela un furioso incontro fra alcuni piloti e i responsabili della Boeing
La truffa del principe dei diamanti
La truffa del principe dei diamanti
Shimon Leviev si faceva chiamare così, spacciandosi per il figlio di un miliardario israeliano. Agiva su Tinder, e dopo aver conquistato le sue prede chiedeva soldi per ricominciare la commedia