Brunei: lapidare i gay è giusto

| In una lettera inviata alla UE, il ricchissimo sultano del paese del Borneo difende l’entrata in vigore delle regole della sharia che prevedono pesanti punizioni corporali per omosessuali e adulteri

+ Miei preferiti
La decisione di adottare all’interno del codice penale del Sultanato del Brunei le durissime regole della sharia, con norme “che violano gravemente il diritto internazionale sui diritti umani”, aveva scatenato l’indignazione del mondo intero. A volerla il Sultano del Brunei Hassanal Bolkiah Al-Mu’izzaddin Waddaulah ibni Almarhum Sultan Omar Ali Saifuddien Sa’adul Khairi Waddien, classe 1946, 29esimo sultano del paese del Borneo, con un patrimonio personale stimato in 20 miliardi di dollari.

Le regole, che includono punizioni aberranti per gay e adulteri come lapidazioni, flagellazioni, amputazioni e pena di morte, avevano scatenato le ire anche di celebrità come Elton John, George Clooney ed Ellen deGeneres, che avevano invitato a boicottare il Sultanato. Ad essere in allarme anche la associazioni umanitarie e le comunità gay del Brunei.

Sulla spinta del coro di critiche che ha attraversato il pianeta, culminata con una risoluzione sottoscritta la scorsa settimana da diversi europarlamentari in cui si chiedono reazioni come congelamento dei beni e divieto di visti, il sultano del Brunei ha voluto scrivere una lettera all’UE in cui chiede “tolleranza, rispetto e comprensione” per quelli che considera sforzi per mantenere alti i proprio valori tradizionali, ma anche per difendere il nuovo codice penale di cui va decisamente fiero nei passaggi in cui prevede la lapidazione per adulteri e omosessuali, precisando che si tratta di una norma introdotta per “salvaguardare la sacralità della discendenza familiare e del matrimonio”. Poi, quasi per placare gli animi degli Occidentali, ha ammesso che le condanne eseguite “saranno molto poche, visto che sono necessari almeno due testimoni di alta statura morale e che sarà esclusa ogni prova circostanziale”.

Attualità
Notte di paura per un Bigfoot
Notte di paura per un Bigfoot
Una giovane coppia di fidanzati in campeggio nel Kentucky coinvolti nell’avvistamento della mostruosa creatura: un campeggiatore ha aperto il fuoco, ma loro non hanno visto nulla
Bravi da morire
Bravi da morire
Il passato turbolento di Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale-Hjorth, gli assassini del vice-brigadiere Cerciello Rega, ricostruito dal “San Francisco Chronicle”
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Il viaggio della bottiglia per una vittima di Manchester
Partita dalle coste inglesi, una bottiglia contenente pensieri e messaggi su una ragazzina morta nella strage, è stata ritrovata lungo le spiagge del Salento
Muore la regina del wrestling
Muore la regina del wrestling
Ashley Massaro, Dirty Diva, è morta in un ospedale di New York: la polizia sospetta un’overdose. Potente sul ring ma anche bella, aveva conquistato diverse copertine, compresa quella di Playboy
"Suicida perché era un pedofilo"
"Suicida perché era un pedofilo"
La moglie del suicida dopo un programma tv esulta sui social per la sua morte: "L'ho lasciato perché era un pedofilo, basta pietismo". Era andato in trasmissione per dimostrare alla nuova fidanzata che non l'aveva tradita
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
I piloti dei 737 Max contro la Boeing
Un audio diffuso dai media americani, registrato poco dopo l’incidente del volo Lion Air, rivela un furioso incontro fra alcuni piloti e i responsabili della Boeing
La truffa del principe dei diamanti
La truffa del principe dei diamanti
Shimon Leviev si faceva chiamare così, spacciandosi per il figlio di un miliardario israeliano. Agiva su Tinder, e dopo aver conquistato le sue prede chiedeva soldi per ricominciare la commedia
Australia, la figuraccia delle banconote
Australia, la figuraccia delle banconote
Sulla nuova banconota da 50 dollari, qualcuno ha scoperto un “refuso”: una parola scritta in modo sbagliato. L’errore è stato corretto, ma ritirare 46 milioni di banconote sbagliate sarà impossibile
It’s a boy!
It’s a boy!
Così recita il post su Instagram: l’annuncio euforico di papà Harry per la nascita dell’ottavo pronipote di Elisabetta II. Un ringraziamento pubblico alla forza di Meghan
Caitlin, la ragazza senza memoria
Caitlin, la ragazza senza memoria
Vittima di un incidente sportivo, ha subito un trauma all’ippocampo: ricorda dettagli del suo passato, ma ogni giorno non sa dire cosa le è successo il giorno prima